Lucio Urtubia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucio Urtubia Jiménez

Lucio Urtubia Jiménez (Cascante, 18 febbraio 1931) è un anarchico spagnolo.

È famoso per le sue pratiche politiche di espropriazione, A volte comparato a Robin Hood, Urtubia ha rapinato banche tra gli anni sessanta e settanta. Con le parole di Albert Boadella, «Lucio è Quijote che non combatte contro i mulini a vento ma contro veri giganti».[1]

Lucio Urtubia è nato a Cascante, è il quinto figlio di una famiglia molto povera. Suo padre, un carlista fu imprigionato e mentre era in carcere abbracciò l'ideologia comunista.

Arruolato per il servizio militare, insieme ai suoi commilitoni saccheggiò un magazzino appartenente alla loro compagnia e insieme disertarono, riparando in Francia nel 1954. A Parigi ha iniziato a lavorare come muratore, un'occupazione che ha continuato tutta la sua vita. In aggiunta, si è unito ai Giovani Libertari della Federazione Anarchica diventando amico di André Breton e Albert Camus.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ - Bernard Thomas, (2012), ISBN, Lucio Urtubia. L'anarchico irriducibile, Brepress, 2012, pp. 375, ISBN 9788896130209.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN86470137 · LCCN: (ENn2009049479 · ISNI: (EN0000 0001 1682 0220 · GND: (DE139906363 · BNF: (FRcb151214285 (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie