Lucio Cornelio Lentulo (console 327 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Lucio Cornelio Lentulo
Console della Repubblica romana
Nome originaleLucius Cornelius Lentulus
GensCornelia
Consolato327 a.C.
Dittatura320 a.C.

Lucio Cornelio Lentulo (... – ...; fl. IV secolo a.C.) è stato un politico romano del IV secolo a.C.

Fu eletto console nel 327 a.C. con Quinto Publilio Filone, al suo secondo mandato[1]. Mentre a Publilio fu affidato il comando dell'esercito nell'assedio della città di Neapolis, Lucio Cornelio entrava nel territorio dei Sanniti, alleati ai greci di Neapolis[2]. In seguito all'elezione dei nuovi consoli, a Lucio Cornelio fu accordato il potere proconsolare, per continuare la campagna militare contro i Sanniti[2].

I romani, condotti da Lucio, presero tre città nel Sannio, Allife, Callife e Rufrio, prima dell'arrivo dei nuovi consoli, eletti per il 326 a.C.[3].

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Fasti consulares Successore
Publio Cornelio Scapula
e
Publio Plauzio Proculo
(327 a.C.)
con Quinto Publilio Filone II
Gaio Petelio Libone Visolo III
e
Lucio Papirio Cursore