Love Yourself: Tear

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Love Yourself: Tear
ArtistaBTS
Tipo albumStudio
Pubblicazione18 maggio 2018
Durata43:58
Dischi1
Tracce11
GenereAlternative R&B[1]
Hip hop[1]
Electronic dance music[1]
Pop[1]
K-pop[2]
EtichettaBig Hit Entertainment
ProduttorePdogg, "hitman" bang (co-produttore)
RegistrazionePresso Adorable Trap, Big Hit Studio, Carrot Express, Dogg Bounce, Genius Lab, Hoodcave 2.0, Hope World, Mon Studio e The Rock Pit
FormatiCD, download digitale, streaming
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[3]
(vendite: 60 000+)
Dischi d'oroGiappone Giappone[4]
(vendite: 100 000)
Dischi di diamanteCorea del Sud Corea del Sud (2)[5]
(vendite: 2 000 000)
BTS - cronologia
Album precedente
(2018)
Album successivo
(2020)
Logo
Logo del disco Love Yourself: Tear

Love Yourself: Tear (Love Yourself 轉 Tear?, Love Yourself "jeon" TearLR) è il sesto album in studio del gruppo musicale sudcoreano BTS, pubblicato il 18 maggio 2018. È stato il primo disco K-pop a raggiungere la vetta della Billboard 200[6] ed il terzo album più venduto a livello globale nel 2018 secondo la IFPI.[7] Ha inoltre ricevuto una candidatura per il premio Best Recording Package ai Grammy Award 2019.[8]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Love Yourself: Tear è stato annunciato il 16 aprile 2018, in seguito all'uscita di un cortometraggio da nove minuti intitolato Euphoria: Theme of Love Yourself Wonder il 5 aprile precedente.[9] Il video include un assolo inedito di Jungkook, anch'esso intitolato Euphoria, di genere synth pop e con elementi di tropical house.[10] Euphoria funge da legame tra l'EP del 2017 Love Yourself: Her e il nuovo album.[11][12] Il 6 maggio è stato caricato su YouTube il trailer, ovverosia la canzone Singularity incisa da V,[13] un pezzo di genere neo soul che fa da traccia introduttiva al disco.[14]

Il concept album, secondo disco della trilogia Love Yourself, della cui sequenza narrativa rappresenta la "svolta", esplora i temi del dolore e delle sofferenze causati da una separazione, della consapevolezza che si possa essere amati senza essere ricambiati, e contiene messaggi di incoraggiamento rivolti a chi è privo di sogni.[15][16] La tracklist del disco è composta da undici pezzi. Intro: Singularity, descritta come un brano dalla melodia tormentosa, contenente elementi jazz e incentrata sul tema della disperazione,[17] narra del risveglio da una relazione in cui si è perso di vista il proprio io e paragona il disinnamoramento ad un "dolore fantasma".[18] il brano apripista Fake Love è "una traccia di genere hip hop emo con un sound di chitarra rock grunge e un ritmo trap di moda che crea una strana tristezza" e un testo che "rappresenta chiaramente il tema dell'album realizzando che un amore che si pensava fosse voluto dal destino era in realtà una bugia".[19] The Truth Untold è la seconda collaborazione con Steve Aoki dopo Mic Drop, mentre Airplane pt.2 è l'estensione del pezzo solista di J-Hope Airplane contenuto nel suo mixtape Hope World;[20][21] tematicamente associa la musica tradizionale rustica dei mariachi all'identità umile della band.[16] Anpanman è basata sull'omonimo personaggio dei manga, il supereroe più debole della Terra, fatto di pane ai fagioli rossi, che nutre gli affamati con parti del proprio viso; nel testo i BTS si paragonano a lui e sperano di donare speranza alla gente con la loro musica.[22] 134340, intitolata al pianeta nano Plutone, incorpora acid jazz e jazz hip hop[16] e si incentra sul rifiuto ricevuto da un ex-amante e sulla percezione di essere insignificanti; Paradise, come altre canzoni del gruppo, incoraggia a seguire i propri sogni nonostante le avversità,[23] mentre Magic Shop, scritta da Jungkook ispirandosi al memoriale di James R. Doty La bottega di magia, è dedicata ai fan del gruppo.[24] La traccia finale, Outro: Tear, ispirata dalle difficoltà a cui la band è andata incontro all'inizio dell'anno mentre discuteva di un possibile scioglimento,[25] esplora il fallimento di una storia d'amore dovuto a pretese e simulazioni.[18]

