Lucchini RS

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucchini RS S.p.A.
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per Azioni
Fondazione 1856 a Lovere
Fondata da Giovanni Andrea Gregorini
Sede principale
Filiali Lucchini UK, Lucchini Sweden, Lucchini Poland, Zhibo Lucchini (Cina), LBX (Belgio), Lucchini Central Europe (Austria), Lucchini Bejing, Lucchini India.
Persone chiave
  • Luigi Lucchini (Fondatore del Gruppo Lucchini)
  • Giuseppe Lucchini (Presidente)
  • Augusto Mensi (Amm. Delegato)
Settore metallurgia siderurgia meccanica
Prodotti pezzi forgiati in acciaio, pezzi fusi in acciaio, prodotti ferroviari rotabili (ruote, assili, sale montate)
Fatturato 364 milioni di Euro (2014)
Utile netto 41,8 milioni di Euro (2014)
Dipendenti 1.492 (2014)
Slogan «Quality in Motion»
Sito web www.lucchinirs.it

Lucchini RS S.p.A. (ex Lucchini Sidermeccanica S.p.A. e dove l'acronimo "RS" sta per Rolling Stock, cioè materiale rotabile) è una società italiana, di proprietà della famiglia Lucchini (attraverso la holding Sinpar S.p.A.) e separatasi nel luglio 2007 dal resto del Gruppo Lucchini, rimasto di proprietà del gruppo russo Severstal. L'Azienda è specializzata nella produzione di materiale rotabile per treni, tram e metro (ruote, cerchioni e assili ferroviari e sale montate complete). Inoltre è attiva anche nella produzione di forgiati, getti, acciai per utensili e lingotti da forgia.

La sede della società è a Brescia, ma lo stabilimento produttivo è a Lovere (Bergamo) dove è presente tutto il processo produttivo dell'acciaio: acciaieria, fucinatura, fonderia, meccanica rodeggi e meccanica pesante.

La società controlla quattro società estere:

Nel 2007 la Lucchini RS si è unita in una joint venture con la cinese Zhibo Transport Equipment per costruire il più grande impianto al mondo di manutenzione per le sale montate destinate ad equipaggiare i treni ad alta velocità cinesi. La rete cinese di treni ad alta velocità è la maggiore per lunghezza delle linee (circa 7.500 km alla fine del 2010), velocità operativa dei treni (record mondiale di velocità per un treno di serie il 4 dicembre 2010, 486.1 km/h ottenuti dal treno CSR Sifang CRH380A), numero di treni in esercizio (circa 450 unità a fine 2010) e velocità di espansione.

Lucchini India è una società nata nel Maggio 2010 in Joint Venture maggioritaria (55%) con la società Bharat Connect Ltd della famiglia indiana Kanoria. Nel gennaio 2012 Lucchini RS ha acquistato la quota del 45% detenuta dal socio indiano.

Nel dicembre 2010, Lucchini RS ha allacciato alla rete elettrica un impianto fotovoltaico a tetto da circa 1 MWp, in grado di produrre circa 1,2 milioni di KWh all'anno. Tale impianto a tetto rappresenta al momento dell'allacciamento una delle realizzazioni italiane di maggiori dimensioni.

Nel 2013 Lucchini RS, ha siglato un accordo con Italcertifer - società di certificazione del Gruppo FS - con il quale le assegna il ruolo di fornitore esclusivo per l’Italia delle attività di test, verifica e certificazione di componenti ferroviari. Nella Convenzione, è anche previsto che Italcertifer possa avere il ruolo di fornitore privilegiato per l’estero con la possibilità di estendere la collaborazione anche con le controllate europee del Gruppo industriale di Lovere.

Per espandere il proprio network nella zona tedescofona dell'Europa il gruppo Lucchini, insieme all'austriaca SMW Metallverarbeitung GmbH, costituisce una nuova società denominata Lucchini Central Europe GmbH, detenendone il 75% delle quote. L'amministratore delegato è Manfred Zorn, già CEO di SMW. La nuova joint venture si rivolge al mercato tedesco, austriaco e svizzero[1].

Il 27 giugno 2014 Lucchini RS acquisisce dal Tribunale di Liegi uno stabilimento per la produzione di materiale ferroviario, costituendo una nuova società chiamata LBX[2] ed espandendo il proprio network nella zona francofona dell'Europa.

Il 3 settembre 2014 viene reso noto che la Lucchini RS ha siglato un accordo preliminare con l'obiettivo, entro la fine dell'anno, di acquisire il 49% di Mamé Group SpA, società produttrice di componenti forgiati in acciaio con sede a Cividate Camuno (Brescia). L'accordo siglato dal gruppo guidato da Giuseppe Lucchini prevede inoltre un'opzione per acquisire la maggioranza della società camuna entro il 2017[3][4].

Il 10 giugno 2015 Antonio Mamè e Giuseppe Lucchini, rispettivamente presidenti di Mamè Group SpA e Lucchini RS SpA firmano l'accordo definitivo relativo all'acquisizione da parte di Lucchini RS di una partecipazione del 75% in una società di nuova costituzione che nascerà dall'apporto dei rami aziendali delle società operative controllate da Mamè Group Spa.

L’accordo iniziale prevedeva una acquisizione da parte di Lucchini RS Spa del 49% che si sarebbe trasformato nell’arco di qualche anno in una maggioranza assoluta; per ragioni inerenti alla costruzione societaria necessaria è stato ritenuto più idoneo ed utile un assetto diverso che saltasse la fase intermedia.

La società che si chiamerà Lucchini Mamè Forge SpA avrà sede a Cividate Camuno; il presidente sarà Antonio Mamè, mentre l'amministratore delegato sarà Giuseppe Moschini, attuale CEO di Mamè Group SpA[5].

Principali clienti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stefano Ravaschio, Lucchini cresce e sbarca in Austria, Corriere della Sera, 17/04/2014.
  2. ^ Ne dites plus Valdunes (Seraing), mais Lucchini, 27/06/2014.
  3. ^ Lucchini acquisisce il 49% del gruppo Mamé per un polo d'eccellenza Bergamonews.it
  4. ^ Lucchini RS e Mamé Group per crescere insieme LucchiniRS.it
  5. ^ ThemeFuse, Mamè Group Spa: firmato l’accordo con Lucchini RS SpA | Lucchini RS su www.lucchinirs.it. URL consultato il 2015-06-18.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]