Luciano Bausi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luciano Bausi
Luciano Bausi.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature VII, VIII, IX e X
Gruppo
parlamentare
Democrazia Cristiana
Circoscrizione collegio 1 di Firenze
Incarichi parlamentari
Sottosegretario al ministero di grazia e giustizia
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Professione avvocato

Luciano Bausi (Firenze, 14 giugno 1921Firenze, 20 febbraio 1995) è stato un politico e avvocato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Luciano Bausi nacque a Firenze il 14 giugno 1921. Dopo la laurea in giurisprudenza iniziò la professione forense; partecipò alla Seconda guerra mondiale. Iniziò la carriera politica nel 1960 come consigliere comunale dapprima indipendente delle liste della Democrazia Cristiana, successivamente militò definitivamente nelle sue file, divenendo assessore all'urbanistica e al patrimonio con i sindaci Giorgio La Pira, Lelio Lagorio e Piero Bargellini. Divenne sindaco di Firenze dal 1967 al 1974, periodo nel quale si trovò a dover gestire il difficile periodo del “dopo alluvione”.[1]

Proseguì la sua carriera politica a livello nazionale, divenendo senatore nel 1976; nel 1979 venne rieletto e confermato nel 1983. Dal 1983 al 1987 fu sottosegretario al Ministero di Grazia e Giustizia, lasciando l'attività politica nel 1992. Durante il suo impegno parlamentare, partecipò alla stesura della legge sull'equo canone e a molte commissioni parlamentari: Commissione bicamerale di vigilanza del Parlamento, Commissione parlamentare d'inchiesta sul “caso Moro” e della bicamerale sul terrorismo in Italia, della Loggia P2, si interessò al problema delle carceri (portò al carcere di Pianosa il Maggio Musicale Fiorentino e Madre Teresa di Calcutta); fu inoltre membro della Commissione di vigilanza sulla Rai Radio televisione; poco prima della sua morte fu nominato membro della Commissione che doveva indagare sul caso della Banca Nazionale del Lavoro di Atlanta (USA).[1]

Nella città di origine fu molto attivo, al vertice di importanti sodalizi, come l'Unione Fiorentina[2] di cui fu presidente per un ventennio dal 1975 e l'Antica Compagnia del Paiolo; fu presidente del Conservatorio delle Mantellate e della Accademia di belle arti fino alla sua scomparsa; inoltre si adoperò soprattutto negli ultimi anni per la costituzione in museo della Casa di Dante. Morì a Firenze il 20 febbraio 1995.[1]

Archivio[modifica | modifica wikitesto]

Il Fondo di Luciano Bausi[3] è stato depositato dai figli presso l'Archivio di Stato di Firenze.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Fondo Bausi Luciano, su SIUSA Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. URL consultato il 4 gennaio 2018.
  2. ^ Museo della Casa di Dante - Unione Fiorentina, su museocasadidante.it.
  3. ^ Fondo Luciano Bausi, su SIUSA Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. URL consultato il 4 gennaio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • E. Capannelli - E. Insabato (a cura di), Guida agli Archivi delle personalità della cultura in Toscana tra '800 e '900. L'area fiorentina, Firenze, Olschki, 1996, pp. pp. 81-82.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]



Controllo di autoritàVIAF (EN79441125 · ISNI (EN0000 0000 5830 7866 · LCCN (ENn00039580