Luca Gasparini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi omonimi, vedi Luca Gasparini (disambigua).

Luca Gasparini (Bergamo, 11 dicembre 1958) è un montatore, regista e docente italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Storia e critica del Cinema all'Università di Torino, comincia a lavorare a Torino in una televisione privata. Trasferitosi a Roma all'inizio degli anni Novanta, ha collaborato come montatore tra gli altri con Giacomo Battiato, Guido Chiesa, David Christensen, Davide Ferrario, Daniele Gaglianone, Costanza Quatriglio, Daniele Vicari, Andrea Zambelli.

Parallelamente alla carriera di montatore cinematografico, ha realizzato come autore film documentari, tra cui Tempi moderni. CCCP - Fedeli alla linea, unico film sul gruppo emiliano girato prima del suo scioglimento, a cui seguono Passano i soldati, sul rapporto con il padre, reduce della campagna italiana di Russia nella seconda guerra mondiale, con testimonianze di Mario Rigoni Stern e Nuto Revelli, e Uso improprio, riflessione sulla precarietà e sulla violenza considerate attraverso la frequentazione di uno spazio autogestito a Roma.

Membro dell'Accademia del Cinema Italiano, è docente residente di Montaggio alla Scuola di Cinema Gian Maria Volonté, Roma.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

  • Orizzonti di gloria, co-regia con Luca Pastore (1985)
  • Tempi moderni. CCCP - Fedeli alla linea (1989)
  • Bajram, co-regia con Daniele Vicari (1999)
  • Passano i soldati (2001)
  • Al momento giusto. Scuola Popolare di Musica di Testaccio (2005)
  • Uso improprio, co-regia con Alberto Masi (2008)

Montatore[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90169492 · ISNI (EN0000 0000 6240 9523 · SBN IT\ICCU\CFIV\106602 · LCCN (ENn90721630 · WorldCat Identities (ENn90-721630