Luca Sacchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luca Sacchi
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Peso 78 kg
Nuoto Swimming pictogram.svg
Specialità Misti, rana, delfino, staffette
Società DDS, Carabinieri
Palmarès
Giochi olimpici 0 0 1
Campionati europei 1 0 2
Giochi del Mediterraneo 3 1 1
Europei giovanili 0 1 1
Campionati italiani 28 16 6
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Luca Sacchi (Milano, 10 gennaio 1968) è un ex nuotatore e commentatore televisivo italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Proviene da una famiglia legata al nuoto; il padre, la madre e due zii sono stati nuotatori e tutti hanno fatto parte della nazionale italiana.[1] Ha iniziato a nuotare allenato dal padre Remo Sacchi che è stato anche il fondatore, assieme ad Angelo Romani, della società "Dimensione dello Sport" (DDS)[2] in cui Luca ha svolto tutta la sua carriera da atleta.

Specializzato nei misti, si può definire un nuotatore polivalente in quanto capace di ottenere risultati di rilievo anche negli altri stili sia in Italia che all'estero. Ha esordito agli europei giovanili del 1984 in cui ha vinto l'argento nei 200 m rana e il bronzo nei 400 m misti. Ha vinto i suoi primi titoli italiani nel 1987 nei 200 m rana e nei 200 m misti; in questa distanza ai campionati italiani è stato battuto una sola volta in dieci anni, nel 1989 da Stefano Battistelli. Nello stesso anno ha esordito con la nazionale maggiore ai Giochi del Mediterraneo di Latakia dove ha vinto due medaglie, bronzo nei 200 m dorso e argento nei 200 m misti battuto dal compagno di squadra Lorenzo Benucci.

Nel 1988 ai campionati italiani ha fatto la sua prima doppietta 200 – 400 m misti e si è qualificato per i Giochi olimpici di Seul; in Corea del sud è stato finalista B nei 200 m misti e finalista nei 400 m misti nella stessa gara in cui Battistelli ha vinto la medaglia di bronzo. L'anno dopo ha partecipato ai campionati europei di Bonn dove è giunto sesto in finale nei 400 m misti.

Nel 1990 è stato sconfitto da Battistelli ai campionati italiani nei 400 m misti per l'ultima volta; in nazionale ha fatto il suo esordio in coppa latina. Ha viaggiato molto di più con la squadra italiana nel 1991 iniziando a gennaio quando è stato convocato per i mondiali di Perth; nei 400 m misti è arrivato quinto in finale in cui c'era anche Battistelli che è salito sul podio. In estate ha avuto un doppio impegno ad Atene, prima per i Giochi del Mediterraneo dove ha vinto i 400 m misti, il suo primo oro internazionale. Il secondo oro, quello più importante, lo ha vinto in agosto sempre nei 400 m misti ai campionati europei quando è riuscito a superare per quattro centesimi Patrick Kühl: inoltre è arrivato terzo nei 200 m misti vincendo la sua seconda medaglia.

Ha migliorato il primato del mondo in vasca corta nei 400 metri misti con 4'08"77 a Palma di Maiorca il 28 febbraio 1992. In estate è stato convocato per i Giochi olimpici di Barcellona. In Spagna ha conquistato la medaglia di bronzo nei 400 m misti giungendo dietro a Tamás Darnyi ed Eric Namesnik migliorando al tempo stesso il primato italiano sulla distanza. Dopo i Giochi ha rallentato l'attività agonistica nel 1993, è andato a studiare all'estero e non ha partecipato ai campionati europei.[3] Ha però preso parte in primavera alla coppa latina dove ha vinto le gare dei misti e in estate ai Giochi del Mediterraneo in Linguadoca-Rossiglione in cui è ancora arrivato primo nei 200 e nei 400 m misti.

Ripresa in pieno l'attività nel 1994, è tornato a vincere i "suoi" titoli ai campionati italiani e si è qualificato per i mondiali di Roma in cui ha nuotato solo nei 400 m misti ed è arrivato sesto in finale. Nel 1995 ha partecipato in primavera alla coppa latina restando imbattuto nei misti, e in estate a Vienna ai campionati europei dove ha vinto la medaglia di bronzo nei 400 m misti ed è arrivato quarto nei 200 m.

Il 1996 è stato il suo ultimo anno come agonista. Ha puntato la preparazione per i Giochi olimpici e, qualificatosi, ha nuotato nella sua terza finale dei 400 m misti arrivando sesto. Ha concluso la carriera vincendo tre titoli poche settimane dopo a Catania ai campionati italiani estivi.[4]

Dopo il ritiro come nuotatore è diventato giornalista per la carta stampata, commentatore televisivo delle gare di nuoto per la Rai e presidente della sua squadra di nuoto.[5]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Questa tabella è incompleta

Giochi olimpici Olympic rings without rims.svg --- 200 m misti 400 m misti
1988 Seul
Corea del Sud Corea del Sud
--- 5º in finale B
2'05"68

4'23"23
1992 Barcellona
Spagna Spagna
--- 11º in batteria
2'03"54[6]
Bronzo
4'16"34
1996 Atlanta
Stati Uniti Stati Uniti
--- 3º in finale B
2'03"49

4'18"31
Campionati mondiali --- 200 m misti 400 m misti
1991 Perth
Australia Australia
--- 4º in finale B
2'04"53

4'19"88
1994 Roma
Italia Italia
--- ---
4'20"03
Campionati europei --- 200 m misti 400 m misti
1989 Bonn
bandiera Germania Ovest
--- 2º in finale B
2'05"52

4'22"96
1991 Atene
Grecia Grecia
--- Bronzo
2'02"93
Oro
4'17"81
1995 Vienna
Austria Austria
---
2'02"91
Bronzo
4'18"82
Giochi del Mediterraneo 200 m dorso 200 m misti 400 m misti
1987 Latakia
Siria Siria
Bronzo
2'07"30
Argento
2'06"72
---
1991 Atene
Grecia Grecia
--- --- Oro
4'23"37
1993 Canet e Narbonne
Francia Francia
--- Oro
2'03"32
Oro
4'22"30
Europei giovanili 200 m rana --- 400 m misti
1984 Lussemburgo
Lussemburgo Lussemburgo
Argento
2'23"43
--- Bronzo
4'33"14

Altri risultati[modifica | modifica wikitesto]

Coppa latina (vengono elencate solo le gare individuali)
200 m misti: argento, 2'05"81
200 m misti: oro, 2'04"28
400 m misti: oro, 4'23"32
200 m misti: oro, 2'05"75
400 m misti: oro, 4'31"25

Campionati italiani[modifica | modifica wikitesto]

28 titoli individuali, così ripartiti:

  • 2 nei 200 m rana
  • 1 nei 200 m farfalla
  • 13 nei 200 m misti
  • 12 nei 400 m misti
Anno
Edizione
st.libero
4×200 m
rana
200 m
farfalla
200 m
misti
200 m
misti
400 m
mista
4×100 m
1986 Primaverili - - - - 2 -
1987 Estivi - 1 - 1 2 -
1988 Primaverili - - 1 1 2 -
1988 Estivi - - 2 1 1 -
1989 Estivi - - - 2 1 -
1990 Primaverili 2 - 2 1 2 -
1990 Estivi 2 - 3 1 1 -
1991 Primaverili 2 - - 1 1 2
1991 Estivi 3 - - 1 1 -
1992 Primaverili 3 2 2 1 1 -
1994 Primaverili - - - - 1 -
1994 Estivi - - 2 1 1 -
1995 Primaverili - - - 1 1 -
1995 Estivi - 2 - 1 1 -
1996 Primaverili - - 2 1 1 -
1996 Estivi - 1 - 1 1 -

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ vedi bibliografia, pag. 532
  2. ^ Dimensione dello Sport - Approfondimenti Archiviato il 16 dicembre 2012 in Internet Archive.
  3. ^ Sacchi, siluro azzurro. «Il Corriere della Sera», 5 aprile 1993, 35
  4. ^ Sacchi, addio da vincitore. «Il Corriere della Sera», 25 agosto 1996, 36
  5. ^ Dimensione dello Sport - Approfondimenti Archiviato il 14 marzo 2010 in Internet Archive.
  6. ^ qualificato per la finale B che non ha nuotato

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aronne Anghileri, Alla ricerca del nuoto perduto, Cassina de' Pecchi, SEP editrice S.R.L., 2002, vol. II. ISBN 88-87110-27-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]