Il disco è uscito insieme al videoclip di Fake Love il 18 maggio 2018,[26] in quattro edizioni differenti per stile del jacket, denominate Y, O, U e R.[27][28][29]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

I BTS alla conferenza stampa di ''Love Yourself: Tear'', 24 maggio 2018

Due ore prima dell'uscita, è andata in onda un'anteprima in diretta da Los Angeles su V Live, durante la quale i BTS hanno parlato della loro nuova musica.[30] Fake Love ha fatto il suo debutto televisivo mondiale il 20 maggio, venendo eseguita live ai Billboard Music Award.[31] È stata la prima esibizione di un artista coreano durante la cerimonia.[32] Come fatto in precedenza per Love Yourself: Her, uno speciale BTS Comeback Show è stato trasmesso in diretta mondiale su Mnet il 24 maggio. Durante il programma il gruppo si è esibito con Fake Love e con altre tracce del disco, oltre a rivelare dietro le quinte inediti e video speciali dedicati ai fan.[33][34] Quello stesso giorno è stata organizzata anche una conferenza stampa al Lotte Hotel del distretto di Jung, Seul, per promuovere il disco.[35] Nelle due settimane successive, i BTS si sono esibiti con Fake Love, Airplane pt. 2 e Anpanman a vari programmi musicali sudcoreani, tra cui Music Bank,[36] Show! Eum-ak jungsim,[37] Inkigayo[38] e M Countdown.[39]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Metacritic[40] 74/100
AllMusic[41] 4/5 stelle
The Guardian[42] 3/5 stelle
IZM[43] 3.5/5 stelle
Pitchfork[44] 7.1/10
Rolling Stone[2] 3.5/5 stelle
Spin[24] 8/10
The 405[45] 7/10

Love Yourself: Tear ha ricevuto recensioni positive dalla critica. Su Metacritic, che assegna un punteggio normalizzato su base 100 alle recensioni dei critici, l'album ha totalizzato 4 punti di media, che indica "recensioni generalmente favorevoli".[40] Neil Z. Yeung di AllMusic ha assegnato al disco quattro stelle su cinque spiegando che "elegante e bramoso, Love Yourself: Tear è i BTS ad un picco ricercato e mirato, abbastanza coeso da dare la sensazione che sia stato concepito in un periodo particolare piuttosto che raffazzonato come alcune delle loro uscite precedenti".[41] Blanca Méndez di Spin ha affermato che, "mentre il primo capitolo della serie sembrava inquieto e disgiunto nella sua ampiezza di stili, il salto da un genere all'altro di Love Yourself: Tear suona come se il gruppo si stesse semplicemente divertendo".[24] Sheldon Pearce di Pitchfork ha scritto che è "un album astuto e vagamente tematico sull'amore e la perdita, con una maggiore concentrazione sul rap rispetto a prima" e che "Tear punta alla coesione, e facendolo produce canzoni divertenti e sfaccettate".[44] Jess Lau di The 405 ha notato che "Love Yourself: Tear sfoggia equamente le qualità individuali di ciascun membro e funge da introduzione ben strutturata ad un pubblico globale più ampio che è fin troppo desideroso di trovare il pelo nell'uovo".[45] Elias Leight di Rolling Stone ha affermato che il disco "è K-pop con un brio che spazia da un genere all'altro" e che "attraverso tutto questo, i membri dei BTS influenzano la sincerità melodica, cantando con intensità e melisma, rappando con toni che mostrano il loro sforzo e la loro tensione, come se la premura non fosse mai passata di moda".[2] Inserendolo tra i dischi migliori usciti durante la prima metà dell'anno, Caitlin Kelley di Billboard l'ha descritto come "uno dei loro album più coerentemente tematici ma variati nei suoni, con una produzione massimalista che esplode contro i testi che parlano del vuoto".[46]

