Lucía Etxebarría

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lucía Etxebarría de Asteinza

Lucía Etxebarría de Asteinza (Valencia, 7 dicembre 1966) è una scrittrice, sceneggiatrice, poetessa e drammaturga spagnola.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di José Ignacio Echevarría Gorroño (morto il 5 dicembre 2003) e Lucía Asteinza Stocke (14 aprile 1927), è la settima di sette fratelli.[1] La sua famiglia proviene da Bermeo, nei Paesi Baschi.

Ha studiato in una scuola religiosa fino all'età di 18 anni, quando si è trasferito a Madrid dove ha studiato giornalismo e filologia inglese.[2] Dopo parecchi lavori e il conseguimento della laurea in filologia inglese e giornalismo a Madrid, ha pubblicato il suo primo libro Aguanta Esto (1996), biografia di Courtney Love.

Grazie a Ana María Matute, ha potuto pubblicare il suo primo romanzo, Amore, prozac e altre curiosità (1997).[3] Nel 1998 ha vinto il Premio Nadal con il suo secondo romanzo, Beatriz e i corpi celesti (Beatriz y los cuerpos celestes).[4]

In Noi che non siamo come le altre (1999) costruisce un romanzo con una struttura di diverse storie intrecciate con personaggi ricorrenti. L'opera ricorda il suo esordio narrativo, a sua volta ispirato da Slaves of New York di Tama Janowitz. Lo stesso anno scrive la sceneggiatura del film Sobreviviré, in collaborazione con David Menkes e Alfonso Albacete.[5] Con loro collabora anche alla sceneggiatura di I love you baby (2001), un film diretto da Miguel Santesmases, che è un adattamento del suo primo romanzo per il cinema. Il regista Antonio del Real dirige anche un altro film basato su una sua sceneggiatura, La mujer de mi vida (2001).

Nel settembre 2000 si è trasferita in Scozia con la sua amica Elena Álvarez per lavorare all'Università di Aberdeen. Lì ha insegnato sceneggiatura e ha partecipato a vari seminari e conferenze. Nel novembre dello stesso anno le fu conferito un dottorato onorario in Lettere da quell'università.[6] Il risultato del suo soggiorno in Scozia è il saggio En brazos de la mujer fetiche (2002), scritto in collaborazione con Sonia Núñez Puente.[7] Nel 2002 ha ottenuto un posto come scrittrice in residenza alla McGill University di Montreal.

Con l'opera Di tutte le cose visibili e invisibili: amore e altre menzogne (2001) ha vinto il "Premio Primavera de Novela",[8] e nel 2003 ha pubblicato il libro di racconti Una storia d'amore come tante.[9] Nel 200, ha ripubblicato la sua prima opera con un nuovo titolo, Courtney y yo, incorporando una nuova prima parte.[10] Con Una donna in bilico, un romanzo incentrato sull'esperienza della maternità, ha vinto il Premio Planeta nel 2004.[11] Nel 2002 è stata la curatrice di La vida por delante: voces desde y hacia Palestina, una raccolta di racconti di autori palestinesi e spagnoli che ha tradotto e curato con Fundamentos.[12] È stata anche editrice della collezione Astarté della casa editrice Martínez Roca.[13]

Etxebarría ha anche usato un'espressione poetica. Ha debuttato in questo genere con Estación de infierno (2001). Nel 2004 ha pubblicato Actos de amor y placer, con cui ha vinto il XX Premio Barcarola.[14]

