Maîtresse (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maîtresse
Maîtresse.jpg
Bulle Ogier in una scena del film
Paese di produzioneFrancia
Anno1975
Durata112 min
Rapporto1,66:1
Generedrammatico, erotico
RegiaBarbet Schroeder
SceneggiaturaBarbet Schroeder, Paul Voujargol
ProduttorePierre Andrieux
FotografiaNéstor Almendros
MontaggioDenise de Casabianca
MusicheCarlos d'Alessio
CostumiKarl Lagerfeld
Interpreti e personaggi

Maîtresse è un film del 1975 diretto da Barbet Schroeder. Ambientato a Parigi, il film racconta la storia d'amore tra un uomo e una dominatrice professionista divisa tra la sua vita privata e la sua attività incentrata sul BDSM.

A causa di alcune scene realistiche ed esplicite, come quelle riguardanti le frustate e l'inchiodamento del pene di un cliente su un tavolo, alla sua uscita in Gran Bretagna il film venne inizialmente proibito.[1] Le scene sadomaso sono state girate usando una vera dominatrice professionista come controfigura dell'attrice principale e come attori dei reali appassionati del BDSM.[1]

L'artista Allen Jones ha curato il poster del film.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Appena arrivato a Parigi, Olivier viene convinto dall'amico Mario a vendere libri porta a porta. Recandosi in un vecchio edificio conoscono Ariane che dice loro di avere dei problemi all'impianto idraulico. Mentre sono intenti a fissare i tubi scoprono che al piano inferiore non c'è nessuno e decidono di svaligiare la casa, ma quando vi si recano restano imprigionati in quella che sembra essere una stanza di tortura. Una volta raggiunti i due uomini intrufolatisi, Ariane decide di lasciarli andare a patto che Olivier l'assista durante la sua attività di dominatrice sadomaso.

Olivier finisce per innamorarsi di Ariane e cerca di convincerla ad abbandonare questo genere di lavoro, ma la donna non è affatto convita di volere abbandonare questo stile di vita.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Maîtresse (1975), in barbetschroeder.com. URL consultato il 22 febbraio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]