Luigi Strangis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Luigi Strangis
NazionalitàBandiera dell'Italia Italia
GenerePop
Periodo di attività musicale2018 – in attività
Strumentovoce, chitarra, ukulele, pianoforte, contrabbasso, percussioni, batteria, armonica a bocca, kazoo
EtichettaDissonanze Records (2018-2021)
21co/Artist First (dal 2021)
Album pubblicati2
Studio2

Luigi Strangis (Lamezia Terme, 26 febbraio 2001) è un cantautore e polistrumentista italiano, vincitore della ventunesima edizione del talent show Amici di Maria De Filippi.[1]

Nato nel 2001 a Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro, da madre calabrese, Laura e da padre napoletano, Emanuele Strangis,[2] Luigi nel 2018 ha pubblicato il suo primo album in studio Don't Ever Let Go per l'etichetta discografica Dissonanze Records,[3] facendosi poi conoscere in seguito alla partecipazione alla fase iniziale della ventunesima edizione del talent show musicale in onda su Canale 5 Amici di Maria De Filippi dal settembre del 2021.[4] Nel marzo 2022 ha ottenuto l'accesso alla fase serale del programma entrando a far parte della squadra capitanata dai professori Rudy Zerbi e Alessandra Celentano e nel maggio seguente è arrivato in finale, uscendone vincitore.[5]

Durante la partecipazione ad Amici ha pubblicato i singoli Vivo, Muro, Partirò da zero, Tondo e Tienimi stanotte.[6] Quest'ultimo singolo è stato certificato disco d'oro il 5 agosto seguente dalla Federazione Industria Musicale Italiana (FIMI) e rimasto quattordici settimane consecutive nella classifica italiana dei singoli.[7] Il 3 giugno 2022 è uscito per la 21co il primo EP Strangis, salito direttamente in vetta alla classifica italiana degli album,[8] con il quale ha ottenuto il suo secondo disco d'oro il 2 settembre successivo.[9]

Il singolo successivo, Stai bene su tutto, è uscito nel settembre del 2022 per anticipare il secondo album in studio, Voglio la gonna.[10]

Il 16 dicembre 2022 è tornato in radio con il nuovo singolo estratto sempre dal secondo album in studio, Sembra Woodstock.[11] Nel 2023 ha pubblicato i singoli Adamo ed Eva[12] e Stupida libertà[13] ed ha duettato con Matteo Romano nel singolo Tulipani blu.[14]

Album in studio

[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi

[modifica | modifica wikitesto]
  1. ^ Luigi Strangis, chi è il vincitore di Amici 2022? Età, altezza, genitori e canzoni, su lanotiziagiornale.it. URL consultato il 22 maggio 2022.
  2. ^ Chi è Luigi Strangis di Amici 21? Età, altezza e Instagram, su Novella 2000, 15 maggio 2022. URL consultato il 15 maggio 2022.
  3. ^ LUIGI STRANGIS, su giffonifilmfestival.it.
  4. ^ Luigi Strangis | Artisti, su Friends & Partners.
  5. ^ Amici 2022, chi è il vincitore Luigi Strangis (con il 76,4% del televoto), su il Fatto Quotidiano, 16 maggio 2022. URL consultato il 16 maggio 2022.
  6. ^ Luigi Strangis - Tienimi stanotte è il singolo del vincitore di Amici 2022, su Radio Parma, 16 maggio 2022. URL consultato il 16 maggio 2022.
  7. ^ Tienimi stanotte (certificazione), su FIMI. URL consultato il 5 agosto 2022.
  8. ^ Classifica settimanale WK 23 (dal 03.06.2022 al 09.06.2022), su fimi.it, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 10 giugno 2022.
  9. ^ Strangis (certificazione), su FIMI. URL consultato il 2 settembre 2022.
  10. ^ Il nuovo disco di Luigi Strangis, Voglio la gonna, è un inno alla libertà di esprimersi, su All Music Italia, 28 settembre 2022. URL consultato il 28 settembre 2022.
  11. ^ Luigi Strangis, fuori Sembra Woodstock. Secondo singolo estratto dall'album Voglio la gonna, su Gazzetta del Sud, 16 dicembre 2022. URL consultato il 16 dicembre 2022.
  12. ^ Il vincitore di Amici 21, Luigi Strangis, torna con Adamo ed Eva, su All Music Italia, 27 marzo 2023. URL consultato il 27 marzo 2023.
  13. ^ Luigi Strangis, Stupida libertà: il brano per la generazione dalle emozioni in gabbia, su Vanity Fair Italia, 9 gennaio 2024. URL consultato il 9 gennaio 2024.
  14. ^ Tulipani blu, il nuovo singolo di Matteo Romano feat. Luigi Strangis, su ZON, 4 maggio 2023. URL consultato il 4 maggio 2023.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]