Nel 2005 ha pubblicato Ya no sufro por amor, un saggio che l'autrice definisce un'aspirina e in cui cerca di smontare quello che considera il "moderno mito consumista dell'amore romantico".[15] Nella primavera del 2007 ha pubblicato un altro romanzo, Cosmofobia, in cui racconta la vita di venti personaggi che hanno in comune il fatto di vivere nel quartiere madrileno di Lavapiés.[16] Nel 2009 ha pubblicato in collaborazione con Goyo Bustos un saggio intitolato El club de las malas madres, con riflessioni e consigli sul compito di essere madre, padre o insegnante di bambini in questi tempi.[17] Nel 2010 ha pubblicato il romanzo Lo verdadero es un momento de lo falso.[18] Nel dicembre 2011 ha annunciato il suo ritiro a tempo indeterminato dal mondo letterario come forma di protesta contro la pirateria.[19] Il 14 febbraio 2012 ha iniziato, insieme a diversi collaboratori, una rivista digitale, AllegraMag, che è scomparsa un anno dopo a causa del suo scarso successo.[20] Nel 2013 ha partecipato al reality show di Telecinco, Campamento de verano per, secondo lei, pagare i suoi debiti con il fisco.[21] Sempre nel 2013 ha pubblicato due opere: Liquidación por derribo, una lettura critica della situazione economica spagnola,[22] e Tu corazón no está bien de la cabeza: cómo salí de una relación tóxica. Etxebarría ha dichiarato di essere membro del Mensa, un'associazione internazionale di persone dotate che riconosce tra i suoi membri coloro che sono più intelligenti del 98% della popolazione.[23]

Analisi della sua opera letteraria[modifica | modifica wikitesto]

Il modo in cui Etxebarria affronta e tratta nelle sue opere aspetti come il ruolo della donna nella società attuale, la maternità, il femminismo, la sessualità, le relazioni sociali o gli stereotipi di genere è stato oggetto di varie analisi in ambito accademico, universitario e letterario.[24][25]

Accuse di plagio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 la rivista Interviú accusò Etxebarría di aver plagiato il poeta Antonio Colinas, vincitore del Premio Nazionale di Letteratura, nel suo libro Estación de Infierno (2001); hanno anche detto che il primo romanzo dello scrittore, Amore, prozac e altre curiosità (1997), includeva frasi letterali di Prozac Nation, della giornalista e scrittrice americana Elizabeth Wurtzel.[26]Etxebarria ha citato la rivista per un presunto reato di interferenza con il suo onore,[27]ma Interviú fu assolto nel 2003 con una sentenza del tribunale di prima istanza numero 52 di Madrid. L'autore si è poi appellato alla Corte Provinciale di Madrid.[28]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Estación de infierno (2001)
  • Actos de amor y placer (2004)

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

Altri[modifica | modifica wikitesto]

