Luigi Lai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Lai
NazionalitàItalia Italia
GenereFolk
Periodo di attività musicale1945 ca. – in attività

Luigi Lai (San Vito, 25 luglio 1932) è un musicista italiano, erede della scuola del Sarrabus di suonatori di launeddas[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Luigi Lai è un virtuoso delle launeddas, strumento popolare tricalamo identitario della Sardegna [2] [3]

Quando Lai era un bambino, nella vicina Villaputzu vivevano alcuni grandi suonatori di launeddas tra cui Antonio Lara ed Efisio Melis, di cui fu allievo[4]; negli anni Sessanta ha inoltre studiato sassofono presso l’Accademia musicale di Zurigo. Dagli anni Ottanta è attivo come didatta [5] . Nel 1997, ha scritto (in italiano e inglese) il pionieristico Metodo per le launeddas, con l’intento di trasmettere la cultura tradizionale secondo i canoni della musica colta. Dal 2017, insegna presso il Conservatorio di Cagliari [6]

Riconosciuto nel mondo, per meriti artistici, nel 1985, Lai è stato nominato Maestro del Folklore, nel 1988, Cavaliere della Repubblica. Nel 2014, è stato insignito del titolo di Ufficiale della Repubblica [7] Ha collaborato con illustri rappresentanti della musica sarda - quali Maria Carta, Tenores di Bitti Remunnu 'e Locu, Tenores di Neoneli, Piero Marras, Totore Chessa - e della musica jazz, come Paolo Fresu, Enrico Rava, Tullio De Piscopo, Enzo Avitabile, Enzo Favata, Gavino Murgia. A partire dagli anni settanta ha collaborato e svolto numerose tournée con Angelo Branduardi [8], suonando in alcuni album tra cui La pulce d'acqua[9] e Concerto[10]. Intenso è stato il suo rapporto con il ricercatore e suonatore di cornamusa scozzese Barnaby Brown, il quale gli ha dedicato un cortometraggio [11]

La prima incisione , Luigi Lai e le sue launeddas, è del 1963, un 45 giri pubblicato per l’etichetta svizzera “Elite Special”. Sue opere discografiche sono i due volumi del cd Is Launeddas (1985), Canne in Armonia (1997) e S'arreppiccu (2003). Nel 2008, a San Vito (Ca), Lai ha dato vita alla Accademia delle Launeddas, centro multifunzionale, per conferenze, attività didattiche e di studio e per realizzare performance dal vivo o registrazioni [12]

Alla sua attività di musicista si sono interessati diversi etnomusicologi, tra cui Roberto Leydi, Pietro Sassu, Giovanni Dore, Paolo Mercurio. Nel 2018 viene pubblicato un suo libro autobiografico, scritto in collaborazione con Gabriele Congiu. [13]

Di grande rilievo è stata la sua opera di divulgazione, in Italia e nel Mondo, del patrimonio dello strumento, quanto importante è stata l'opera di insegnamento a numerosi allievi, anche attraverso l'apertura di varie scuole in diverse parti della Sardegna.

Gli allievi dotati, ed assidui nello studio dello strumento, sono seguiti personalmente dal maestro, che insegna loro seguendo quattro principi fondamentali:

  1. precisione nell'esecuzione:
  2. studio delle nodas in modo ragionato (poiché dal cervello partono i comandi per le dita);
  3. tempo cadenzato, evitando di eccedere nella velocità d'esecuzione, soprattutto durante la fase di studio;
  4. rispetto del maestro e fiducia nei suoi consigli.

Il 6 agosto del 2013 il Consiglio Comunale di Ussaramanna gli conferisce la Cittadinanza onoraria che gli verrà consegnata il 10 agosto, in occasione della festa di San Lorenzo, alla quale ha sempre preso parte a partire dal 1946.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per riferimenti generali, si vedano i contributi etnomusicali di Paolo Mercurio, La vita è musica dedicata alle launeddas, BF Magazine, parte prima e seconda, aprile 2015; Luigi Lai ricorda i suoi maestri di launeddas Efisio Melis e Antonio Lara, BF Magazine, maggio 2016.
  2. ^ Giovanni Dore, I miei incontri con i suonatori di Launeddas, in Launeddas, AMD e ISRE, Cagliari, 1997, pp. 96-103 ISBN 8886799136
  3. ^ Paolo Mercurio, Luigi Lai tra tradizione e innovazione , in Le launeddas patrimonio dell'umanità. Strumento dell'identità musicale sarda, pp 94 -103, Milano, 2014 Isbn 9786050345346
  4. ^ P. Mercurio, Luigi Lai ricorda i suoi Maestri di Launeddas, Efisio Melis e Antonio Lara, in BF magazine, 13 maggio 2016
  5. ^ Salvatore Esposito, Tradizione e oltre. Intervista al maestro delle launeddas Luigi Lai in BF magazine, 23 settembre 2015
  6. ^ Stefano Ambu. Le launeddas sbarcano al Conservatorio, 30 aprile 2017
  7. ^ P. Mercurio, op. cit. 2014
  8. ^ Giuliano Marongiu, Luigi Lai, maestro delle launeddas, in “Sardinia News”, settembre 2012; inoltre, sito di Angelo Branduardi, sezione biografia e discografia
  9. ^ https://www.discogs.com/Angelo-Branduardi-La-Pulce-DAcqua/release/2061956
  10. ^ https://www.discogs.com/Angelo-Branduardi-Concerto/release/2580679
  11. ^ Giacomo Mameli, Magico dialogo tra le launeddas e la cornamusa, in La Nuova Sardegna, 13 aprile 2011
  12. ^ Pier Sandro Pillonca, Costituita a San Vito l’Accademia delle launeddas, in Il Messaggero Sardo, Regione Sardegna, Cagliari, 18 agosto 2008
  13. ^ Luigi Lai Maestro di Launeddas, scritto in collaborazione con Gabriele Congiu, GC e Beranu Edizioni, Cagliari, 2018

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56805405 · ISNI (EN0000 0000 9622 0374 · LCCN (ENno98043152 · BNF (FRcb165623410 (data)