Machine Gun Kelly (rapper)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da MGK (rapper))
Machine Gun Kelly
Machine Gun Kelly.jpg
Machine Gun Kelly nel 2013
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Rap
Periodo di attività musicale 2006 – in attività
Strumento Voce, Chitarra, Sampler, Synth
Etichetta Bad Boy Records, Interscope Records, Geffen Records
Album pubblicati 3
Studio 3
Sito ufficiale

Colson Baker[1], meglio noto come o Machine Gun Kelly (Houston, 22 aprile 1990), è un rapper, chitarrista e cantante statunitense.

MGK inizia la sua carriera musicale da teenager, pubblicando il suo primo mixtape nel 2006. Produce poi negli anni altri quattro mixtape, fino ad attirare l'attenzione nazionale nel 2010. MGK ha poi firmato un contratto con la Bad Boy e la Interscope Records nel 2011. Il suo album di debutto con una major, Lace Up, uscito nell'Ottobre 2012, contiene singoli come "Wild Boy", "Invincible", "Stereo" e "Hold On (Shut up)", e ha debuttato nella Billboard 200 in quarta posizione. La Recording Industry Association of America (RIAA) ha successivamente confermato che l'album ha venduto più di 178000 copie. Nel 2015, produce i singoli "Till I Die" e "A Little More", che anticipano il suo secondo album ufficiale in studio, "General Admission", distribuito nell'Ottobre 2015.

MGK appare anche in diversi film, come l'acclamato "Beyond the Lights", dove interpreta Kid Culprit. Compare anche in "Roadies" nel ruolo di Wes, oltre ad apparire con un ruolo più importante in Viral, Punk's Dead: SLC Punk 2 e Nerve.

Biografia e carriera[modifica | modifica wikitesto]

1990-2009: Inizio della carriera[modifica | modifica wikitesto]

Colson Baker nasce a Houston,Texas il 22 aprile 1990. Lui e la sua famiglia si muovono spesso per il mondo e si stabiliscono in varie parti del globo, dall'Egitto alla Germania, così come negli Stati Uniti, a Chicago, Denver e Cleveland. Si stabilì a Denver con suo padre e sua zia, dopo che sua madre se ne andò di casa. Poiché il padre soffre di depressione ed è disoccupato, MGK è spesso vittima di bullismo nel suo quartiere. Inizia ad ascoltare rap in prima media, quando frequenta la Hamilton Middle School, dalla variegata composizione etnica. I primi tre rapper ascoltati sono Ludacris, Eminem e DMX, la cui canzone "We Right Here" provoca un grande interesse da parte sua per il genere. La vita domestica di MGK era raramente stabile, poiché si trovava spesso in conflitto con il padre. Mentre frequenta la Thomas Jefferson High School, il padre si arruola e si trasferisce in Kuwait, lasciandolo a vivere con la zia. Durante questo periodo, MGK inizia a provare diverse droghe e registra il suo primo tape amatoriale, "Stamp of Approval", e smette di frequentare la scuola. Nel 2005 il padre torna per portare la coppia in Kuwait, ma MGK si è trasferito a Cleveland, dove frequenta la Shaker Heights High School. Nel frattempo convince un venditore di magliette a diventare suo manager, promettendogli di fargli guadagnare il doppio delle entrate. Il nome Machine Gun Kelly gli viene dato dai fan per il suo stile veloce e nel 2006 produce il mixtape "Stamp of Approval". Con questo mixtape, la sua reputazione aumenta e comincia ad esibirsi nei locali di Cleveland. Nel marzo 2009, MGK partecipa all'Apollo Theater di Harlem, dove diventa il primo rapper a vincere dei premi. Registra la sua musica a casa, in uno studio che chiama "Rage Cage", e inizia a guadagnare popolarità facendo freestyle all'MTV2's Sucker Free Freestyle. Nel febbraio del 2010 pubblica il suo secondo mixtape "100 Words and running", nel quale appare per la prima volta il suo slogan "Lace Up". Nonostante la crescente popolarità, per pagare l'affitto lavora da Chipotle, e dopo il diploma viene cacciato di casa dal padre, trasferendosi con Slim Gudz e Dubo nel seminterrato della casa della madre del suo manager, dove registrerà la maggior parte dei brani che comporranno il suo nuovo album.

2009-12: Contratto discografico e Lace Up[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2010 fa il suo debutto nazionale con il singolo "Alice in Wonderland", distribuito su iTunes e accompagnato da un video musicale, prodotto sotto Block Starz Music. Il singolo porta MGK a vincere il premio "Best Midwest Artist" ai 2010 Underground Music Awards, e il premio di miglior videoclip ai 2010 Ohio Hip-Hop Awards. Produce nel novembre 2010 il mixtape "Lace Up", contenente "Cleveland", un inno alla sua città, che verrà usato nelle partite casalinghe dei Cleveland Cavaliers e passerà spesso nella radio Z107.9 di Cleveland. Appare poi nella traccia di JuicyJ, "Inhale", al cui videoclip parteciperà anche Steve-O.

