Lundomys molitor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lundomys molitor
Immagine di Lundomys molitor mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Famiglia Cricetidae
Sottofamiglia Sigmodontinae
Tribù Oryzomyini
Genere Lundomys
Voss & Carleton, 1993
Specie L.molitor
Nomenclatura binomiale
Lundomys molitor
Winge, 1887

Lundomys molitor (Winge, 1887) è un roditore della famiglia dei Cricetidi, unica specie del genere Lundomys (Voss & Carleton, 1993), diffuso nell'America meridionale.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Roditore di grandi dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 160 e 230 mm, la lunghezza della coda tra 95 e 255 mm, la lunghezza del piede tra 58 e 68 mm, la lunghezza delle orecchie di 25 mm e un peso fino a 250 g.[3]

Caratteristiche craniche e dentarie[modifica | modifica wikitesto]

Il cranio presenta un rostro robusto ed ottuso, una regione inter-orbitale stretta, gli zigomi convergenti e le placche zigomatiche ampie. I fori palatali sono lunghi. Gli incisivi superiori sono opistodonti, ovvero con le punte rivolte all'interno, sono lisci e giallo-arancioni brillanti. I molari sono bunodonti, ovvero con le cuspidi poco sviluppate.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 0 0 1 1 0 0 3
3 0 0 1 1 0 0 3
Totale: 16
1.incisivi; 2.canini; 3.premolari; 4.molari;

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è lunga, densa e soffice. Le parti dorsali variano dal giallo-brunastro al fulvo cosparse di peli grigiastri o nerastri particolarmente lungo la spina dorsale, i fianchi sono bruno-giallastri mentre le parti ventrali sono giallastre con la base dei peli grigi. Le orecchie sono piccole e finemente ricoperte di corti peli di colore simile al dorso. Le zampe sono bianche. I piedi sono larghi, palmati e con delle frangiature di peli argentati lungo i margini esterni. La pianta dei piedi è fornita di cinque piccoli cuscinetti carnosi. La coda è più lunga della testa e del corpo, è uniformemente scura, ricoperta di scaglie e con un ciuffo di peli all'estremità. Le femmine hanno quattro paia di mammelle. Sono presenti 12 paia di costole. Sono privi di cistifellea. Il cariotipo è 2n=52 FN=58.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

È una specie parzialmente acquatica e notturna. Costruisce nidi nei canneti sopra il livello dell'acqua.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di parti vegetali.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nello stato brasiliano meridionale del Rio Grande do Sul e in Uruguay. Alcuni fossili sono stati rinvenuti nel Minas Gerais.

Vive negli acquitrini e in prossimità di fiumi e torrenti.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sono state riconosciute 2 sottospecie:

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la popolazione presumibilmente numerosa, classifica L.molitor come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Gonzalez, E., D'elia, G. & Pardinas, U. 2008., Lundomys molitor, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Lundomys molitor, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Bonvicino & al., 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John F.Eisenberg & Kent H.Redford, Mammals of the Neotropics, Volume 3:Ecuador, Peru, Bolivia, Brazil, The University of Chicago Press, 2000. ISBN 9780226195421
  • Bonvicino CR, de Oliveira JA & D'Andrea PS, Guia dos Roedores do Brasil (PDF), in Organizacao Pan-Americana da Saude, 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi