Luigi Dalla Costa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luigi Dalla Costa (Mirano, 9 dicembre 1957) è un imprenditore e dirigente sportivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prima di fondare e diventare presidente della Laguna Group, svolse numerosi lavori tra cui operaio addetto all'altoforno dell'Italsider di Marghera, muratore, agente di commercio ed agente immobiliare.

Nel 1999 compra la società calcistica Mestre, militante all'epoca in serie C2.

Il 13 marzo 2000 compra per 18 miliardi di lire il Genoa da Gianni Scerni[1] e il 23 novembre dello stesso anno ne diventa presidente, anche se acquisisce le quote del vecchio proprietario solo il 6 luglio 2001.[2][3]

Durante la sua presidenza decise di inserire nelle maglie il suo soprannome "Nube che corre" anche perché non aveva trovato alcuno sponsor da mettere sulle maglie.[3]

Durante la sua presidenza il Genoa non riuscì mai a lottare per la promozione in massima serie e nella stagione 2002-2003, suo ultimo anno nel club, ottenne il 18º posto in classifica, retrocendo in serie C1. Durante lo stesso campionato il club aveva rischiato di non potersi iscrivere al torneo con la conseguente estromissione dai campionati, riuscendo però a farlo versando tre miliardi di lire, grazie ad un accordo con la Banca Antonveneta e Costa Crociere prima della cessione definitiva valutata inizialmente 20-30 miliardi di lire.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, Genova, De Ferrari, 2008, ISBN 978-88-6405-011-9.
Predecessore Presidente del Calcio Mestre Successore
 ? 1999 - 2000  ?
Predecessore Presidente del Genoa Successore
Gianni Scerni 23 novembre 2000 - 2003 Stefano Campoccia