Crystal Tai di South China Morning Post ha detto: "in Love Yourself: Tear, la band altresì nota come Bangtan Boys rivela che non sono più dei ragazzi, e abbraccia invece un sound maturo che è tanto oscuro quanto reale".[47] Jeff Benjamin di Fuse TV ha puntualizzato che "mentre ciò che ha preceduto l'uscita dell'album ha visto i BTS cambiare le aspettative verso gli artisti K-pop, la musica in sé li piazza lontani dalle sprezzanti etichette di boy band o pop star".[48] Kim Arin del The Korea Herald ha giudicato che "i BTS sono forse uno dei pochi gruppi in grado di far sembrare il dinissamorarsi tanto sognante quanto l'innamorarsi".[18] Per la stessa testata, Hong Dam-young ha scritto che "il fulcro dei BTS è sempre stato quello di connettersi agli ascoltatori e utilizzare le storie personali dei membri come leva. E il gruppo non ha deviato da questo nel suo nuovo album Love Yourself: Tear. Musicalmente, l'intero album da 11 tracce è ammirevole, giacché si sposta senza soluzione di continuità tra i generi spaziando dall'hip hop emo e dal pop latino alle ballate pop. Al contrario dei precedenti lavori hip hop socialmente consapevoli del gruppo, Love Yourself: Tear è pregno di melodie oscure e sentimenti d'amore complicati", aggiungendo che "il fattore chiave dietro al successo esplosivo dell'album non è da ricercarsi soltanto nelle sue versatilità e stravaganza musicali, ma anche nel suo messaggio globale: ciò che conta davvero è recapitare messaggi che possano toccare davvero il cuore dell'ascoltatore".[49]

Alexis Petridis del The Guardian ha dato all'album una recensione mista, spiegando che "per quanto riguarda i pro, sono molto bravi nelle ballate, eseguendole con un'intensità ansimante che è genuinamente commovente e potente", ma "c'è anche roba che fatichi a ricordare un secondo dopo che è finita: entra da un orecchio ed esce dall'altro, senza lasciare tracce riconoscibili. Non che sia eccessivamente sdolcinato, che è l'accusa comunemente mossa al K-pop; è semplicemente banale". Petridis ha segnalato che "il fenomeno dei BTS sembra più interessante della musica come suo centro, sebbene Love Yourself: Tear sia certamente abbastanza buono da continuare a far muovere senza problemi il fenomeno".[42]

Sia Fake Love che Singularity sono state votate tra le 65 canzoni migliori del 2018 dal The New York Times,[50] mentre l'album è stato inserito al tredicesimo posto nella lista di Rolling Stone dei venti dischi pop più belli dell'anno.[51] Paradise è stata scelta come secondo lato B di genere K-pop migliore dell'anno da MTV,[52] mentre il critico musicale Kim Young-dae ha indicato Magic Shop come traccia migliore dell'album per il sentimentalismo e la qualità della scrittura.[16]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. VIntro: Singularity – 3:17 (Charlie J. Perry, RM)
  2. Fake Love – 4:02 (Pdogg, "hitman" bang, RM)
  3. Jin, Park Ji-min, V e Jeon Jung-kookThe Truth Untold (feat. Steve Aoki) (전하지 못한 진심?, Jeonhaji mot-han jinsimLR) – 4:02 (Steve Aoki, Roland Spreckley, Jake Torrey, Noah Conrad, Annika Wells, RM, Slow Rabbit)
  4. 134340 – 3:49 (Pdogg, Adora, Bobby Chung, RM, Martin Luke Brown, Orla Gartland, Suga, J-Hope)
  5. Paradise (낙원?, Nag-wonLR) – 3:30 (lophiile, MNEK, RM, Song Jae-kyung, Suga, J-Hope)
  6. Love Maze – 3:40 (Pdogg, DJ Swivel, Candace Nicole Sosa, RM, Suga, J-Hope, Bobby Chung, Adora, Yoon Kita)
  7. Magic Shop – 4:36 (Jungkook, Hiss noise, RM, DJ Swivel, Candace Nicole Sosa, Adora, J-Hope, Suga)
  8. Airplane pt. 2 – 3:39 (Pdogg, RM, Ali Tamposi, Liza Owens, Roman Campolo, "hitman" bang, Suga, J-Hope)
  9. Anpanman – 3:54 (Pdogg, Supreme Boi, "hitman" bang, RM, Suga, Jinbo)
  10. So What – 4:44 (Pdogg, "hitman" bang, Adora, RM, Suga, J-Hope)
  11. RM, Suga e J-HopeOutro: Tear – 4:45 (Shin Myung-soo, Docskim, Suga, RM, J-Hope)

