Loya jirga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La loya jirga è una grande assemblea del popolo afghano, originariamente aperta solo ai gruppi pashtun, ma che poi ha incluso anche le altre etnie.

La parola deriva dalla lingua pashtu: loya significa "grande" e jirga "consiglio", "assemblea" o "incontro" (deriva da un termine turco che significa "tenda").

I partecipanti alla loya jirga comprendono a vario titolo leader tribali o regionali, figure politiche, militari e religiose, membri della famiglia reale, funzionari del governo e così via. Gli incontri sono convocati con cadenza irregolare, spesso da chi detiene il governo. Secondo alcuni storici la tradizione della loya jirga risalirebbe a 1000 anni fa.

La loya jirga non ha limiti di tempo e va avanti finché non viene raggiunta una decisione. Le decisioni sono prese all'unanimità e non sono previste votazioni formali. Molti diversi tipi di argomenti possono essere affrontati: la politica estera, le dichiarazioni di guerra, la legittimazione del governo o l'introduzione di nuove politiche.

La loya jirga nella storia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Motivi
1747 Incoronazione di Ahmad Shah (inizio del regno della dinastia Durrani)
1793 Trasferimento della capitale da Kandahar a Kabul
1841 Dichiarazione di guerra contro la Gran Bretagna (prima guerra anglo-afghana)
1880 Dichiarazione di guerra contro la Gran Bretagna (seconda guerra anglo-afghana)
1916 Dichiarazione di neutralità durante la prima guerra mondiale
1924 Votazione della costituzione di Amanullah Khan
1929 Incoronazione di Nadir Khan
1931 Votazione della costituzione del 1931
1949 Disconoscimento della cosiddetta linea Durand (confine tra Afghanistan e Pakistan)
1964 Votazione della costituzione del 1964
1977 Elezione di Mohammed Daoud a presidente della repubblica e votazione della costituzione del 1977
1985 Votazione della costituzione del 1985
2002 Elezione di Hamid Karzai a capo dello stato ad interim
2004 Votazione della costituzione del 2004

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN168336998 · LCCN: (ENn88121127 · ISNI: (EN0000 0001 2203 2036 · GND: (DE4702533-5 · BNF: (FRcb11988628g (data)