Ludovico Prosseda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ludovico Prosseda (Moricone, 24 febbraio 1780Moricone, 11 ottobre 1860) è stato un pittore e incisore italiano.

Il Ponte Sfondato (1828)

Nacque e visse a Moricone, dove era proprietario della settecentesca villa Aureli.

Fu allievo del pittore Tommaso Minardi[1][2].

È stato autore di una carta del Lazio e dell'Etruria (nonostante il titolo "Carta storica della Sabina", che sembra ridurla a quell'area)[3] per il libro "Monumenti sabini" di Giuseppe Antonio Guattini (1827), il quale tuttavia lo definì un "ingenuo pittore"[4].

Le mura di Grotte di Torri (1828)

Alcune sue opere, le cui lastre originali sono conservate dalla Stamperia Nazionale, sono esposte all'interno della villa Aureli di Moricone, ora sede del Municipio[5].

A lui è stata dedicata una via nel Comune di Moricone.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA. VV., Studi di storia dell'arte, Volume 20, Ediart, 2009
  2. ^ Monica Manfrini Orlandi - Attilia Scarlini, Tommaso Minardi: disegni, taccuini, lettere nelle collezioni pubbliche di Forlì e Faenza, Clueb, 1981 (pagina 13)
  3. ^ Renato Mammucari, Campagna romana: carte geografiche, piante prospettiche, vedute panoramiche, costumi pittoreschi, Edimond, 2002 (pagina 192)
  4. ^ Giuseppe Antonio Guattini, Monumenti sabini, Puccinelli, 1827.
  5. ^ Luigi Filippetta, Raniero Aureli. Un pittore moriconese.