  • La vida por delante: voces desde y hacia Palestina (2005)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Senís Fernández, J. (2001). «Compromiso feminista en la obra de Lucía Etxebarria». Espéculo. Revista de estudios literarios (Universidad Complutense de Madrid) (18). ISSN 1139-3637[24]
  • Henseler, C. (2004). «Video Clip Aesthetics: Gender and Popular Culture in Amor, curiosidad, prozac y dudas by Lucía Etxebarria». Letras Femeninas (Asociación Internacional de Literatura y Cultura Femenina Hispánica) 30 (2): 126-142.[25]
  • Masanet, L. (junio de 2008). «La narrativa de Lucía Etxebarría: desvelando el estado actual de la mujer española». The Coastal Review (Georgia Southern University) 2 (2). ISSN 1930-2797.[29]
  • Henseler, C. (2005). «Acerca del 'fenómeno' Lucía Etxebarria». Revista de Literatura 67(134): 501-522. doi:10.3989/revliteratura.2005.v67.i134.105.[30]
  • De Urioste, C. (2000). «Las novelas de Lucía Etxebarria como proyección de sexualidades disidentes en la España democrática». Revista de estudios hispánicos 34 (1): 123-137. ISSN 0034-818X[31]
  • Bettaglio, M. (2011). «Maternal Agency in Lucía Etxebarria’s Un milagro en equilibrio»(PDF). Cincinnati Romance Review (en inglés) 32: 102-119.
  • Prádanos, L. (junio de 2011). «Constructivismo y redes socials multiculturales en “Cosmofobia” y “Lo verdadero es un momento de lo falso” de Lucía Etxebarria». Ciberletras (25). ISSN 1523-1720.[32]
  • Ross, Catherine B. (2011). «Why We Are All in the Club: El club de las malas madres». The Changing Spanish Family: Essays on New Views in Literature, Cinema and Theater. ISBN 9780786464043.
  • Ross, Catherine B. (2008). «The Changing Faces of Motherhood: Lucía Etxebarria's Un milagro en equilibrio». (M)Othering the Nation: Constructing and Resisting National Allegories through the Maternal Body. ISBN 9781847185372
  • Ross, Catherine B. (2006). «Sex, Drugs and Violence in Lucía Etxebarria's Amor, curiosidad, Prozac y dudas». Novels of the Contemporary Extreme. London, England; Continuum. ISBN 9780826490889.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ABC MADRID 21-12-2003 página 83 - Archivo ABC, su abc, 3 settembre 2019. URL consultato il 23 giugno 2021.
  2. ^ (ES) Lucía Etxebarria, su bekia.es. URL consultato il 23 giugno 2021.
  3. ^ (ES) Lucía Etxebarría: "Ana María Matute era un hada, un ser excepcional", su La Vanguardia, 25 giugno 2014. URL consultato il 23 giugno 2021.
  4. ^ (ES) Xavier Moret, La joven Lucía Etxebarría recibe el Nadal con una novela que trata de la iniciación sexual, in El País, 6 gennaio 1998. URL consultato il 23 giugno 2021.
  5. ^ Lucía Etxebarria - Sobreviviré (1999) | ARTIUM - Biblioteca y Centro de Documentación, su catalogo.artium.eus. URL consultato il 23 giugno 2021.
  6. ^ (ES) Lucía Etxebarría, doctora «honoris causa» en una universidad de Escocia, su La Voz de Galicia, 25 novembre 2000. URL consultato il 23 giugno 2021.
  7. ^ libro "En brazos de la mujer fetiche", cuyas autoras, Lucía Etxebarría, su ua.es. URL consultato il 23 giugno 2021.
  8. ^ (ES) Lucía Etxebarria gana el Premio Primavera de Novela, in El País, 8 marzo 2001. URL consultato il 23 giugno 2021.
  9. ^ (ES) El Cultural | Revista de actualidad cultural, su elcultural.com, 18 novembre 2020. URL consultato il 23 giugno 2021.
  10. ^ La vida de Courtney Love para los fans de Lucía Etxebarria > elmundolibro - Protagonistas, su elmundo.es. URL consultato il 23 giugno 2021.
  11. ^ Ganador edición 2004 del Premio Planeta, su premioplaneta.es. URL consultato il 23 giugno 2021.
  12. ^ Ian Grecco, Un libro al día: Lucía Etxebarria: La vida por delante. Voces desde y hacia Palestina, su Un libro al día, 17 novembre 2010. URL consultato il 23 giugno 2021.
