Luigi Legnani (musicista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luigi Rinaldo Legnani (Ferrara, 7 novembre 1790Ravenna, 5 agosto 1877) è stato un chitarrista e compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Ferrara da Giuseppe Legnani e Rosa Bassi nel 1790 ma la sua famiglia si trasferì a Ravenna nel 1799, dove morì nel 1877.

Studiò violino e fu voce bianca nel coro della cappella del Duomo di Ferrara[1]. Esecutore di capacità eccezionali, conobbe grandi successi in tutta Europa, specialmente a Vienna. Fu pure ottimo violinista e cantante.

Esordì come tenore al teatro vecchio di Ravenna nel 1807 a soli 17 anni, ma il vero successo arrivò il 2 luglio 1819, quando si esibì al ridotto della Scala di Milano come chitarrista[2]. Con questo strumento fu concertista di successo in tutta Europa. Dal 1819 al 1823 risiedette a Vienna, dove Mauro Giuliani aveva per vari anni raccolto successi con la sua chitarra. La sua attività nella capitale austriaca fu caratterizzata da grandi plausi da parte della critica, ma entrate modeste. Nel 1825 si spostò a Genova. Per alcuni anni si dedicò all'attività didattica (della chitarra e del canto) e allo studio delle tecniche della liuteria. Intorno al 1832 riprese ad esibirsi, traversando con le sue tournée gran parte dell'Europa. A Vienna collaborò con alcuni liutai, partecipando all'introduzione di importanti innovazioni tecniche sulla chitarra.

Nel 1835 si reca a Parigi per una serie di concerti purtroppo non andati a buon fine per colpa di una caduta, si fratturò un braccio e venne sostituito da Fernando Sor e Dionisio Aguado[1].

« Arrivato a Torino nel luglio 1836, Paganini si reca al Teatro Carignano per ascoltare il chitarrista Luigi legnani che gli procurò "sommo piacere"... Con Legnani medita di tenere un concerto, ma sfortunatamente il progetto va a monte per ignote ragioni. »

(Edward Neill[2].)

Le ultime notizie che si hanno di concerti tenuti da Legnani sono del 1842 in Spagna, sappiamo che le sue esibizioni comprendevano brani di chitarra sola e brani di voce tenorile accompagnata da chitarra, entrambe eseguite dal maestro contemporaneamente[3]. Intorno alla metà del secolo, interruppe la sua attività concertistica, ritirandosi a Ravenna, dove si dedicò alla liuteria e alla costruzione di strumenti. Morì il 5 agosto 1877 a 86 anni. Durante la sua carriera ebbe occasione di esibirsi insieme a musicisti di grandissimo spessore, come Franz Liszt, e con Niccolò Paganini strinse una collaborazione artistica purtroppo poco documentata.

Le sue composizioni, quasi tutte per chitarra sola (fanno eccezione due duetti, un concerto di cui si dispone solo della partitura solistica, e alcuni frammenti vocali), appartengono all'estetica brillante del primo Ottocento, e presentano spesso un taglio altamente virtuosistico. In esse si incontrano la struttura operistica e vocale-teatrale tipica di Giuliani e un gusto per le prodezze tecniche alla Paganini. La sua opera più nota e più apprezzata anche a livello didattico è la raccolta dei 36 Capricci op. 20.
Il concerto per chitarra e orchestra composto da Legnani, che sotto un profilo storico assume grande importanza, ci è giunto esclusivamente per quanto riguarda la partitura chitarristica, proveniente da trascrizioni di un autografo[4] del compositore ferrarese. Risulta che Legnani diede almeno un'esecuzione pubblica[5] di tale concerto, nel 1835, presentato col nome di Concerto per chitarra e orchestra d'archi. Oggi è nota un'edizione del concerto curata da Francesco Gorio (Suvini Zerboni, 1989), in cui le partiture orchestrali che compaiono sono però una libera ricostruzione del curatore.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Riguardo alla notizia di un Legnani che in tarda età si sarebbe dedicato alla liuteria, Sergio Monaldini afferma[6] che "non esiste alcuna prova attendibile che Legnani abbia costruito anche una sola chitarra, e tantomeno dei violini. Sino ad ora non è stato trovato un solo strumento che porti la sua firma." Lo studioso fa risalire l'origine dell'equivoco ad una voce del dizionario dei liutai di Willibald Leo Freiherr von Luetgendorff nel 1904, voce che non specifica né il nome di battesimo né le fonti.
Riguardo alla notizia di una lunga vecchiaia di solitudine e di povertà, Monaldini esprime dei dubbi e riporta[7] alcune testimonianze una delle quali lo ricorda infermo "negli ultimi anni della sua vita" , e l'altra[8] che lo ricorda invece come "un bel vecchione, allegro, arzillo, affabilissimo" . Legnani passò una vecchiaia agiata in casa del genero, "un facoltoso vicino di casa" .