Note:[53]

  • Outro: Tear contiene un campione da Love Yourself Highlight Reel '起承轉結'.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Crediti tratti dalle note di copertina dell'album.[53]

  • Jinvoce, gang vocal (tracce 5, 7)
  • Sugarap, arrangiamento rap (tracce 4-7, 10-11), registrazione (tracce 4-7, 10-11), gang vocal (tracce 5, 7, 11)
  • J-Hope – rap, arrangiamento rap (tracce 4-7, 10-11), registrazione (tracce 4-7, 10-11), gang vocal (tracce 5, 7, 11)
  • RM – rap, arrangiamento rap (tracce 4-7, 10-11), registrazione (tracce 4-7, 10-11), gang vocal (tracce 5, 7, 11)
  • Park Ji-min – voce, gang vocal (tracce 5, 7)
  • V – voce, gang vocal (tracce 5, 7)
  • Jeon Jung-kook – voce, ritornelli (tracce 2-10), gang vocal (tracce 5, 7), produzione (traccia 7), sintetizzatore (traccia 7)
  • Adora – editing digitale (tracce 1, 3-5, 7), programmazione ritmo (traccia 3), ritornelli (tracce 3-5, 7-10), registrazione (tracce 3-5, 7-10), produzione (traccia 7), tastiera (traccia 7), sintetizzatore (traccia 7), gang vocal (tracce 7, 10), arrangiamento voci (traccia 7)
  • Steve Aoki – produzione (traccia 3)
  • "Hitman" Bang – tastiera (traccia 8), produzione esecutiva
  • Docskim (traccia 11) – produzione, piano, tastiera, sintetizzatore, basso, arrangiamento archi, registrazione
  • Hiss Noise – editing digitale (tracce 1-6, 8-10), produzione (traccia 7), tastiera (traccia 7), sintetizzatore (traccia 7), chitarra (traccia 7), gang vocal (tracce 7, 10)
  • Bob Horn – missaggio (traccia 3)
  • Jaycen Joshua – missaggio (tracce 8-9)
  • Jung Woo-young – registrazione (tracce 2, 4, 6-7), editing digitale (tracce 5-7)
  • Lee Joo-young – basso (traccia 4, 7-8)
  • Lee Tae-wook – chitarra (tracce 2-3, 6-8)
  • Ken Lewis – missaggio (traccia 11)
  • Lophiile – produzione (traccia 5)
  • Randy Merrill – ingegneria del suono
  • Moon Soo-jung – editing digitale (traccia 10)
  • Nine Choi – supervisione esecutiva
  • Park Jin-se (traccia 4) – editing digitale, missaggio
  • Pdogg – produzione (tracce 2, 4, 6, 8-10), arrangiamento voci (tracce 1-3, 7-9), arrangiamento rap (tracce 2, 8-9), registrazione (tracce 1-3, 7-9), tastiera (tracce 2, 4, 6, 8-10), sintetizzatore (tracce 2, 4, 6, 8-10), editing digitale (tracce 2-3, 8-9), gang vocal (tracce 7, 10)
  • Charlie J. Perry (traccia 1) – produzione, tastiera, basso
  • James F. Reynolds – missaggio (traccia 2)
  • Slow Rabbit – arrangiamento voci (tracce 1, 3-8, 10), registrazione (tracce 1, 3-8, 10), programmazione ritmo (traccia 3), produzione aggiuntiva (traccia 3), gang vocal (tracce 7, 10)
  • Supreme Boi – ritornelli (tracce 2, 9-10), editing digitale (tracce 2, 4-6, 9-11), arrangiamento rap (tracce 8-9, 11), registrazione (tracce 8-9, 11), vocoder (traccia 9), gang vocal (tracce 10-11)
  • Yang Ga – missaggio (tracce 1, 5-6)
  • Jordan "DJ Swivel" Young – missaggio (tracce 7, 10)

