Luigi Natoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'arcivescovo cattolico, vedi Luigi Natoli (arcivescovo).
Luigi Natoli

Luigi Natoli (Palermo, 14 aprile 1857Palermo, 25 marzo 1941) fu uno scrittore e storiografo italiano, autore di romanzi d'appendice con lo pseudonimo William Galt.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Veniva da una famiglia di ardenti ideali risorgimentali: nel 1860, quando aveva solo 3 anni, sua madre, alla notizia dell'imminente arrivo dei Mille guidati da Garibaldi, fece indossare a tutti la camicia rossa: l'intera famiglia venne arrestata dalle guardie borboniche e portata nella prigione palermitana della Vicaria.

A 17 anni Natoli iniziò a scrivere per i giornali, quindi lavorò come professore di storia in vari licei italiani: pubblicò anche una Storia di Sicilia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

È soprattutto noto come autore di più di 25 romanzi d'appendice ambientati in Sicilia e apparsi a puntate su giornali e riviste come Il Giornale di Sicilia, Il giornalino della Domenica e Primavera, che gli fecero guadagnare una grande popolarità.

In uno dei suoi romanzi più famosi, I Beati Paoli, apparso per la prima volta a puntate sul Giornale di Sicilia tra il 1909 e il 1910 e poi pubblicato a dispense nel 1921 e nel 1931 dalla Casa Editrice La Gutemberg, e dopo la seconda guerra mondiale dalla casa editrice La Madonnina, il suo amore per la sua terra d'origine e per la libertà si fondono per creare un'epopea nazionale dell'isola. Ambientato fra il 1698 e il 1719, il libro è un tentativo di rintracciare e spiegare le cause delle problematiche e delle peculiarità siciliane. I Beati Paoli sono una setta segreta che opera in difesa dei deboli e degli oppressi, contro lo strapotere e i soprusi dei nobili.

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • I Beati Paoli
  • Coriolano della Floresta (seguito ai Beati Paoli)
  • I Vespri Siciliani
  • I cavalieri della stella
  • I cavalieri della stella, ovvero La caduta di Messina
  • Gli ultimi saraceni
  • I morti tornano...
  • La dama tragica
  • Alla Guerra!
  • Fra' Diego La Matina
  • Calvello il Bastardo
  • Cagliostro e le sue avventure
  • La vecchia dell'aceto
  • Viva l'imperatore
  • Latini e catalani: Mastro Bertuchello e il Tesoro dei Ventimiglia
  • L'abate Meli
  • Chi l'uccise?
  • La Principessa Ladra
  • Braccio di Ferro Avventure di un carbonaro
  • Fioravante e Rizzeri
  • Ferrazzano
  • Il Capitan Terrore
  • Il Paggio della regina Bianca
  • Squarcialupo
  • I mille e un duelli del bel Torralba
  • Gli Schiavi
  • Rosso l'avventuriero
  • Il tesoro dei Ventimiglia
  • Maestro Bertuchello

Altre opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Storie e leggende di Sicilia
  • Gli studi danteschi in Sicilia, saggio storico-bibliografico (1894)
  • La civiltà siciliana del secolo XVI (1895)
  • Studi su la letteratura siciliana del secolo XVI (1896)
  • Storia di Sicilia dalla preistoria al fascismo, Ed. Ciuni, 1935
  • La Rivoluzione Siciliana del 1860 - Ed. fuori commercio - Soc. Ed. Marraffa Abate Pa 1910
  • La Sicilia e Garibaldi (1910)
  • Musa siciliana, Milano, R. Caddeo & C., 1922, LIX, pp. 303
  • Rivendicazioni
  • Un poemetto siciliano del XVI secolo
  • Prosa e prosatori siciliani del secolo XVI, ricerche (1904)
  • Giovanni Meli, studi critici (1883)
  • Cielo dal Camo, notarelle critiche (1884)
  • Giobbe e la critica italiana (1884)
  • Hortensio Scammacca e le sue tragedie (1885)
  • La prosa di A. Veneziano (1896)
  • Congedo, versi (1903)

Trasposizioni televisive[modifica | modifica wikitesto]

Trasposizioni cinematografiche[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco La Magna, Lo schermo trema. Letteratura siciliana e cinema, Città del Sole Edizioni, Reggio Calabria, 2010, ISBN 978-88-7351-353-7
  • Gabriello Montemagno, Luigi Natoli e i beati paoli, Flaccovio 2002, ISBN 8878042145.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN36913269 · LCCN: (ENn80040795 · SBN: IT\ICCU\CFIV\030837 · ISNI: (EN0000 0000 8115 1409 · GND: (DE119505924 · BNF: (FRcb11887089m (data) · BAV: ADV11038373