Lustmord

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lustmord
Lustmord cropped.jpg
NazionalitàGalles Galles
GenereDark ambient
Periodo di attività musicale1980 – in attività
EtichettaHydra Head Records, Soleilmoon Recordings
Sito ufficiale

Brian Williams, meglio conosciuto come Lustmord (...), è un compositore e musicista gallese.[1]

È considerato uno dei massimi esponenti dello stile dark ambient.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Registrò musica con l'alias Lustmord entrando in contatto con gruppi quali i Throbbing Gristle e gli SPK durante la prima metà degli anni ottanta.[1]

Il suo stile, originalmente basato su suoni "analogici" quali gli echi e i riverberi e successivamente su quelli tratti da field recording (registrati in luoghi quali bunker e mattatoi),[3] è caratterizzato da atmosfere molto cupe e inquietanti.

La musica di Lustmord risente l'influenza della musica industrial e rievoca le colonne sonore cinematografiche.[4] Durante la propria carriera ha collaborato con musicisti includenti Robert Rich, Jarboe, John Balance dei Coil, Monte Cazazza, Clock DVA, Chris & Cosey, Paul Haslinger, e i Melvins.

Williams è stato il progettista del suono di numerose colonne sonore incluse Il corvo - The Crow (1994), From Dusk Till Dawn (1996), Pitch Black (2000) e Underworld (2003).[3]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1981 – Lustmørd
  • 1982 – Lustmordekay
  • 1984 – CTI (con Chris & Cosey)
  • 1985 – Vhutemas / Arechetypi (con Graeme Revell)
  • 1986 – Paradise Disowned
  • 1990 – Heresy
  • 1991 – A Document Of Early Acoustic & Tactical Experimentation
  • 1992 – The Monstrous Soul
  • 1992 – Psychological Warfare Technology Systems (attribuito a Terror Against Terror)
  • 1993 – Crash Injury Trauma (attribuito a Isolrubin BK)
  • 1994 – The Place Where the Black Stars Hang
  • 1994 – Trans Plutonian Transmissions (attribuito ad Arecibo)
  • 1995 – Stalker (con Robert Rich)
  • 1996 – Strange Attractor / Black Star
  • 1997 – Lustmord vs. Metal Beast (con Shad T. Scott)
  • 2000 – Purifying Fire
  • 2001 – Metavoid
  • 2002 – Law of the Battle Of Conquest (con gli Hecate Enthroned)
  • 2002 – Zoetrope
  • 2004 – Carbon/Core
  • 2004 – Pigs of the Roman Empire (con i Melvins)
  • 2006 – Rising (live album)
  • 2007 – Juggernaut (con King Buzzo)
  • 2008 – [ O T H E R ]
  • 2008 – "D" is for Dubby - The Lustmord Dub Mixes
  • 2009 – THE DARK PLACES OF THE EARTH
  • 2009 – T R A N S M U T E D
  • 2009 – B E Y O N D
  • 2009 – [ O T H E R D U B ]
  • 2010 – Heretic
  • 2011 – Songs of Gods and Demons (antologia)
  • 2013 – The Word As Power
  • 2013 – Krakòw
  • 2014 – Stockholm
  • 2016 – Dark Matter

Colonne sonore (elenco parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Lustmord | Biography | AllMusic
  2. ^ Mauro Berchi, Purifying Fire (recensione), in Ritual, #5 anno II - Febbraio/Marzo 2001.
  3. ^ a b John Richardson, Claudia Gorbman, Carol Vernallis, The Oxford Handbook of New Audiovisual Aesthetics, Oxford University Press, 2013, [1].
  4. ^ Rumore #233 (giugno 2011, recensione di Songs of Gods And Demons di Lustmord, pag. 97)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Olivier Bernard, Antologie de L'ambient. D'Eric Satie à Moby: Nappes, aeroporto et paysages sonores, Parigi, Camion Blanc, 2013, ISBN 978-2-35779-414-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85535840 · GND (DE142066907