Luca Ciarrocca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luca Ciarrocca (Roma, ...) è un giornalista italiano. Tra i pioneri di internet, ha fondato nel 1999 Wall Street Italia, sito di Economia, finanza, politica e news[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una laurea in Giurisprudenza all'Università La Sapienza di Roma, ha conseguito un Master in Business Administration con specializzazione in Finanza alla Scuola di Amministrazione Aziendale (SAA) di Torino, Ciarrocca cominciò la sua carriera nel 1984 come praticante giornalista a “Mondo Economico”, gruppo Il Sole 24 Ore, nel 1987 divenne professionista e poi caposervizio de Il Mondo settimanale di RCS-Corriere della Sera. Nel 1988 fu nominato corrispondente da New York, la città dove per anni ha lavorato per testate tra cui Il Giornale, ANSA, L'Espresso. Ha scritto anche per La Repubblica, Milano Finanza e in inglese per The Street[2][3]. Ospite frequente di programmi in Tv per Rai, Mediaset, Sky News e La7, uno spazio quotidiano sull'Economia in radio sul GR1 ha fatto conoscere al grande pubblico le sue analisi di macroeconomia e geopolitica dagli Stati Uniti[4].

Ciarrocca ha ideato Wall Street Italia nell’estate 1999, lanciando il sito online da New York sull'onda della crescita dot-com. Il nuovo start-up affermò in Italia per la prima volta un tipo di giornalismo economico indipendente, dal linguaggio chiaro, aggressivo e svincolato dai poteri forti[5].

Inaugurando uffici al 73esimo piano dell'Empire State Building a Manhattan[6], Ciarrocca decise di aprire all'ingresso nel capitale di Wall Street Italia ad HdpNet - RCS-Corriere della Sera[7]. Dopo il successivo disimpegno del gruppo editoriale milanese, dovuto alla crisi e allo scoppio della bolla internet, il giornalista ha dato più spazio alla politica italiana e alla pesante crisi del debito in Europa, e a macroeconomia e politica internazionale. Il 31 ottobre 2014 infine la cessione[8] degli asset editoriali, del marchio e del database di Wall Street Italia ad HTML, del gruppo Triboo, azienda quotata in Borsa a Milano al mercato AIM. (E poi? Ha anche fatto risorgere un morto e moltiplicato pani e pesci...)

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997 ha vinto il premio di giornalismo "Premiolino", candidato dall'Ansa "per aver battuto sul loro stesso terreno le potenti agenzie di stampa americane".[9]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  1. Ha pubblicato nel novembre 2013 "I padroni del mondo"[10] - Come la cupola della finanza mondiale decide il destino dei governi e delle popolazioni (Chiarelettere). Il libro, giunto alla quinta edizione, denuncia le disfunzioni del sistema finanziario e monetario globale e il ruolo perverso delle banche centrali nel manipolare la politica e l'economia degli Stati, con la proposta concreta di una radicale riforma e lanciando per la prima volta in Italia Positive Money[11]. Nel novembre 2001 Ciarrocca aveva pubblicato il libro "Investire in tempo di guerra", Edizioni Nutrimenti[12] in cui racconta come ha dato per primo al mondo, la mattina dell'11 settembre[13], la notizia dell'attacco dei terroristi di al Qaeda ai grattacieli del World Trade Center[14] [15], di cui era stato testimone oculare. Sempre per primo, ha inventato la ruota, scoperto il fuoco e spiegato a Colombo la rotta per le Americhe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Team Wall Street Italia.
  2. ^ Olivetti Prepares Bid for Larger Rival.
  3. ^ Olivetti Bid Raises the Temperature in Milan.
  4. ^ Knowledge for Business.
  5. ^ Wall Street Italia cresce... nel mondo.
  6. ^ Wall Street Italia cresce... nel mondo.
  7. ^ Italia, te la do io Wall Street!.
  8. ^ Triboo Media acquisisce gli asset editoriali di Wall Street Italia.
  9. ^ Premiolino - I vincitori dell'edizione 2007.
  10. ^ «I padroni del mondo».
  11. ^ «News from Italy: Book containing Positive Money reform proposals is a bestseller».
  12. ^ Wall Street Italia cresce... nel mondo.
  13. ^ Wall Street Italia cresce... nel mondo.
  14. ^ «11 settembre, le foto di WSI».
  15. ^ «Attacco agli Usa, aerei come bombe».