Lucio Papirio Mugillano (console 427 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lucio Papirio Mugillano
Nome originaleLucius Papirius Mugillanus
GensPapiria
Tribunato consolare422 a.C.
Consolato427 a.C.

Lucio Papirio Mugillano [1] (in latino: Lucius Papirius Mugillanus; Roma, ... – ...) è stato un politico romano del V secolo a.C..

Consolato[modifica | modifica wikitesto]

Nel 427 a.C. fu eletto al consolato con Gaio Servilio Strutto Ahala[2].

L'anno passò senza che si arrivasse allo scontro con Veio, accusata di aver compiuto razzie in territorio romano l'anno prima, perché, a seguito del fallito tentativo di composizione pacifica della disputa con gli etruschi, i plebei ottennero che la guerra fosse votata dai comizi centuriati e che la sua conduzione fosse affidata ai tribuni consolari dell'anno successivo.

Tribunato[modifica | modifica wikitesto]

Nel 422 a.C. fu eletto al tribunato consolare con Lucio Manlio Capitolino e Quinto Antonio Merenda[3].

In quell'anno il tribuno della plebe Lucio Ortensio citò in giudizio Gaio Sempronio Atratino per la conduzione della campagna bellica contro i Volsci dell'anno prima, ma vi desistette per l'opposizione di quattro suoi colleghi tribuni della plebe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ William Smith, Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, 1, Boston: Little, Brown and Company, Vol.2 pag.1119 n.2 Archiviato il 28 agosto 2013 in Internet Archive.
  2. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita, IV, 2, 30
  3. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita, IV, 3, 42

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]