Finora non è stato trovato alcun ritratto (o foto) del musicista[9].

Composizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Op. 1 - Terremoto con variazioni
  • Op. 3 - Gran ricercario o Studio
  • Op. 6 - Gran Capriccio
  • Op. 10 - "Scherzo ossia quattro variazioni a sola chitarra da eseguirsi con un solo dito della mano sinistra" (Artaria, 1825)
  • Op. 16 - "Gran Variazioni per la chitarra sul duetto (:Nel cuor più non mi sento:) nell'Opera la molinara" (Artaria 1824)
  • Op. 18 - Variazioni
  • Op. 19 - Fantasia Brillante e Facile per la Chitarra
  • Op. 20 - 36 Capricci (1822)
  • Op. 23 - Duetto concertante per chitarra e flauto
  • Op. 30 - Variazioni Sull'Aria Non Piu Mesta Accanto Al Fuoco
  • Op. 32 - Pot-pourri and Caprice
  • Op. 34 - Gran Capriccio
  • Op. 60 - Gran Studio
  • Op. 61 - Gran Fantasia
  • Op. 63 - 36 Valses di difficoltà progressiva
  • Op. 64 - Introduzione, tema, variazione e finale
  • Op. 201 - Introduzione e Tema con Variazioni sopra un motivo della Norma
  • Op. 202 - Andante e Allegro dall'opera Guglielmo Tell
  • Op. 204 - Rondoletto Scherzoso
  • Op. 224 - Introduzione, Tema e Variazioni
  • Op. 237 - Tema con Variazioni
  • Op. 238 - Gran Pot-pourri
  • Op. 250 - Metodo per la chitarra

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Gilardino 2010, p. 99.
  2. ^ a b Gilardino 2010, p. 100.
  3. ^ Gilardino 2010, p. 101.
  4. ^ Massimo Agostinelli in Romolo Ferrari e la chitarra in Italia nella prima metà del Novecento, Mucchi Editore, p.84
  5. ^ Francesco Gorio nella prefazione di Luigi Legnani, Concerto in la maggiore per chitarra e orchestra, Suvini Zerboni, 1989
  6. ^ Monaldini, bibl.p.109
  7. ^ Monaldini, bibl. p.105 sgg.
  8. ^ Monaldini, bibl.p.107
  9. ^ cfr.Monaldini, bibl.p.124

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sergio Monaldini, "Chitarra romantica. Luigi (Rinaldo) Legnani e il virtuosismo strumentale nell'Ottocento", Ravenna, Longo, 2015.
  • Danilo Prefumo, "L'attività concertistica di L. Legnani nei resoconti dei giornali dell'epoca" in "il Fronimo" n. 41
  • Daniela Rossato, "Luigi Rinaldo Legnani" in "il Fronimo" n. 27
  • Romolo Ferrari, "Luigi Legnani", Modena, Tip. E. Bassi e nipoti, 1932.
  • Angelo Gilardino, La chitarra, lezioni private, Milano, Curci, 2010, ISBN 978-88-6395-046-5.
Controllo di autoritàVIAF: (EN64192395 · ISNI: (EN0000 0000 8388 9423 · SBN: IT\ICCU\CFIV\149086 · LCCN: (ENn79140966 · GND: (DE116861002 · BNF: (FRcb13896491h (data)