Luc Castaignos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luc Castaignos
Luc Castaignos 2011.jpg
Castaignos con la maglia del Feyenoord nel 2011.
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 187 cm
Peso 78 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Sporting Lisbona
Carriera
Giovanili
2003-2006 Excelsior
2006-2007 Sparta Rotterdam
2007-2009 Feyenoord
Squadre di club1
2009-2011Feyenoord37 (15)
2011-2012Inter6 (1)
2012-2015Twente98 (37)
2015-2016Eintracht Francoforte19 (4)
2016-2017Sporting Lisbona6 (0)
2017-2018Vitesse27 (2)
2018-Sporting Lisbona0 (0)
Nazionale
2008-2009 Paesi Bassi Paesi Bassi U-1717 (13)
2010-2011 Paesi Bassi Paesi Bassi U-1917 (8)
2012 Paesi Bassi Paesi Bassi U-201 (0)
2011-2014 Paesi Bassi Paesi Bassi U-2115 (6)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 aprile 2018

Luc Castaignos (Schiedam, 27 settembre 1992) è un calciatore olandese, attaccante dello Sporting Lisbona.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Suo padre è francese mentre sua madre è di Capo Verde.[1][2] I due vivevano in Aquitania, nelle Landes, poco lontano da Bordeaux, e poco prima che Luc nascesse si sono trasferiti a Schiedam, nell'Olanda Meridionale.[1]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1989 stilata da Don Balón,[3] mentre nel 2012 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1991 stilata da Don Balón.[4] Con l'allenatore Gian Piero Gasperini, all'Inter, giocava anche come ala destra oltre che come centravanti.[5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

Entrò a far parte giovanissimo delle giovanili dell'Excelsior[1]. A 13 anni, durante un torneo a Rotterdam, viene notato dal Feyenoord che lo cede allo Sparta e poi lo accoglie nel proprio settore giovanile[1]. A 16 anni firma il suo primo contratto da professionista con il Feyenoord[1].

Feyenoord[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 giugno 2009 Mario Been, l'allenatore del Feyenoord, lo ha invitato a partecipare ad alcuni allenamenti con la prima squadra.[6] Il giocatore ha fatto il suo esordio ufficiale il 24 settembre 2009 nell'incontro di KNVB beker vinto 5-0 in casa degli Harkemase Boys, subentrando al 72' minuto al posto di Leroy Fer.[7] Il debutto in campionato è arrivato il 28 febbraio 2010, quando è subentrato a Jon Dahl Tomasson nel corso della partita contro il Groningen.

Inter[modifica | modifica wikitesto]

Dalla stagione 2011-12 è un giocatore dell'Internazionale, club con il quale si era accordato già nei primi mesi del 2011.[8][9] Aggregato alla rosa in estate, debutta il 6 agosto nel derby di Supercoppa italiana perso 2-1.[10] In Serie A esordisce il 20 settembre, in un'altra gara che i nerazzurri perdono (3-1 contro il Novara).[11] Realizza l'unico gol con la squadra il 27 novembre quando, dopo essere subentrato a Zárate, decide la gara contro il Siena a un minuto dalla fine.[12][13] Il 17 febbraio 2012, nella partita con il Bologna[14], sputa addosso all'avversario Andrea Raggi.[15] Tramite il ricorso alla prova televisiva, il giudice lo squalifica per 3 giornate.[16] Viene così utilizzato dalla squadra Primavera, in cui rimedia un infortunio che gli fa terminare in anticipo la stagione.[17]

Twente[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 luglio 2012 viene acquistato dal Twente per 6 milioni di euro.[18] Debutta in campionato il 12 agosto nella vittoria interna contro il Groningen (4-1) subentrando a Dmitrij Bulykin al minuto 70. Segna il suo primo gol il 26 agosto nel 3-1 esterno contro il NEC Nijmegen al minuto 14 su assist di Dušan Tadić.
Conclude la sua prima stagione al Twente con 38 presenze e 13 gol in campionato considerando anche i play-off per l'Europa League, 44 presenze e 14 gol complessivi.

Il 18 agosto 2013 tocca quota 100 presenze con i club in occasione di Twente-Utrecht 6-0; nella stessa partita mette a segno anche una doppietta.[19]

Eintracht Francoforte[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 giugno 2015 viene acquistato dai tedeschi dell'Eintracht Francoforte, con cui firma un contratto triennale.

Sporting Lisbona[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 agosto 2016 viene acquistato a titolo definitivo dallo Sporting Lisbona[20], firmando un contratto di tre anni con la società portoghese.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

A 15 anni esordisce nell'Olanda Under-17, precisamente il 18 settembre 2008 in un incontro amichevole contro la Spagna (partita terminata 0-0). Nell'Europeo Under-17, concluso al secondo posto dall'Olanda, ha segnato anche nella finale persa contro la Germania, realizzando il gol del momentaneo vantaggio per gli olandesi al 7'.

