Luxoflux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luxoflux.
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariaAzienda privata
Fondazione1997 a Santa Monica (California)
Chiusura2010
Sede principaleSanta Monica
GruppoActivision
Persone chiavePeter Morawiec Adrian Stephens
SettoreSoftware House
Dipendentioltre 50[1] (2010)
Sito web

Luxoflux è stata una software house statunitense, fondata nel 1997 a Santa Monica, California, impegnata nella realizzazione di videogiochi destinati alle console.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome originario dell'azienda avrebbe dovuto essere Alpha Cannel, ma siccome già in uso, i fondatori scelsero Luxoflux, nome ottenuto dalla mescolanza di simboli casuali[1]. Il primo gioco realizzato da Luxoflux fu Vigilante 8 ultimato nel 1998, da un piccolo team composto di sole 5 persone. Il gioco ebbe un successo tale da garantire un sequel, Vigilante 8: Seconde Offense, sviluppato per Nintendo 64, PlayStation e Dreamcast. In questo periodo nacque una tradizione di casa luxoflux secondo la quale ogni gioco all'avvio avrebbe dovuto mostrare in maniera del tutto casuale uno slogan della casa di sviluppo[1].

Nell'ottobre del 2002 fu acquistata da Activision[1] e messa subito alla prova con la realizzazione di True Crime: Streets of LA, un gioco di avventura non molto acclamato dalla critica[2]. Il sequel, True Crime: New York City, ebbe un impatto decisamente migliore, senza introdurre, però, innovazioni o migliorie al genere[2].

Activision, l'11 febbraio 2010, annuncia la chiusura della software house.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Informazioni sulla storia dell'azienda dal sito ufficiale, su luxoflux.com. URL consultato il 30-01-2010.
  2. ^ a b (EN) Recensione di True Crime: New York City a cura di IGN, su xbox.ign.com. URL consultato il 30-01-2010.