Lydian Sound Orchestra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lydian Sound Orchestra
LSO ph pino ninfa -P6019204.jpg
Foto di Pino Ninfa
Paese d'origineItalia Italia
GenereJazz
Periodo di attività musicale1989 – in attività
Sito ufficiale

La Lydian Sound Orchestra e una formazione musicale jazz fondata nel 1989 da Riccardo Brazzale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La formazione è ispirata all'organico della storica "Tuba Band" di Miles Davis, ma rivitalizzata da un approccio estetico contemporaneo, in cui non mancano riferimenti tanto alla tradizione jazz quanto alla scrittura eurocolta, sempre tuttavia secondo lo spirito live del work-in-progress. Dall'89 a oggi, la “Lydian” si è esibita in contesti tra i più diversi (non solo jazz, ma anche rassegne di musica classica, meeting letterari, stagioni teatrali e di balletto), in Italia e in Europa, è stata registrata più volte da Radio Rai (spesso anche in diretta come dalla Cappella Paolina del Quirinale nel 2017) e trasmessa da varie radio europee.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Nella formazione stabile della Lydian suonano da anni Robert Bonisolo, Rossano Emili, Mauro Negri (sax e clarinetti), Gianluca Carollo (tromba), Roberto Rossi (trombone), Giovanni Hoffer (corno francese), Glauco Benedetti (tuba), Paolo Birro (pianoforte), Marc Abrams (contrabbasso) e Mauro Beggio (batteria), oltre alla giovane cantante Vivian Grillo; spesso all’organico strumentale si aggiungono un coro o anche attori come voci recitanti; nel 2014 la Lydian si è esibita con la Compagnia di Balletto Abbondanza/Bertoni per la prima assoluta di “The Black Saint and The Sinner Lady” di Charles Mingus al Mart di Rovereto. Con la Lydian Sound Orchestra hanno comunque lavorato i maggiori musicisti italiani di jazz (Rava, D'Andrea, Trovesi, Fresu, Fasoli, Tonolo, Intra), ma anche importanti ospiti stranieri: Palle Danielsson, Manfred Schoff, Kenny Wheeler, Ralph Towner, Paul Motian, Terrell Stafford, Charles McPherson, Julian Arguelles, Don Moye, la Mingus Dynasty, David Murray, Jeremy Pelt, Ambrose Akinmusire.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2006, i critici della rivista "Musica Jazz” hanno sempre collocato la Lydian Sound Orchestra nella Top Ten del referendum annuale, fra i migliori gruppi italiani (nel 2016, al primo posto assoluto).

TopJazz 2018 Miglior gruppo italiano

TopJazz 2019 Miglior gruppo italiano

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

   * Lydian Sound Orchestra, Melodious Thunk (Totem Records, 1993)
   * Lydian Sound Orchestra, Timon of Athens (Flex Records, 1995)
   * Lydian Workshop, Bukowski Blues (Azzurra Music, 1999)
   * Riccardo Brazzale & Friends, The Bras and the Art of Arranging (Agorà, 2000)
   * Lydian Sound Orchestra, Monk at Town Hall & More (Abeat, 2002)
   * Various Artists, Iseo Jazz - Dieci anni di jazz italiano (CDpM, 2003)
   * Lydian Sound Orchestra & Claudio Fasoli, Azurka (Abeat, 2003)
   * Various Artist, Lester (Caligola, 2004)
   * Lydian Sound Orchestra, Back to Da Capo (Alma Records, 2006)
   * Lydian Sound Orchestra, Live in Appleby (Alma Records, 2008)
   * Various Artists, Top Jazz 2008 (MJCD, 2009)
   * Lydian Sound Orchestra, The Lydian Trip (Alma Records,  2009)
   * Various Artists, Iseo Jazz (MJCD, 2012)
   * Lydian Sound Orchestra, Ruby, Nellie and Nica (Alma Records, 2012)
   * Lydian Sound Orchestra, Reflections (MJCD, 2012)
   * Lydian Sound Orchestra, Music for Lonely Souls (Beloved by Nature) (Alma Records, 2016)
   * Various Artists, Top Jazz 2016 (MJCD, 2017)
   * Lydian Sound Orchestra, We Resist! (Parco della Musica Records, 2018)
   * Lydian Sound Orchestra, Mare 1519 (Parco della Musica Records, 2019)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Italia Jazz Oggi (di Gian Carlo Roncaglia - Ed. De Rubeis, 1995)
  • Musica Jazz, maggio 2010 (intervista a cura di Gigi Sabelli)
  • Jazzit, maggio-giugno 2010 (intervista a cura di Chiara Giordano)
  • Dizionario del jazz italiano (di Flavio Caprera - Feltrinelli Editore, 2014)
  • Jazz Journal (London), december 2016 (Profiles, by Brian Morton)
  • Musica Jazz, luglio 2018 (intervista a cura di Enzo Boddi)
  • Musica Jazz, gennaio 2020 (Un viaggio in dodici approdi di Riccardo Brazzale)
  • Il Giornale della Musica, gennaio 2020 (Il viaggio atlantico della Lydian Sound Orchestra di Marco Maiocco)
  • Il Manifesto, supplemento Alias, 25 gennaio 2020 (di Luigi Onori)
  • Musica Jazz, gennaio 2020 di Lorenza Carradori)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz