Mário Soares

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mário Soares
Mário Soares (2003).jpeg

Portogallo Presidente del Portogallo
Durata mandato 9 marzo 1986 –
9 marzo 1996
Capo del governo Aníbal Cavaco Silva
António Guterres
Predecessore António Ramalho Eanes
Successore Jorge Sampaio

Portogallo Primo ministro del Portogallo
Durata mandato 23 luglio 1976 –
28 agosto 1978
Predecessore Vasco de Almeida e Costa
Successore Alfredo Nobre da Costa

Durata mandato 9 giugno 1983 –
6 novembre 1985
Predecessore Francisco Pinto Balsemão
Successore Aníbal Cavaco Silva

Ministro degli Affari Esteri del Portogallo
Durata mandato 12 ottobre 1977 –
30 gennaio 1978
Predecessore Josè Medeiros Ferreira
Successore Vitor de Sà Machado

Durata mandato 15 maggio 1974 –
26 marzo 1975
Predecessore Giunta di Salvezza Nazionale
Successore Ernesto Melo Antunes

Ministro senza portafoglio
Durata mandato 26 marzo 1975 –
8 agosto 1975
Predecessore Ernesto Melo Antunes
Successore Jorge Campinos

Segretario generale del Partito Socialista
Durata mandato 19 aprile 1973 –
13 giugno 1986
Predecessore partito creato
Successore Vítor Constâncio

Dati generali
Partito politico Partito Socialista

Mário Soares, nome completo Mário Alberto Nobre Lopes Soares (Lisbona, 7 dicembre 1924Lisbona, 7 gennaio 2017), è stato un politico portoghese, appartenente al Partito Socialista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mario Soares studiò all'Università di Lisbona e conseguì nel 1951 la laurea in Lettere e Filosofia e nel 1957 la laurea in Giurisprudenza. Fin da quando era studente universitario manifestò la sua opposizione alla dittatura di Salazar. Divenuto docente universitario, avvocato, difensore di prigionieri politici, fu più volte arrestato e incarcerato[1].

Nel 1964 insieme ad altri oppositori al regime fondò il Movimento di azione socialista. Fu espulso due volte dal paese, nel 1968 e nel 1970. Tornò in patria nel 1974, alla caduta della dittatura dopo la Rivoluzione dei Garofani. Alla guida del Partito Socialista Portoghese, vinse le elezioni legislative del 1976, conquistando la maggioranza relativa.

Soares è stato due volte Primo Ministro del suo paese, dal 1976 al 1978 e dal 1983 al 1985. Il 10 marzo 1986 è stato eletto Presidente della Repubblica, ruolo che ha ricoperto (grazie alla vittoria alle successive elezioni del 13 gennaio 1991) per due mandati consecutivi, sino al 9 marzo 1996. È stato europarlamentare fino al 2004.

È stato iniziato in Massoneria nel 1972, nella loggia Les Compagnons Ardents appartenente alla Grande Loge di Francia, quando era rifugiato politico in questo Paese. [senza fonte]

In seguito all'esposizione della salma presso la camera ardente all'interno del monastero dos Jerónimos ed i solenni funerali di Stato, è stato sepolto il 10 gennaio 2017 nel cimitero monumentale di dos Prazeres.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze portoghesi[modifica | modifica wikitesto]

Fascia dei tre ordini - nastrino per uniforme ordinaria Fascia dei tre ordini
Gran maestro dell'Ordine della Torre e della spada - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine della Torre e della spada
Gran maestro dell'Ordine del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine del Cristo
Gran maestro dell'Ordine militare di San Benedetto d'Avis - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine militare di San Benedetto d'Avis
Gran maestro dell'Ordine di San Giacomo della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine di San Giacomo della Spada
Gran maestro dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique
Gran maestro dell'Ordine della Libertà - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine della Libertà
Gran maestro dell'Ordine al merito - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine al merito
Gran maestro dell'Ordine dell'Istruzione pubblica - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine dell'Istruzione pubblica
immagine del nastrino non ancora presente Gran Maestro dell'Ordine al merito agricolo, industriale e commerciale

Personalmente è stato insignito dei titoli di:

Cavaliere di Gran croce dell'Ordine del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine del Cristo
— 9 aprile 1981
Gran collare dell'Ordine della Torre e della spada - nastrino per uniforme ordinaria Gran collare dell'Ordine della Torre e della spada
— 9 marzo 1991
Gran collare dell'Ordine della Libertà - nastrino per uniforme ordinaria Gran collare dell'Ordine della Libertà
— 9 marzo 1996

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 9 novembre 1983[2]
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 28 gennaio 1987
Grande stella dell'Ordine al merito della Repubblica austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Grande stella dell'Ordine al merito della Repubblica austriaca (Austria)
— 10 marzo 1987
Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Falcone (Islanda) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Falcone (Islanda)
— 10 marzo 1987
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine nazionale della Croce del Sud (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine nazionale della Croce del Sud (Brasile)
— 10 marzo 1987
Cavaliere di gran croce dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
— 10 marzo 1987
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca)
— 10 marzo 1987
Cavaliere di Gran croce con stella d'oro dell'Ordine al merito di Duarte, Sanchez e Mella (Repubblica Dominicana) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce con stella d'oro dell'Ordine al merito di Duarte, Sanchez e Mella (Repubblica Dominicana)
— 10 marzo 1987
Gran collare dell'Ordine del Congresso nazionale (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Gran collare dell'Ordine del Congresso nazionale (Brasile)
— 13 aprile 1987
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine di Ipiranga (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine di Ipiranga (Brasile)
— 13 aprile 1987
Gran medaglia gwanghwa dell'Ordine al merito del servizio diplomatico (Corea del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria Gran medaglia gwanghwa dell'Ordine al merito del servizio diplomatico (Corea del Sud)
— 23 aprile 1987
Gran collare dell'Ordine del Liberatore (Venezuela) - nastrino per uniforme ordinaria Gran collare dell'Ordine del Liberatore (Venezuela)
— 10 novembre 1987
Gran collare dell'Ordine nazionale della Croce del Sud (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Gran collare dell'Ordine nazionale della Croce del Sud (Brasile)
— 10 novembre 1987
Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Salvatore (Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Salvatore (Grecia)
— 20 novembre 1987
Collare dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 11 dicembre 1987[3]
Collare dell'Ordine al merito dello Stato di Bahia (Bahia) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine al merito dello Stato di Bahia (Bahia)
— 30 marzo 1988
Fascia dell'Ordine della grande stella di Iugoslavia (Iugoslavia) - nastrino per uniforme ordinaria Fascia dell'Ordine della grande stella di Iugoslavia (Iugoslavia)
— 30 marzo 1988
Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca)
— 30 marzo 1988
Cavaliere di gran croce dell'Ordine nazionale al merito (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine nazionale al merito (Francia)
— 26 maggio 1988
Cavaliere dell'Ordine del Leone d'oro di Nassau (Lussemburgo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Leone d'oro di Nassau (Lussemburgo)
— 26 maggio 1988
Gran collare dell'Ordine di Boyacá (Colombia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran collare dell'Ordine di Boyacá (Colombia)
— 27 maggio 1988
Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (Italia)
— 5 aprile 1989[4]
Collare dell'Ordine pro merito melitensi (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine pro merito melitensi (SMOM)
— 9 maggio 1989
Gran collare dell'Ordine Nazionale al Merito (Ecuador) - nastrino per uniforme ordinaria Gran collare dell'Ordine Nazionale al Merito (Ecuador)
— 12 settembre 1989
Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito del Congo (Repubblica del Congo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito del Congo (Repubblica del Congo)
— 12 settembre 1989
Gran cordone dell'Ordine nazionale del Leopardo (Zaire) - nastrino per uniforme ordinaria Gran cordone dell'Ordine nazionale del Leopardo (Zaire)
— 4 dicembre 1989
Cavaliere di gran stella dell'Ordine della grande stella di Iugoslavia (Iugoslavia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran stella dell'Ordine della grande stella di Iugoslavia (Iugoslavia)
— 24 aprile 1990
Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
— 7 maggio 1990