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 18 e il 25 aprile 2018, nei primi sei giorni di preordini, sono stati richiesti oltre 1,44 milioni di copie a livello nazionale secondo la Iriver Inc, che hanno reso Love Yourself: Tear il disco con il maggior numero di preordini di sempre in Corea del Sud,[54] record precedentemente detenuto dal suo precessore Love Yourself: Her.[55] Il 24 maggio è stato pubblicato un aggiornamento che ha portato il numero di copie oltre il milione e mezzo.[56] Il record è stato poi superato a luglio 2018 dalla raccolta degli stessi BTS Love Yourself: Answer, con una differenza di circa 62.000 copie.[57]

Dopo la pubblicazione in Corea del Sud, Love Yourself: Tear ha venduto 1.664.041 copie nelle prime due settimane, diventando il disco più venduto mensilmente dall'apertura della Gaon Chart.[58] Ha mantenuto il record fino a settembre 2018, quando è stato soppiantato da Love Yourself: Answer.[59] L'album è stato certificato Million dalla Korea Music Content Association a luglio 2018: è stato il primo disco a riceverla dall'introduzione del sistema di certificazioni qualche mese prima.[5][60] Dei 20 milioni di album venduti in Corea durante il 2018, Love Yourself: Tear ne ha rappresentato il 2% con circa 2 milioni di copie.[61] Nel 2018 è stato inoltre il terzo album più venduto a livello globale secondo la IFPI.[7]

Il 27 maggio 2018, Love Yourself: Tear ha debuttato al primo posto della Billboard 200, segnando il picco massimo raggiunto dai BTS negli Stati Uniti; è diventato così anche il primo disco K-pop a raggiungere tale posizione e l'opera meglio classificata di sempre di un artista asiatico.[6][62] A luglio 2018, secondo il Rapporto di Medio-Termine di Nielsen Music, Love Yourself: Tear era il nono album più venduto nel 2018 negli Stati Uniti,[63] e il primo tra le pubblicazioni musicali in lingua straniera.[64]

Nel Regno Unito, è stato il primo disco dei BTS a entrare nella top 10 della UK Albums, con un picco alla posizione numero 8.[65] Ha venduto oltre 100.000 copie in Giappone, venendo certificato oro dalla Recording Industry Association of Japan ad agosto 2018.[4][66] Tower Records Japan ha riferito in seguito che era l'album di un artista coreano più importato in Giappone nel 2018.[67]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2018) Posizione
Belgio (Fiandre)[80] 103
Corea del Sud[81] 12
Estonia[82] 44
Giappone[83] 18
Messico[74] 47
Paesi Bassi[84] 83
Stati Uniti[85] 101
Classifica (2019) Posizione
Corea del Sud[86] 15
Ungheria[87] 58

