Luigi Viola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Viola

Sindaco di Taranto
Durata mandato 4 gennaio 1890
17 marzo 1891
Predecessore Vincenzo Sebastio
Successore Giustiniano Bonfiglioli

Dati generali
Partito politico Indipendente
Professione Archeologo

Luigi Viola (Galatina, 1851Taranto, 1924) è stato un archeologo, insegnante e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Professore di latino e greco al liceo di Maddaloni (CE) nel 1878, vinse nel 1880 il concorso di Ispettore archeologico. Il Direttore Generale dell'Antichità Giuseppe Fiorelli lo inviò allora a Taranto, dove diede inizio ai primi scavi archeologici nel Borgo Nuovo. A lui si deve la scoperta della massiccia cinta muraria della Taranto greca e del Tempio di Poseidone.

Il rigore scientifico degli scavi eseguiti, costantemente relazionati e pubblicati sulle "Notizie degli Scavi di Antichità", pose inoltre le basi per la ricostruzione topografica della città in epoca antica.

L'esperienza e l'accuratezza di Luigi Viola, sono rappresentati dalla famosa Lex Municipii Tarenti: l'archeologo riuscì infatti ad acquistare e ricomporre alcuni frammenti bronzei del tutto corrosi, rinvenuti in un pozzo da un contadino, rendendo così possibile la lettura del documento che ampliò le conoscenze della Taranto romana.

Tentò invano di salvare dalla lottizzazione dei proprietari terrieri i terreni dove aveva ritrovato i resti della Taranto magnogreca, e, per impedire la dispersione dei reperti (molti dei quali venivano venduti all'asta), nel 1882 richiese al Governo la creazione a Taranto di una struttura museale permanente. Nel 1887, grazie ad regio decreto del Re Umberto I di Savoia, poté fondare il Museo nazionale archeologico di Taranto nell'ex-convento di San Pasquale, del quale divenne rettore e di cui avrebbe voluto fare un museo della Magna Grecia.

Sposatosi con una delle figlie della famiglia Cacace di Taranto, da cui ebbe il figlio Cesare Giulio, si allontanò dagli studi per entrare in politica, diventando più tardi sindaco della città. Trascorse gli ultimi anni di vita nella sua casa di campagna, dove aveva scoperto la Cripta del Redentore, un piccolo santuario rupestre.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cesare Giulio Viola, Pater (il romanzo del lume a petrolio) (Milano 1958, Taranto 1986)
  • Galatinesi Illustri, a c. di M.F. Natoli, A. Romano, M.R. Stomeo (Galatina 1998)
  • Cosimo D'Angela, Il museo negato (Taranto 1878-1898) (Taranto 2001)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Sindaco di Taranto Successore Simbolo Taras.jpg
Vincenzo Sebastio 4 gennaio 1890 - 17 marzo 1891 Giustiniano Bonfiglioli
Controllo di autoritàVIAF (EN72171117 · CERL cnp00589228 · GND (DE117435104 · WorldCat Identities (ENviaf-72171117