Luigi Bodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Bodio
Luigi Bodio.jpg

Senatore del Regno d'Italia
Legislature XXI

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Laurea "ad honorem" in scienze giuridiche
Laurea "ad honorem" in scienze politiche
Professione Docente universitario

Luigi Bodio (Milano, 12 ottobre 1840Roma, 2 novembre 1920) è stato un economista e statistico italiano, considerato tra i fondatori della statistica italiana. È stato il primo segretario generale dell'Istituto Internazionale di Statistica IIS (1885) e presidente dello stesso istituto dal 1909 fino al 1920 (anno della morte di Bodio).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bodio si laurea nel 1861 a Pisa e viaggia poi con sostegni governativi all'estero per ulteriore formazione. Al suo ritorno diventa nel 1864 professore di economia nazionale a Livorno e nel 1867-1868 a Milano. Dopodiché è per quattro anni professore di statistica e di geografia economica a Venezia. Nel 1872, dopo la morte di Pietro Maestri, viene chiamato a dirigere l'ufficio reale di statistica italiano (fondato da Maestri) a Roma.

Dal 1876 è editore insieme a Cesare Correnti e Paolo Boselli dell'Archivio di statistica. Nello stesso anno da inizio alle rilevazioni statistiche ufficiali sull'emigrazione italiana. Nel 1881 diventa socio corrispondente dell'Accademia Nazionale dei Lincei e dal 1892 socio nazionale. Nel 1885 è tra i promotori dell'Istituto Internazionale di Statistica e primo segretario generale dell'Istituto stesso dalla data di fondazione (il 24 giugno) fino al 1905. Nel 1900 è nominato senatore. Dal 1909 diventa presidente dell'Istituto Internazionale di Statistica (fino alla morte nel 1920); è inoltre commissario generale del Commissariato dell'Emigrazione (1901-1904), organismo interministeriale creato per indirizzare e proteggere l'emigrazione italiana all'estero.

Nel 1996 viene creato il Centro per la Cooperazione Statistica Internazionale (ICstat) dedicato a "Luigi Bodio" in riconoscimento della sua dedizione ed impulso dato alla cooperazione statistica[1].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di III classe dell'Ordine della Corona di Prussia (Impero di Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di III classe dell'Ordine della Corona di Prussia (Impero di Germania)
Commendatore dell'Ordine di Vasa (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di Vasa (Svezia)
Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
Cavaliere di V classe dell'Ordine di San Stanislao (Impero russo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di V classe dell'Ordine di San Stanislao (Impero russo)

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Statistique internationale des caisses d'épargne, 1876
  • Saggio sul commercio esterno terrestre e marittimo del regno d'Italia, 1865
  • Dei documenti statistici del regno d'Italia, 1867
  • Dei rapporti della statistica coll'economia politica e colle altre scienze affini, 1869
  • Del patrimonio delle entrate e delle spese della pubblica beneficenza in Italia, 1889

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antonio Cappiello, Luigi Bodio: promoter of the political and high scientific mission of statistics and pioneer of the international statistical cooperation, in Rivista Italiana di Economia Demografia e Statistica, vol. 68, 3-4, 2014, pp. 199–205.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Marco Soresina, Conoscere per amministrare.Luigi Bodio: statistica, economia e pubblica amministrazione, FrancoAngeli, Milano 2001.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN66686704 · ISNI (EN0000 0001 2096 3232 · LCCN (ENno2002004434 · GND (DE116216174 · BNF (FRcb144527794 (data) · BAV ADV10003092