Dal 2009 al 2011 ha giocato nell'Under-19, disputando anche l'europeo di categoria nel 2010. Nell'agosto 2011 viene convocato dall'allenatore dell'Under-21, Cor Pot, in vista dell'amichevole da disputare contro i pari età della Svezia.[21] Il 10 agosto gioca da titolare la sfida persa per 3-0 contro la Svezia.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate all'8 luglio 2017

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2009-2010 Paesi Bassi Feyenoord ED 3 0 CO 2 0 - - - - - - 5 0
2010-2011 ED 34 15 CO 1 0 UEL 2 0 - - - 37 15
Totale Feyenoord 37 15 3 0 2 0 41 15
2011-2012 Italia Inter A 6 1 CI 1 0 UCL - - SI 1 0 8 1
2012-2013 Paesi Bassi Twente ED 34+4 13+0 CO 2 1 UEL 8 0 - - - 48 14
2013-2014 ED 31 14 CO 0 0 - - - - - - 31 14
2014-2015 ED 29 10 CO 4 3 UEL 2 1 - - - 35 14
Totale Twente 98 37 6 4 10 1 114 42
2015-2016 Germania Eintracht Francoforte BL 19+1 4+0 CG 1 1 - - - - - - 21 5
ago. 2016 Germania Eintracht Francoforte BL - - CG 1 0 - - - - - - 1 0
Totale Eintracht Francoforte 20 4 2 1 - - 22 5
2016-2017 Portogallo Sporting Lisbona PL 6 0 CP+CdL 3+3 0+0 UCL 1 0 13 0
Totale carriera 167 57 18 5 13 1 1 0 199 63

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Per l'Inter il nuovo Henry, sportmediaset.it, 12 gennaio 2011.
  2. ^ (NL) Castaignos: voetbaltiener in de glazen kooi, in Ad.nl, 26 settembre 2009.
  3. ^ (EN) Don Balon’s list of the 100 best young players in the world, thespoiler.co.uk, 2 novembre 2010. URL consultato il 22 novembre 2011.
  4. ^ 101 prospetti per il futuro. Ecco la lista di Don Balon, Tuttomercatoweb.com, 13 novembre 2012. URL consultato il 13 novembre 2012.
  5. ^ La Gazzetta promuove Alvarez, Obi e Castaignos, Tuttomercatoweb.com, 8 agosto 2011.
  6. ^ (NL) Been gaat Castaignos al kans geven [Been already to give Castaignos chance], in AD, 21 giugno 2009. URL consultato il 28 settembre 2009.
  7. ^ (NL) Feyenoord boekt onberispelijke zege in Friesland [Flawless victory for Feyenoord in Friesland], in Feyenoord.nl, 24 settembre 2009. URL consultato il 26 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2011).
  8. ^ Inter, ecco Castaignos A Milano per le visite, su gazzetta.it, 28 febbraio 2011.
  9. ^ Castaignos all'Inter: c'è la firma, su sportmediaset.mediaset.it, 28 febbraio 2011.
  10. ^ Luigi Panella, Ibra e Boateng stendono l'Inter, su repubblica.it, 6 agosto 2011.
  11. ^ Alberto Cerruti, Gasperini, siamo all'addio È caos Inter: senza gioco, senza squadra, senza punti Novara ne fa 3, in La Gazzetta dello Sport, 21 settembre 2011.
  12. ^ Cosimo Cito, Inter all'ultimo respiro decide Castaignos, su repubblica.it, 27 novembre 2011.
  13. ^ Andrea Elefante, L'Inter abbraccia Castaignos Con un gol ha rotto 4 tabù, su gazzetta.it, 28 novembre 2011.
  14. ^ Luigi Garlando, È un'Inter alla deriva Che Bologna a San Siro Arriva il terzo k.o. di fila Ora Ranieri è a rischio, in La Gazzetta dello Sport, 18 febbraio 2012.
  15. ^ Francesco Ceniti, Sputo a Raggi Castaignos rischia la prova tv, in La Gazzetta dello Sport, 18 febbraio 2012.
  16. ^ Castaignos paga sputo tre turni di squalifica, su repubblica.it, 19 febbraio 2012.
  17. ^ Inter Primavera: gol e infortunio per Castaignos, su interlive.it, 10 marzo 2012.
  18. ^ Mercato: Luc Castaignos al Twente, inter.it. URL consultato il 30 luglio 2012.
  19. ^ Cronaca della partita - Tabellini FC Twente Enschede - FC Utrecht, 18.08.2013 - Eredivisie, su transfermarkt.it. URL consultato il 23 aprile 2014.
  20. ^ UFFICIALE: Sporting Lisbona, preso Castaignos - TUTTOmercatoWEB.com. URL consultato l'8 luglio 2017.
  21. ^ (NL) Iwan van Duren-Tom Knipping, Kortom-Jong Oranje, in Voetbal International, 03 agosto 2011, p. 11.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]