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Watch: BTS' New Video "Fake Love", 18 maggio 2018. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  2. ^ a b c (EN) Elias Leight, Review: BTS' 'Love Yourself: Tear' Is K-Pop With Genre-Hopping Panache, 18 maggio 2018. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  3. ^ (EN) Love Yourself: Tear, British Phonographic Industry. URL consultato il 22 maggio 2020.
  4. ^ a b 방탄소년단 LOVE YOURSELF 轉 ‘Tear’, 日 레코드협회 '골드' 인증..10만장 이상 판매, su entertain.naver.com. URL consultato il 14 agosto 2018.
  5. ^ a b (KO) Love Yourself: Tear – 가온 인증(Gaon Certification), Korea Music Content Association.
  6. ^ a b (EN) Hugh McIntyre, BTS Debut New Album 'Love Yourself: Tear' At No. 1, Becoming The First K-Pop Act To Do So, 27 maggio 2018. URL consultato il 29 settembre 2018.
  7. ^ a b (EN) The Greatest Showman soundtrack named best-selling album of 2018, su ifpi.org, 13 marzo 2019. URL consultato il 14 marzo 2019.
  8. ^ a b (EN) Jeff Benjamin, BTS Album Earns 2019 Grammy Nomination: Here's Why It's Important, su billboard.com, 7 dicembre 2018. URL consultato il 9 dicembre 2018.
  9. ^ (EN) Nate Hertweck, BTS Announce New Full-Length Album, 17 aprile 2018. URL consultato il 29 settembre 2018.
  10. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Tease Next Album In 'Love Yourself' Series With 'Euphoria' Theme Video, 5 aprile 2018. URL consultato il 29 settembre 2018.
  11. ^ (EN) Val Samarosa, BTS Reveal New Album "Love Yourself: Tear" Will Be Released In May, 17 aprile 2018. URL consultato il 29 settembre 2018.
  12. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Announce New Full-Length Album 'Love Yourself: Tear' To Be Released in May, 16 aprile 2018. URL consultato il 29 settembre 2018.
  13. ^ Filmato audio (KO) Big Hit Labels, BTS (방탄소년단) LOVE YOURSELF 轉 Tear 'Singularity' Comeback Trailer, su YouTube, 6 maggio 2018.
  14. ^ (KO) Hwang Ji-young, "컴백 초읽기"…방탄소년단 뷔, 컴백 트레일러 주인공 [공식], 7 maggio 2018. URL consultato il 30 settembre 2018.
  15. ^ (EN) K-pop act BTS to drop 3rd studio album next month: agency, su en.yna.co.kr, 17 aprile 2018. URL consultato il 14 febbraio 2020.
  16. ^ a b c d (EN) Kim Young-dae, Review 13: Love Yourself: Tear, in BTS – The Review: A Comprehensive Look at the Music of BTS, RH Korea, traduzione di H.J. Chung, Ujeong Group, LLP, 2019 [2019], pp. 222-230, ISBN 978-89-255-6606-1.
  17. ^ (EN) Tamar Herman, BTS' V Reveals Haunting New Song 'Singularity' Ahead of 'Love Yourself: Tear' Album Release: Watch, 6 maggio 2018. URL consultato il 30 settembre 2018.
  18. ^ a b c (EN) Kim Arin, One way to interpret BTS’ ‘Love Yourself’ saga, su koreaherald.com, 6 luglio 2018. URL consultato il 4 agosto 2020.
  19. ^ (KO) Jung Da-hoon, 컴백 D-3 방탄소년단, 정규 3집 타이틀곡 ‘FAKE LOVE’ 드디어 베일 벗다, 15 maggio 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  20. ^ (KO) Park Ji-young, 방탄소년단, 정규 3집 트랙리스트 전격 공개..11곡 수록, 14 maggio 2018. URL consultato il 30 settembre 2018.
  21. ^ (EN) Ashley Iasimone, BTS Reveal 'Love Yourself: Tear' Track List, 13 maggio 2018. URL consultato il 30 settembre 2018.
  22. ^ (KO) Son Hwa-sin, 방탄소년단은 호빵맨? 이들이 청춘을 위로하는 방식, su entertain.naver.com, 1º giugno 2018. URL consultato il 7 marzo 2019.
  23. ^ (EN) Kailey Cheng, BTS releases album: 'Love Yourself: Tear', su breezejmu.org, 21 maggio 2018. URL consultato il 7 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2018).
  24. ^ a b c (EN) Blanca Méndez, BTS 'Love Yourself: Tear' Review, 18 maggio 2018. URL consultato il 30 settembre 2018.
  25. ^ (EN) Monica Yadav, BTS BREAK THE SILENCE – Suga reveals he wrote ‘Outro: Tear’ for the members and the reason is quite emotional, su bollywoodhungama.com, 26 maggio 2020. URL consultato il 16 giugno 2020.