Gran collare dell'Ordine di Makarios III (Cipro) - nastrino per uniforme ordinaria Gran collare dell'Ordine di Makarios III (Cipro)
— 29 maggio 1990
Cavaliere di gran croce dell'Ordine nazionale della Costa d'Avorio (Costa d'Avorio) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine nazionale della Costa d'Avorio (Costa d'Avorio)
— 1º giugno 1990
Cavaliere di collare dell'Ordine piano (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di collare dell'Ordine piano (Santa Sede)
— 8 gennaio 1991
Classe speciale della gran croce dell'Ordine al merito di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Classe speciale della gran croce dell'Ordine al merito di Germania (Germania)
— 8 gennaio 1991
Commendatore di gran croce con collare dell'Ordine della Rosa bianca (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di gran croce con collare dell'Ordine della Rosa bianca (Finlandia)
— 8 marzo 1991
Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi)
— 26 settembre 1991
Membro di classe eccezionale dell'Ordine della Sovranità (Marocco) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di classe eccezionale dell'Ordine della Sovranità (Marocco)
— 26 febbraio 1992
Collare dell'Ordine del Nilo (Egitto) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine del Nilo (Egitto)
— 4 aprile 1992
Collare dell'Ordine al merito (Cile) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine al merito (Cile)
— 22 luglio 1992
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 3 agosto 1992
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica ungherese (Ungheria) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica ungherese (Ungheria)
— 25 gennaio 1993
Cavaliere di gran croce dell'Ordine del 7 settembre (Tunisia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine del 7 settembre (Tunisia)
— 16 febbraio 1993
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica di Polonia (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica di Polonia (Polonia)
— 21 maggio 1993
Cavaliere di gran croce decorato con collare dell'Ordine del Falcone (Islanda) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce decorato con collare dell'Ordine del Falcone (Islanda)
— 29 luglio 1993
immagine del nastrino non ancora presente Cavaliere di Gran croce con placca dell'Ordine di Santa Maria Maddalena (Polonia)
— 19 agosto 1993
Membro di I classe dell'Ordine della Stella della Palestina (Palestina) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I classe dell'Ordine della Stella della Palestina (Palestina)
— 18 novembre 1993
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine della Polonia restituta (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine della Polonia restituta (Polonia)
— 1994
Compagno d'Onore Onorario dell'Ordine Nazionale al Merito (Malta) - nastrino per uniforme ordinaria Compagno d'Onore Onorario dell'Ordine Nazionale al Merito (Malta)
— 9 ottobre 1994
Premio Principe delle Asturie per la cooperazione internazionale (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per la cooperazione internazionale (Spagna)
— 1995
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine della Buona Speranza (Sudafrica) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine della Buona Speranza (Sudafrica)
— 1995[5]
Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito (Senegal) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito (Senegal)
— 28 febbraio 1996
Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine dei Santi Michele e Giorgio (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine dei Santi Michele e Giorgio (Regno Unito)
— [6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Per undici volte nelle carceri di Salazar, deportato a São Tomé, esiliato nel 1963": Pia Locatelli, Il risorgimento portoghese, Mondoperaio, n. 1/2017, p. 88.
  2. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  3. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  4. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  5. ^ Elenco dei premiati dell'anno 1995.
  6. ^ HL Deb, British honours and orders of Chivalry held by overseas heads of state, in Hansard, vol. 505, 14 marzo 1999. URL consultato il 18 luglio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo ministro del Portogallo Successore Flag of Portuguese Prime-Minister.svg
Vasco Leote de Almeida Costa 1976 - 1978 Alfredo Nobre da Costa I
Francisco Pinto Balsemão 1983 - 1985 Aníbal Cavaco Silva II
Predecessore Presidente del Portogallo Successore Presidential Standard of Portugal.svg
António Ramalho Eanes 1986 - 1996 Jorge Sampaio
Controllo di autorità VIAF: (EN5723795 · LCCN: (ENn50016646 · ISNI: (EN0000 0001 0865 9211 · GND: (DE118615157 · BNF: (FRcb119250594 (data) · NLA: (EN35509499