Luigi Lippomano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Lippomano
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Bergamo dal 9 agosto 1548 al 20 luglio 1558;
Vescovo di Verona dal 20 luglio 1558 al 15 agosto 1559
Nato 1496, a Venezia
Deceduto 15 agosto 1559, a Roma

Luigi Lippomano (Venezia, 1496Roma, 15 agosto 1559) è stato un vescovo cattolico e diplomatico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio naturale di Bartolomeo Lippomano, patrizio, e, probabilmente, di una sua serva di nome Marta.

Fu nunzio in Portogallo. Nel 1538, il Lippomano fu consacrato vescovo coadiutore della diocesi di Bergamo, e gli venne assegnata la sede titolare di Modone.

Nel 1544[1] fu spostato all'incarico di vescovo coadiutore della diocesi di Verona, e il 9 agosto 1548 succedette al parente Pietro Lippomano a capo della sede episcopale veronese.

Ricevette l'incarico di legato in Germania e successivamente, nel 1555, divenne nunzio apostolico in Polonia.

Il 20 luglio 1558 fu traslato alla guida della diocesi di Bergamo.

Morì a Roma il 15 agosto 1559, all'età di 59 anni, e fu sepolto nella chiesa di Santa Caterina dei Funari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anno incerto.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN64015323 · ISNI (EN0000 0001 1844 9357 · SBN IT\ICCU\MILV\024031 · LCCN (ENn82032178 · GND (DE124621643 · BNF (FRcb12000216c (data)