Ludwig Kaas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ludwig Kaas

Monsignor Ludwig Kaas (Treviri, 23 maggio 1881Roma, 15 aprile 1952) è stato un politico e teologo tedesco nel periodo della Repubblica di Weimar.

Monsignor Kaas fu collaboratore e amico del nunzio apostolico in Germania mons. Eugenio Pacelli, futuro papa Pio XII (1939-1958). Qualcuno attribuisce l'ascesa di Hitler al potere ad una sua scelta politica: viene riportato come il 23 marzo 1933 Kaas, in qualità di leader del Partito del Centro Cattolico (Zentrum), nonostante il parere fortemente contrario di altri esponenti del partito, in particolare dell'ex cancelliere Brüning, dettasse la linea di voto a favore del Decreto dei pieni poteri, fornendo ad Adolf Hitler e al Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori la necessaria maggioranza qualificata dei due terzi dei deputati del Reichstag per l'approvazione del decreto che permise instaurare la dittatura nazionalsocialista in Germania. Il voto favorevole all'ascesa del nazismo viene giustificato come frutto di un patto di scambio per accelerare la stipula del concordato con la Santa Sede, come aveva già fatto Mussolini in Italia il 10 febbraio 1929 con i più ampi Patti lateranensi. Il concordato tra Chiesa cattolica tedesca e Terzo Reich fu stipulato poco tempo dopo, il 20 luglio 1933.

Questa versione è contestata da chi sostiene che, nell'ascesa al potere di Hitler, Kaas ebbe un ruolo marginale rispetto a Von Papen. che in quel momento era segretario del Centro Cattolico (Zentrum).[1]

Divenuto ben presto nemico del regime, Kaas emigrò quello stesso anno a Roma. Negli anni successivi diresse gli scavi nelle catacombe di San Pietro, intrapresi per ordine del pontefice, che al tempo era papa Pio XII.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Adolf Hitler: l'ascesa al potere 1924-1933 di Alessandro Persico http://www.viaggio-in-germania.de/hitler-ascesa.pdf

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Georg May: Ludwig Kaas. Der Priester, der Politiker und der Gelehrte aus der Schule von Ulrich Stutz, Amstelodami: Grüner, 1981. 3 vol.
  • Rudolf Morsey: Leben und Überleben im Exil. Am Beispiel von Joseph Wirth, Ludwig Kaas und Heinrich Brüning. In: Paulus Gordan (Hrsg.): Um der Freiheit willen. Eine Festgabe für und von Johannes und Karin Schauff, Pfullingen: Neske, 1983, ISBN 3-7885-0257-6, S. 86-117
  • Enciclopedia dei personaggi storici, Storia Illustrata, Arnoldo Mondadori Editore, 1970 - pag. 469

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN25394352 · LCCN: (ENn82072932 · ISNI: (EN0000 0001 1022 9472 · GND: (DE118558986 · BNF: (FRcb10243056p (data)