Lucile Duplessis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucile Desmoulins

Anne-Lucile-Philippe Desmoulins, nata Laridon Duplessis (Parigi, 18 gennaio 1770Parigi, 13 aprile 1794), era la figlia di Anne-Françoise-Marie Boisdeveix e Claude-Étienne Laridon Duplessis, ufficiale del tesoro. Aveva una sorella, Adèle, che fu per breve tempo fidanzata con Maximilien Robespierre. Ragazza civettuola ancora sognante, a volte morbosa, Lucile era affascinata dalla figura tragica di Maria Stuarda, Regina di Scozia. Immaginò, molto profeticamente, che anche lei sarebbe morta giovane. Fu la moglie di Camille Desmoulins.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

All'età di tredici anni, mentre passeggiava ai Jardins du Luxembourg con la madre, incontrò per la prima volta Camille Desmoulins, che diventò il suo precettore e che avrà più avanti un ruolo di primo piano nella Rivoluzione francese tra le file dei Cordiglieri. Desmoulins se ne invaghì presto, ma dovette subire vari rifiuti del padre della fanciulla, che rifiutava di concederne la mano a causa delle scarse disponibilità finanziarie del giovane. Infine Claude-Étienne Duplessis accettò, visti i discreti proventi dell'attività giornalistica del pretendente.[1]

Lucile sposò Desmoulins il 29 dicembre del 1790 nella Chiesa di Saint-Sulpice a Parigi. L'unico figlio, Horace Camille, nacque il 6 luglio del 1792. Robespierre fece da padrino al bambino e rimane un amico intimo della famiglia fino all'arresto di Camille, avvenuto il 31 marzo 1794 assieme a quello, tra gli altri, del comune amico Danton.

Mentre il marito si trovava alla Conciergerie la donna non si dava pace. Iniziò una lettera da inviare a Robespierre in cui, in nome dell'antica amicizia, chiedeva la grazia per il proprio sposo. La missiva, tuttavia, non fu spedita, forse perché Lucile si rese conto dell'impossibilità, da parte dell'Incorruttibile, di agire, o in ogni caso perché disperava di una soluzione positiva.[2]

Il 4 aprile, inoltre, Alexandre de Laflotte, prigioniero al Luxembourg, denunciò un complotto volto a liberare i dantonisti con una sollevazione popolare. Lui stesso aveva finto di entrare a farne parte, prima di segnalarlo ai Comitati di salute pubblica e di sicurezza generale.[3] Nell'affare, condotto dal generale Arthur Dillon, fu coinvolta anche Lucile: Dillon, nelle confidenze carpitegli da Laflotte, aveva dichiarato di aver girato alla donna una somma affinché riuscisse a condurre più persone possibile al Tribunale rivoluzionario.[4]

Arrestata, dirà al tribunale di essere felice di morire per "essere mandata da mio marito". Durante la prigionia, confortò Françoise Hébert, la vedova di Jacques Hébert (l'editore de Le Père Duchesne). Lucile fu mandata alla ghigliottina con lei il 13 aprile del 1794. Le descrizioni dei contemporanei riportano che ella salì coraggiosamente e con calma al patibolo.

Lucile avrebbe provocato il suo arresto correndo in strada e gridando « vive le roi !» (viva il re!). Questo ha fornito ispirazione per l'opera di Massenet Thérèse.

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Lucile Duplessis è stata interpretata da Angela Winkler nel film Danton (1983) e da Marie Bunel nella miniserie televisiva La rivoluzione francese (1989).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ D. Lawday, Danton, Paris, Albin Michel, 2012, p. 115
  2. ^ E. Hamel, Histoire de Robespierre, Paris, A. Lacroix, Verboeckhoven & Cie, 1865-1867, vol. III, pp. 482-483
  3. ^ J. Michelet, Histoire de la Révolution française II, Paris, Gallimard, 1952, vol. I, p. 803
  4. ^ E. Hamel, cit., p. 482

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN229368125 · LCCN: (ENn85242197 · ISNI: (EN0000 0003 6495 405X · GND: (DE118888560 · BNF: (FRcb125593904 (data) · CERL: cnp00541417