  13. ^ (ES) Colección MR Astarté | Planeta de Libros, su PlanetadeLibros. URL consultato il 24 giugno 2021.
  14. ^ (ES) RC - Noticias - Lucía Etxebarría y María Luisa Frisa obtienen los Premios Barcarola de Poesía y Cuento, su revistasculturales.com. URL consultato il 24 giugno 2021.
  15. ^ (ES) Etxebarria vende 100.000 libros de ´Ya no sufro por amor´, su El Periódico de Aragón, 24 dicembre 2005. URL consultato il 24 giugno 2021.
  16. ^ (ES) 20minutos, Lucia Etxebarria retrata la multiculturalidad de Lavapiés y la confusión humana en 'Cosmofobia', su nuevo libro, su 20minutos.es - Últimas Noticias, 22 marzo 2007. URL consultato il 24 giugno 2021.
  17. ^ (ES) elEconomista.es, Lucía Etxebarría y Goyo Bustos publican "El club de las malas madres" - EcoDiario.es, su ecodiario.eleconomista.es, 24 febbraio 2009. URL consultato il 24 giugno 2021.
  18. ^ (ES) El Cultural | Revista de actualidad cultural, su elcultural.com, 18 novembre 2020. URL consultato il 24 giugno 2021.
  19. ^ (ES) Las tensas relaciones de Lucía Etxebarría en la Red, in El País, 20 dicembre 2011. URL consultato il 24 giugno 2021.
  20. ^ (ES) Ana Serrano, Lucía Etxebarría lanza una revista online | Placeres, su S Moda EL PAÍS, 16 febbraio 2012. URL consultato il 24 giugno 2021.
  21. ^ https://e00-elmundo.uecdn.es/documentos/2013/07/17/etxebarria.pdf
  22. ^ (ES) Lucía Etxebarria, in Wikipedia, la enciclopedia libre, 27 giugno 2021. URL consultato il 29 giugno 2021.
  23. ^ Europa Press, Lucía Etxebarría y el drama de los superdotados, esos grandes desconocidos, su europapress.es, 4 marzo 2016. URL consultato il 29 giugno 2021.
  24. ^ a b Juan Senís: Compromiso feminista en la obra de Lucía Etxebarría - nº 18 Espéculo (UCM), su webs.ucm.es. URL consultato il 29 giugno 2021.
  25. ^ a b Kristin Kiely, Perversion as Subjective Strategy in Amor, curiosidad, prozac y dudas by Lucía Etxebarria/La perversión como estrategia subjetiva en Amor, curiosidad prozac y dudas por Lucía Etxebarria, in REVISTA ENCUENTROS, vol. 11, n. 1, 1º gennaio 1970, DOI:10.15665/re.v11i1.65. URL consultato il 29 giugno 2021.
  26. ^ Lucía Etxebarria: «Me han hecho mucho daño, pero tengo la conciencia muy limpia» > elmundolibro - Anticuario, su elmundo.es. URL consultato il 29 giugno 2021.
  27. ^ (ES) Lucía Etxebarría demandará a la revista que la acusa de plagiar a Antonio Colinas en su libro «Estación de Infierno», su abc, 24 settembre 2001. URL consultato il 29 giugno 2021.
  28. ^ Lucía Extebarría recurre en apelación contra 'Interviú' > elmundolibro - Anticuario, su elmundo.es. URL consultato il 29 giugno 2021.
  29. ^ La narrativa de de Lucía Etxebarría: desvelando el estado actual de la mujer española - The Coastal Review, su web.archive.org, 11 aprile 2014. URL consultato il 29 giugno 2021 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2014).
  30. ^ (ES) Christine Henseler, Acerca del 'fenómeno' Lucía Etxebarria, in Revista de literatura, vol. 67, n. 134, 30 dicembre 2005, pp. 501–522, DOI:10.3989/revliteratura.2005.v67.i134.105. URL consultato il 29 giugno 2021.
  31. ^ Carmen de Urioste, Las novelas de Lucía Etxebarria como proyección de sexualidades disidentes en la España democrática, in Revista de estudios hispánicos, vol. 34, n. 1, 2000, pp. 123–137. URL consultato il 29 giugno 2021.
  32. ^ “Constructivismo y redes sociales multiculturales en Cosmofobia y Lo verdadero es un momento de lo falso de Lucía Etxebarria”, su lehman.cuny.edu. URL consultato il 29 giugno 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN116171910 · ISNI (EN0000 0001 1033 2410 · SBN TO0V290103 · LCCN (ENnr97017049 · GND (DE120444607 · BNE (ESXX1173703 (data) · BNF (FRcb13532554v (data) · J9U (ENHE987007453658605171 · CONOR.SI (SL52117347 · WorldCat Identities (ENlccn-nr97017049