Lucio Mongardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lucio Mongardi
Mongardi.jpg
Mongardi alla SPAL
Nazionalità Italia Italia
Altezza 171 cm
Peso 67 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1980 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-1964 Argentana
Squadre di club1
1964-1965 Trento 29 (4)
1965-1966 Padova 1 (0)
1966-1967 Mestrina 25 (5)
1967-1968 Padova 0 (0)
1968-1969 Ravenna 31 (4)
1969-1970 Prato 35 (4)
1970-1971 Sambenedettese 36 (3)
1971-1972 Massese 36 (4)
1972-1975 SPAL 103 (15)
1975-1977 Atalanta 49 (2)
1977-1980 Parma 83 (2)
Carriera da allenatore
198?SPALGiovanili
1987-1988SPALVice
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Lucio Mongardi (Argenta, 23 novembre 1946Ferrara, 11 maggio 2001) è stato un calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È scomparso dopo una lunga malattia nel 2001. A Ferrara si gioca, in sua memoria, un torneo calcistico giovanile ed il 9 settembre 2007 ad Argenta è stato a lui intitolato lo stadio comunale di piazza Giovanni XXIII. Gli è stata inoltre dedicata una via a Ferrara nel quartiere di Pontegradella.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresce calcisticamente nell'Argentana, con la quale esordisce in Serie D.

Mongardi (accosciato, al centro) nel Parma del 1977-1978

Passa poi al Trento e quindi al Padova dove debutta in Serie B a 19 anni nella stagione Serie B 1965-1966. Prosegue quindi la carriera con una lunga militanza in Serie C con Mestrina, Ravenna, Prato, Sambenedettese e Massese culminata, nel 1972, con l'approdo a Ferrara nella SPAL di Paolo Mazza allenata da Mario Caciagli.

Nella sua città diventa regista e capitano[senza fonte] dei biancoazzurri, che centrano la promozione in Serie B. Mongardi, nel campionato della promozione, sarà anche protagonista dal dischetto, realizzando 12 reti su altrettanti rigori concessi alla SPAL. Resta a Ferrara per disputare due campionati di Serie B (69 presenze e 3 reti complessive), per trasferirsi nel 1975 a Bergamo per indossare la maglia dell'Atalanta.

Con i nerazzurri ottiene la promozione in Serie A nella stagione 1976-1977 dopo lo spareggi con Pescara e Cagliari. Nella sessione autunnale del calciomercato viene ceduto in Serie C al Parma senza riuscire ad esordire in massima serie. Chiude con il calcio con gli emiliani nel 1980, dopo aver centrato una nuova promozione in Serie B nella stagione 1978-1979.

In carriera ha totalizzato complessivamente 147 presenze e 5 reti in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Cessata l'attività agonistica ha intrapreso quella di allenatore del settore giovanile con la SPAL, di cui è stato anche vice-allenatore della prima squadra, ed altre società minori.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

SPAL: 1972-1973

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]