Nel marzo 2011 partecipa all'SXSW Show ad Austin,Texas e qui gli viene proposto un contratto da Sean Combs della Bad Boy Records, affiliata alla Interscope Records. Dopo la sua firma, produce il videoclip di "Wild Boy" assieme a Waka Flocka Flame e prodotto da GB Hitz. Nel 2011, MGK firma un contratto con la Young and Reckless Clothing e annuncia il suo primo EP in studio, "Half naked and almost famous", che viene messo in vendita il 20 marzo 2012 e debutta alla posizione 46 della Billboard Top200, vendendo 36500 copie fino ad agosto 2012. MGK annuncia poi il suo primo album ufficiale, "Lace Up", distribuito poi il 9 ottobre 2012. Appare nella puntata di Raw del 15 giugno 2015 ma, dopo che Kewin Owens rifiuta di dargli la mano, si becca una Powerbomb sullo stage.

2016-presente[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 ottobre 2016, esce il brano "Bad Things" in collaborazione con la ex membro delle Fifth Harmony, Camila Cabello. "Bad Things" raggiunge la 10ª posizione nella classifica Americana subito dopo l'uscita del video sul canale Vevo ufficiale di Machine Gun Kelly.

Il 16 Marzo 2017 pubblica, sempre sul suo canale Vevo, una collaborazione con Hailee Steinfeld intitolata "At My Best", il cui video ufficiale viene pubblicato il successivo 21 Aprile. Il rapper comunica che il brano, insieme a "Bad Things", farà parte del suo terzo album in studio, pubblicato il 12 Maggio 2017 con il titolo di bloom[2].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

MGK ha una figlia di nome Casie, nata nel 2008. [3] Sebbene MGK e la madre della bambina, non stiano più insieme, sono in buoni rapporti, e il rapper ha usato molto del ricavato dei suoi album, per comprare una nuova casa a lei e alla figlia.

Ha parlato apertamente del suo passato da eroinomane, da cui ha tratto una canzone: "Lead You On", che per lui resta quella con l'impatto emotivo più grande.[4] A causa della sua dipendenza, nel 2010, ha attraversato un periodo da senza tetto, di conseguenza, ha frequentato un centro di riabilitazione per curarsi. MGK ha tentato il suicidio per Overdose.

Dichiara apertamente di fare uso di Marijuana e ha dichiarato in varie interviste che fuma giornalmente, descrivendolo come "una fonte di felicità e un modo in cui le persone possono sentire un po' d'amore." Cita frequentemente la cannabis nella sua musica, mettendola in prima linea sia nelle sue canzoni che nel suo personaggio.[5]

Come maggiori influenze cita DMX e Eminem, ma anche rock-band come i Guns N' Roses e i Blink-182, soprattutto durante la sua giovinezza.[6]

Nel Maggio 2015, gira voce che frequenti l'attrice Amber Rose. Il 26 Maggio, MGK conferma la relazione durante un'intervista all'AOL. I due si separeranno nell'Ottobre 2015.[7] Riguardo alla sua filosofia politica Machine Gun Kelly si definisce un Anarchico.[8]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Catfish - reality, 1 episodio (2015)
  • Roadies – serie TV, 10 episodi (2016)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MGK biography, su Billboard. URL consultato il 28 maggio 2017.
  2. ^ Mgk annuncia il suo nuovo album, 07 aprile 2017. URL consultato il 2017.
  3. ^ Biography. machinegunkelly.com
  4. ^ MGK talks heroin addiction, Genius, 1º gennaio 2010. URL consultato il 30 maggio 2015.
  5. ^ BroBible.com, 1º gennaio 2010, http://www.brobible.com/entertainment/music/article/machine-gun-kelly-pound-of-weed/. URL consultato il 30 maggio 2015.
  6. ^ Machine Gun Kelly's 30 favorite albums, Complex, 30 settembre 2012. URL consultato il 27 giugno 2015.
  7. ^ youtube.com, 19 ottobre2015, https://www.youtube.com/watch?v=E19Syfrdirs . URL consultato il 13 gennaio 2016.
  8. ^ youtube.com, 2 settembre 2012, https://www.youtube.com/watch?v=Ju2jsbF3G8I . URL consultato il 5 dicembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN273350826 · LCCN: (ENno2012132111 · ISNI: (EN0000 0003 8401 1948 · BNF: (FRcb16678911j (data)