MPF (Biologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il fattore che promuove la maturazione, abbreviato spesso in MPF (dall'inglese Maturation promoting factor), è una proteina eterodimerica formata da ciclina B e da chinasi ciclina dipendenti (CDK, anche note come Cdc2 o p34 chinasi) che stimola la fase della mitosi e della meiosi nel ciclo cellulare. L'MPF promuove il passaggio dalla fase G2 alla fase M fosforilando diverse proteine necessarie durante la mitosi. L'MPF viene attivato alla fine della fase G2 da un enzima fosfatasi che rimuove un gruppo fosfato inibitorio aggiunto in precedenza.

Scoperta[modifica | modifica wikitesto]

Esperimenti condotti da Masui e Markert nel 1971 dimostrano che microiniettando citoplasma prelevato di oociti stimolati con progesterone in oociti immaturi (fermi in fase G2) questo era sufficiente a completare la prima divisione meiotica in assenza di stimolazione ormonale. Si dedusse, dunque, che iolcitoplasma di cellule uovo adulte dovesse contenere un fattore proteico, che da solo era in grado di innescare l'ingresso in fase M. Questo venne chiamato MPF.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

In cellule del lievito S.pome MPF è formato da Cdc13 e Cdc2, mentre nell'uomo MPF è formato da Ckc1, che rappresenta la subunità catalitica e cilina B, che è la subunità regolatoria.

Ruolo nel ciclo cellulare[modifica | modifica wikitesto]

Attivazione dell'MPF[modifica | modifica wikitesto]

L'MPF deve essere attivato affinché la cellula passi dalla fase G2 alla fase M. Ci sono 3 residui amminoacidici responsabili di questo. La treonina-161 (Thr-161) sulla CDK deve essere fosforilata da una chinasi chiamata CAK (Cyclin Activating Kinase). La CAK fosforila la treonina-161 solo quando la ciclina B è legata alla CDK. L'attivazione richiede la defosforilazione di altri due residui amminoacidici sulla CDK: viene tolto un gruppo fosfato e aggiunto un gruppo ossidrile alla treonina-14 (Thr-14) e alla tirosina-15 (Tyr-15).

Sommario delle funzioni dell'MPF[modifica | modifica wikitesto]

  • Stimola la formazione del fuso mitotico
  • Promouve la condensazione della cromatina attraverso la fosforilazione delle condensine
  • Causa la degradazione della membrana nucleare fosforillando i filamenti intermedi che costituiscono la lamina nucleare
  • Causa la fosforilazione di GM130 che conduce alla frammentazione del Golgi e del reticolo endoplasmatico

Bersagli dell'MPF[modifica | modifica wikitesto]

I seguenti elementi sono influenzati dall'MPF.

Inibizione della Miosina[modifica | modifica wikitesto]

L'MPF fosforilla siti inibitori presenti sulla miosina all'inizio della mitosi, questo impedisce la citodieresi. Durante l'anafase l'attività dell'MPF diminuisce, i siti inibitori sono defosforillati e la citodieresi avviene.

Degradazione da parte dell'APC[modifica | modifica wikitesto]

Nuvola apps katomic.svg Cellula
Organuli e strutture cellulari
Apparato del GolgiApparato mitoticoCentrioloCigliaCitoplasmaCitosolCloroplastoCitoscheletroFlagelloLeucoplastoLisosomaMembrana cellulareMitocondrioMembrana nucleareNucleoNucleoloParete cellularePeriplasmaPerossisomaReticolo endoplasmatico
Processi cellulari
ApoptosiCiclo cellulareDivisione cellulareEndocitosiEsocitosiTranscitosiFagocitosiEmperipolesiInterfaseMeiosiMitosiNecrosiPinocitosiRespirazione cellulareTrasporto di membrana (Trasporto attivoTrasporto passivo)
Metabolismo delle macromolecole
FoldingReplicazione del DNARiparazione del DNASintesi proteicaTrascrizione
Biologia Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biologia