Luca de Santis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il personaggio della soap opera Un posto al sole, vedi Luca De Santis (personaggio).

Luca de Santis (Campobasso, 1978) è uno scrittore, fumettista e saggista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha collaborato con Paramount Comedy/Comedy Central, MTV Italia, Endemol e con alcuni network statunitensi. È ideatore e autore dell'avanspettacolo Burlesque!, per il quale ha vinto il Premio Massimo Troisi 2008 per la migliore scrittura comica di teatro.

Per la Kappa Edizioni e con l'illustratrice Sara Colaone, ha pubblicato la serie a fumetti Cream nell'antologia "JetLag 1" e "JetLag 2", e la graphic novel In Italia sono tutti maschi, sul confino degli omosessuali durante il Ventennio fascista, con cui vince nel 2009 al Comicon di Napoli, il premio A.Micheluzzi per "Miglior fumetto dell'anno". Il graphic novel è stato tradotto in francese, polacco, spagnolo e tedesco e distribuito in quasi tutta Europa.[1]

Per le Edizioni Comix ha pubblicato nel 2009 "Ricomincio da Troisi" in cui raccoglie alcuni suoi testi teatrali comici.


Dopo aver aperto il primo portale italiano dedicato ai videogiochi con contenuti LGBT dal titolo "Geekqueer", ha pubblicato a febbraio 2013, il primo saggio al mondo a trattare la rappresentazione dei personaggi gay lesbici e transessuali nella storia dei videogiochi, nel saggio Videogaymes. Omosessualità nei videogiochi tra rappresentazione e simulazione (1975-2009) Edizioni Unicopli.

Nel 2015 pubblica un aggiornamento al suo precedente studio, nell'antologia VirtualErotico Sesso, pornografia ed erotismo nei videogiochi di Papale e Alinovi, in cui affronta le tematiche LGBT nelle produzioni videoludiche dal 2009 al 2014.

Con Sara Colaone torna a collaborare nel 2016 per "Leda, che solo amore e luce ha per confine" scritto con Francesco Satta ed edito per Coconino Press Fandango.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Cream 1-2-3, in “Jet lag 1” AAVV, Kappa edizioni, 2001, Italia.
  • Cream 4, in “Jet lag 2” AAVV, Kappa edizioni, 2003, Italia.
  • In Italia sono tutti maschi, Luca de Santis & Sara Colaone, Kappa edizioni, 2008, (2010 seconda Edizione) Italia.
  • "Ricomincio da Troisi", Luca de Santis, Comix Edizioni, 2009, Italia.
  • En Italie, il n'y a que des vrais hommes, Luca de Santis & Sara Colaone, Dargaud 2010, Benelux.
  • "Diva mon amour", AAVV, Azimut Edizioni, 2010.
  • Insel der Manner, Luca de Santis & Sara Colaone, Schreiber und Leser Ed., 2011, Germania.
  • "We Włoszech wszyscy są mężczyznam", Luca de Santis & Sara Colaone, Centrala Edizioni, 2011, Polonia.
  • "En Italia son todos Machos", Luca de Santis & Sara Colaone, Norma Editorial, 2011, Spagna.
  • "Videogaymes. Omosessualità nei videogiochi tra rappresentazione e simulazione (1975-2009)", Luca de Santis per Edizioni Unicopli, 2013, Italia.
  • "My Boyfriend is a Bastard", Luca de Santis & Damiano Clemente, Renbooks Edizioni, 2014, Italia.
  • "VirtualErotico. Sesso, pornografia ed erotismo nei videogiochi", AA.VV., Edizioni Unicopli, 2015, Italia.
  • "Leda, che solo amore e luce ha per confine", Colaone, Satta, de Santis, Ed. Coconino Press Fandango, 2016, Italia.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio Attilio Micheluzzi come Miglior fumetto 2009 a "[In Italia sono tutti maschi]", Luca de Santis & Sara Colaone, Kappa edizioni.
  • Premio Fornarina come miglior fumetto 2009 a "[In Italia sono tutti maschi]", Luca de Santis & Sara Colaone, Kappa edizioni.
  • Premio Massimo Troisi 2008, come Miglior scrittura teatro comico per la commedia teatrale "Le Madri".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per il mercato francese, belga e canadese con il titolo "En Italie il n'ya que vrais hommes", Ed. Dargaud; per il mercato tedesco col titolo "Insel der Manner", Schreiber und Leser Ed.; per il mercato polacco col titolo “We Włoszech wszyscy są mężczyznami“, Centrala Edizioni; per il mercato spagnolo col titolo "En Italia son todos Machos", Norma Editorial.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]