  26. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Release Captivating 'Fake Love' Music Video: Watch, 18 maggio 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  27. ^ (KO) Park So-young, [Oh!쎈 컷] 방탄소년단 is 뭔들..청청 or 흑백 新 콘셉트 포토, 9 maggio 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  28. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Release 'Love Yourself: Tear' Album Promo Images, 8 maggio 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  29. ^ (KO) Kim Mi-ji, '컴백 D-7' 방탄소년단, 콘셉트포토 Y-U 버전 공개, 11 maggio 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  30. ^ (KO) Jang Jin-ri, [V라이브] 방탄소년단 "신곡 '페이크 러브', 주인공은 진…장난 아니다", 18 maggio 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  31. ^ (EN) Shawn S. Lealos, Complete list of 2018 Billboard Music Awards performers: BTS, Shawn Mendes, Dua Lipa and more, 28 aprile 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  32. ^ (EN) Tatiana Cirisano, BTS Wins Top Social Artist Award at the 2018 Billboard Music Awards, 20 maggio 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  33. ^ (KO) Lee So-dam, [공식입장] 방탄소년단, 24일 엠넷 '컴백쇼' 확정..전세계 동시 생중계, 9 maggio 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  34. ^ (KO) Jung Ga-young, 방탄소년단, 24일 엠넷 ‘컴백쇼’ 확정…전세계 동시 생중계, 9 maggio 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  35. ^ a b (EN) Kang Hyun-kyung, BTS rewrites K-pop history by conquering Billboard 200 chart, 28 maggio 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  36. ^ (KO) Sun Mi-kyung, 방탄소년단, '뮤직뱅크' 역대 최고점 1위.."무려 15000점", 1º giugno 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  37. ^ (KO) Im Joo-hyun, '음악중심' 방탄소년단 1위..오프닝+엔딩 장식 역대급 컴백쇼(종합)- 스타뉴스, 26 maggio 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  38. ^ (KO) Shin Yeon-kyung, 방탄소년단, ‘인기가요’ 트리플크라운 달성 “아미 덕분에 3주 동안 행복”, 10 giugno 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  39. ^ (KO) 방탄소년단, ‘엠카운트다운’ 2주 연속 1위…“응원해준 아미에게 감사”, 7 giugno 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  40. ^ a b (EN) Love Yourself: Tear by BTS. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  41. ^ a b (EN) Love Yourself: Tear, su AllMusic, All Media Network. Modifica su Wikidata
  42. ^ a b (EN) Alexis Petridis, BTS: Love Yourself: Tear review – K-pop's biggest band keep ploughing on, su theguardian.com, 18 maggio 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  43. ^ (KO) 방탄소년단 (BTS) – Love Yourself 轉 'Tear': Album Review, IZM.
  44. ^ a b (EN) BTS: Love Yourself 轉 ‘Tear’ Album Review, su pitchfork.com. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  45. ^ a b (EN) http://thefourohfive.com, Album Review: BTS - Love Yourself: Tear. URL consultato il 2 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2018).
  46. ^ (EN) Caitlin Kelley, The 50 Best Albums of 2018 (So Far): Critics' Picks, 5 giugno 2018. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  47. ^ (EN) Crystal Tai, BTS album review: K-pop giants go darker on Love Yourself: Tear, 21 maggio 2018. URL consultato il 3 ottobre 2018.
  48. ^ (EN) Jeff Benjamin, BTS Get Global, Darker With 'Love Yourself: Tear' Album Release, su fuse.tv, 18 maggio 2018. URL consultato il 3 ottobre 2018.
  49. ^ (EN) Dam-young Hong, [Album review] BTS’ new album shows what truly matters, 23 maggio 2018. URL consultato il 3 ottobre 2018.
  50. ^ (EN) Jon Pareles e Jon Caramanica, The 65 Best Songs of 2018, 6 dicembre 2018. URL consultato il 9 dicembre 2018.
  51. ^ (EN) Brittany Spanos e Rob Sheffield, 20 Best Pop Albums of 2018, su rollingstone.com, 14 dicembre 2018. URL consultato il 15 dicembre 2018.
  52. ^ (EN) Crystal Bell, From BTS To Red Velvet, Here Are The 18 Best K-pop B-sides Of 2018, su mtv.com. URL consultato il 28 dicembre 2018.
  53. ^ a b (KO) Note di copertina di Love Yourself: Tear, BTS [libretto], Big Hit Entertainment Iriver Corporation, 1007, CD, Corea del Sud, 18 maggio 2018.
