Lucrecia Martel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lucrecia Martel

Lucrecia Martel (Salta, 14 dicembre 1966) è una regista cinematografica e sceneggiatrice argentina.

Compiuti gli studi all'Avellaneda Experimental e alla National Experimentation Filmmaking School a Buenos Aires, tra il 1988 ed il 1994 dirige svariati cortometraggi. Nel 2001 esce il suo primo lungometraggio intitolato La ciénaga che riceve diversi riconoscimenti a livello internazionale. La niña santa è stato presentato in concorso al 57º Festival di Cannes nel 2004[1] mentre La mujer sin cabeza è stato selezionato per lo stesso concorso nell'edizione del 2008.[2]

Nel 2006 è stata membro della giuria al Festival di Cannes.

Nel 2019 presiede la giuria del concorso principale della 76ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. La giuria di qualità ha respinto la richiesta di introdurre per due anni una quota rosa del 50% per i registi ammessi alla rassegna.[3]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 2004, su festival-cannes.fr. URL consultato l'8 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2016).
  2. ^ (EN) Official Selection 2008, su festival-cannes.fr. URL consultato l'8 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2013).
  3. ^ Chiara Ugolini, Venezia 76, la presidente di giuria Lucrecia Martel: "Non applaudirò Polanski", su Repubblica, 28 agosto 2019 (archiviato il 10 maggio 2020).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59307825 · ISNI (EN0000 0001 1445 3906 · LCCN (ENno2003103689 · GND (DE132165929 · BNF (FRcb144634741 (data) · BNE (ESXX4821667 (data) · ULAN (EN500331937 · WorldCat Identities (ENlccn-no2003103689