Luis von Ahn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luis von Ahn

Luis von Ahn (Città del Guatemala, 1979) è professore di informatica all´università Carnegie Mellon a Pittsburg, in Pensilvania[1].

È divenuto famoso soprattutto per essere stato uno dei fondatori del ''Crowdsourcing'' a causa della scoperta del CAPTCHA e la fondazione dell´azienda reCAPTCHA[2], in seguito venduta a Google.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Von Ahn cresce a Città del Guatemala e frequenta la scuola americana. Dopo aver conseguito la laurea in matematica all´università Duke, consegue il titolo di dottorato all´università Carnegie Mellon con Manuel Blum.

Dopo essersi occupato in un primo momento di criptografia, von Ahn conia nella sua dissertazione di dottorato il termine "human computation" per descrivere metodi capaci di risolvere problemi che non potrebbero essere risolti né dai soli uomini, né dalle sole macchine, mediante la combinazione delle capacità cognitive umane e della tecnologia del computer. Von Ahn si occupa tutt'oggi di questo campo di ricerca, in particolare dei cosiddetti GWAP (games with a purpose), ossia giochi che risolvono problemi attraverso la computazione umana. Nel primo gioco di questo tipo realizzato da von Ahn, il cosiddetto Extra sensory perception game, i giocatori devono assegnare un nome a parti di immagini il più velocemente possibile. I dati ottenuti da questo gioco vengono tra l´altro utilizzati da Google per la ricerca di immagini.[3]

Per le sue ricerche nel settore captcha, sugli human-based computation games e sull´elaborazione di dati basati sugli uomini, von Ahn è stato insignito della ''MacArthur fellowship'' e del ''Grace Murray Hopper award''.

Dal 2011 von Ahn lavora al progetto Duolingo, che viene tradotto in diverse lingue da traduttori volontari di siti web.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.cs.cmu.edu/~biglou/ Sito di Luis von Ahn alla Carnegie Mellon University
  2. ^ Google compra l'azienda ReCAPTCHA di Luis von Ahn
  3. ^ About Google Image Labeler
  4. ^ Meet Duolingo, Google’s Next Acquisition Target; Learn A Language, Help The Web da techcrunch.com, ultimo accesso: 20 giugno 2012

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN173143967 · LCCN: (ENno2011116377 · ISNI: (EN0000 0001 2338 4631 · GND: (DE1026130638