Luigi Celeghin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luigi Celeghin (Briana, 19 agosto 1931Roma, 15 dicembre 2012) è stato un organista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia presto a fare le prime esperienze concertistiche suonando negli anni '50 l'organo nelle chiese parrocchiali di Briana e Noale in provincia di Venezia.

Professore di organo e composizione organistica al Conservatorio Santa Cecilia di Roma dal 1975 al 2002, è stato ispettore onorario del Ministero per i Beni e le Attività Culturali per la tutela degli organi antichi dell'intero territorio nazionale. Feconda fu la sua attività di didatta e tanti i suoi allievi poi divenuti grandi musicisti e concertisti.

Presidente dell'"Associazione organistica del Lazio", è stato fondatore e direttore artistico prima del Concorso nazionale d'organo di Noale (VE) e poi del "Città di Viterbo". È stato fondatore e direttore artistico dell'Accademia Organistica Elpidiense (Marche). Ha suonato per i festival più importanti del mondo: Tokyo, Londra, Berlino, Parigi, Madrid, New York, Mosca, Roma, Budapest, Praga.

Ha tenuto seminari d'interpretazione organistica in Italia e all'estero. Frequente la sua partecipazione alle giurie di concorso nazionali ed internazionali d'organo: Monaco di Baviera, Norimberga, Budapest, Vilnius, Erfurt.

Ha curato, in collaborazione con le varie Sopraintendenze ai Beni artistici e storici d'Italia, il restauro di importanti strumenti, opera di autori come Giuseppe Bonatti, Pietro Nacchini, Gaetano Callido, Innocenzo Cavazzani, Josef De Martino, Simone e Pietro Kirker, Angelo Morettini, Francesco La Grassa (organo monumentale a 7 tastiere e ca. 4000 canne).

Ha ideato nuovi strumenti tra i quali l'organo a trasmissione integralmente meccanica della parrocchiale di Noale (VE), del conservatorio "Niccolò Piccinni" di Bari, della chiesa di Santa Maria della Verità a Viterbo.

Il 12 dicembre 2012, al termine di un suo concerto di musica contemporanea tenutosi a Roma presso la Basilica di San Giovanni Battista dei Fiorentini, viene colto da un malore. Muore a Roma il 15 dicembre 2012. Riposa nel cimitero di Briana (VE), suo paese natale.[1]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'argento ai benemeriti della cultura e dell'arte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento ai benemeriti della cultura e dell'arte
— Roma, 2 giugno 1983[2]

Nel 1983 la Presidenza della Repubblica italiana gli ha conferito la medaglia d'argento ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte.

Per la benemerenza acquisita sul piano della valorizzazione musicale, le città di Noale (VE), Sant'Elpidio a Mare (AP) e Paola gli hanno conferito la cittadinanza onoraria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN34024214
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie