Luciano Modica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luciano Modica

Sottosegretario di Stato al Ministero dell'Università e della Ricerca
Durata mandato 17 maggio 2006 –
5 maggio 2008
Presidente Romano Prodi
Predecessore Maria Grazia Siliquini
Successore Giuseppe Pizza

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XIV (Dal 5/11/2002)
Gruppo
parlamentare
Democratici di Sinistra-L'Ulivo
Coalizione L'Ulivo
Circoscrizione Regione Toscana
Collegio 10-Pisa
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democratici di Sinistra
Titolo di studio Laurea in Matematica
Professione Professore universitario

Luciano Modica (Catania, 4 gennaio 1950) è un accademico, politico e matematico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Terminate le scuole superiori a Catania, conseguendo la maturità classica presso il Liceo Nicola Spedalieri, vince il concorso di ammissione alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Qui è allievo di Ennio De Giorgi e di Enrico Bombieri, e dopo la laurea in matematica intraprende la carriera universitaria diventando, appena trentenne, professore ordinario di analisi matematica all'Università di Pisa.

In seguito ricopre cariche di responsabilità all'interno dell'ateneo pisano: prima Direttore di dipartimento e poi, dal 1993 al 2002, rettore. Durante questo periodo ricopre anche le cariche di segretario e, dal 1998 al 2002, di Presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI).

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Già esponente dei Democratici di Sinistra, nel 2002 si dimette da rettore dell'Università di Pisa per candidarsi alle elezioni suppletive del 27 ottobre 2002 per il Senato della Repubblica, in regione Toscana, nel collegio uninominale di Pisa (il cui seggio era stato lasciato vacante da Luigi Berlinguer, in quanto eletto membro del CSM) sostenuto da L'Ulivo (in quota DS), venendo eletto, con il 62,2% dei consensi, senatore della XIV Legislatura.

Al Senato della Repubblica è membro della 7^ Commissione permanente (Istruzione pubblica, Beni culturali) e della Commissione di Vigilanza RAI.

Alle elezioni politiche del 2006 è ricandidato al Senato della Repubblica, in regione Toscana, nelle liste dei Democratici di Sinistra, risultando tuttavia il secondo dei non eletti; viene successivamente nominato Sottosegretario al Ministero dell'Università e della Ricerca nel governo Prodi.

Nel 2007 aderisce al Partito Democratico; alle elezioni politiche del 2008 non si ricandida in Parlamento.

Matematica[modifica | modifica wikitesto]

I suoi campi di ricerca matematica sono quelli delle equazioni alle derivate parziali, del calcolo delle variazioni, delle superfici minime, nella modellizzazione matematica delle transizioni di fase.

È stato fondatore, presso l'editore Springer-Verlag, della rivista matematica "Calculus of Variations and Partial Differential Equations", della quale fu anche direttore per i primi 10 anni.

Ha svolto attività di ricerca e insegnamento all'università di Paris XI, nella New York University, nella Heriot-Watt University di Edimburgo, all'Università di Bonn e di Minneapolis

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Legion d'onore
— 2001 [1]

Nel 2004 è stato insignito della Medaglia d'oro dell'Ordine del Cherubino, ordine dell'Università di Pisa[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Rettore dell'Università di Pisa Successore Unipi logo.jpg
Gianfranco Elia 1993 - 2002 Marco Pasquali
Controllo di autorità VIAF: (EN287305088 · SBN: IT\ICCU\CFIV\054809