Luigi Pisani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Pisani
cardinale di Santa Romana Chiesa
Template-Cardinal (Bishop).svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Padova
Nato 1522, Venezia
Nominato vescovo 1555
Creato cardinale 12 marzo 1565 da papa Pio IV
Deceduto 3 giugno 1570, Venezia

Luigi Pisani (talvolta indicato come Pisano) (Venezia, 1522Venezia, 3 giugno 1570) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente dalla nobile famiglia veneziana dei Pisani, suo padre Giovanni era stato ambasciatore di Venezia presso la corte francese, mentre la madre, Benedetta Gritti, era la figlia del doge Andrea Gritti. Era, inoltre, nipote del cardinale Francesco Pisani.

Fu nominato vescovo di Padova nel 1555. Membro della Camera Apostolica, prefetto dell'Annona tra l'agosto 1561 e il maggio 1562. Partecipò al Concilio di Trento tra il 1562 ed il 1563.

Fu creato cardinale nel concistoro del 12 marzo 1565. Partecipò al conclave del 1565-1566, che elesse papa Pio V, il quale l'8 febbraio 1566 gli diede la berretta cardinalizia con il titolo dei Santi Vitale, Valeria, Gervasio e Protasio. Il 2 giugno 1568 optò per il titolo di San Marco.

Dal 14 gennaio 1569 al 14 gennaio 1570 fu cardinale camerlengo del Collegio dei Cardinali.[1]

Morì a Venezia il 3 giugno 1570 e fu sepolto nei pressi dell'altar maggiore della chiesa di Santa Maria delle Grazie, ora sconsacrata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guilelmus van Gulik & Conradus Eubel, Hierarchia catholica medii et recentioris aevi III, editio altera (Monasterii 1923), p. 85.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) PISANI, Luigi, su The Cardinals of the Holy Roman Church. URL consultato il 6 marzo 2017.
Controllo di autorità GND: (DE1073560473