  54. ^ (KO) Lee Eun-jin, 방탄소년단, 새 앨범 선주문 144만장 돌파… '역대 최고' 기록 갱신텐아시아, 25 aprile 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  55. ^ (KO) Sun Mi-kyung, [공식입장] 방탄소년단, 새 앨범 선주문 144만장 돌파..더블 밀리언셀러, 26 aprile 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  56. ^ (KO) Yoo Byung-chul, ‘독보적 음반킹’ 방탄소년단, LOVE YOURSELF 轉 ‘Tear’ 초동 100만장 돌파, 25 aprile 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  57. ^ (EN) Chyung Eun-ju, Preorders for BTS’ new album top 1.5m in Korea, 25 luglio 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  58. ^ (KO) Jo Yoo-sun, 역시 방탄소년단!…14일 만에 166만장 돌파 '大기록', 8 giugno 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  59. ^ (KO) Hwang Mi-hyun, 방탄소년단, 발매 8일만에 193만장 판매고 "역대 최고", 6 settembre 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  60. ^ (EN) Samhati Bhattacharjya, BTS gets certified as million seller in Korea; Incheon Airport makes historical collaboration with the K-pop band, 13 luglio 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  61. ^ (EN) Natalie Morin, BTS' Grammy Nomination Celebrates Much More Than Their Music, su refinery29.com, 8 febbraio 2019. URL consultato il 9 febbraio 2019.
  62. ^ (EN) Daniel Kreps, On the Charts: BTS Become First K-Pop Act to Reach Number One, 27 maggio 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  63. ^ (EN) Bryan Rolli, BTS Announce New Album 'Love Yourself: Answer' For August Release, 16 luglio 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  64. ^ (EN) Tamar Herman, South Korean Group BTS Has One Of 2018's Bestselling Physical Albums In The U.S., 9 luglio 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  65. ^ (EN) Hugh McIntyre, BTS Is Currently Enjoying The Best Week Of Their Career On The U.K. Charts, 29 maggio 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  66. ^ (EN) Sung Ji-eun, BTS’ ‘Love Yourself: Tear’ goes gold in Japan, su koreajoongangdaily.joins.com, 11 agosto 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  67. ^ (EN) Deana Gulyn Kim, TWICE and BTS Top The Tower Records' 2018 K-Pop Best Sellers Charts, su mwave.me, 3 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2018).
  68. ^ a b c d e f g h i j k l m (NL) BTS - Love Yourself 轉 'Tear', su ultratop.be. URL consultato il 9 gennaio 2020.
  69. ^ (EN) BTS Chart History – Canadian Albums, su billboard.com. URL consultato il 5 ottobre 2018.
  70. ^ (KO) 2018년 20주차 Album Chart, su gaonchart.co.kr. URL consultato il 5 ottobre 2018.
  71. ^ (ET) Siim Nestor, EESTI TIPP-40 MUUSIKAS: 5MIINUST lükkas Reketi troonilt, albumitabelis ruulib Korea-popp, su ekspress.delfi.ee, 28 maggio 2018. URL consultato il 31 ottobre 2018.
  72. ^ (JA) 2018年05月28日~2018年06月03日 オリコン週間 アルバムランキング, su oricon.co.jp. URL consultato il 5 ottobre 2018.
  73. ^ (EN) IRMA - Irish Charts – Week 21 2018, Week Ending 25 May 2018, su irma.ie. URL consultato il 5 ottobre 2018.
  74. ^ a b (ES) Los más vendidos 2018, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 24 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2019).
  75. ^ (PL) Oficjalna lista sprzeda, su olis.onyx.pl. URL consultato il 18 ottobre 2018 (archiviato il 19 ottobre 2018).
  76. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100 – 25 May 2018 - 31 May 2018, su officialcharts.com. URL consultato il 5 ottobre 2018.
  77. ^ IFPI ČR Hitparáda - CZ - ALBUMS - TOP 100 Týden - 201821, su ifpicr.cz. URL consultato il 5 ottobre 2018.
  78. ^ IFPI ČR Hitparáda - SK - ALBUMS - TOP 100 Týden - 201821, su ifpicr.cz. URL consultato il 5 ottobre 2018.
  79. ^ Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista 2019. 12. 27. - 2020. 01. 02., Mahasz. URL consultato il 9 gennaio 2020.
  80. ^ (NL) Jaaroverzichten 2018, Ultratop. URL consultato il 21 dicembre 2018.
  81. ^ (KO) Gaon Album Chart 2018, su gaonchart.co.kr. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  82. ^ (ET) Siim Nestor, EESTI TIPP-100 MUUSIKAS, Eesti Ekspress. URL consultato il 23 gennaio 2019.
  83. ^ (JA) 2018 Oricon Yearly Album Chart, Oricon, dicembre 2018. URL consultato il 24 dicembre 2018.
  84. ^ (NL) Jaaroverzichten – Album 2018, MegaCharts. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  85. ^ (EN) Billboard 200 Albums - Year-End, su billboard.com. URL consultato il 5 dicembre 2018.
  86. ^ (KO) 2019년 Album Chart, su gaonchart.co.kr. URL consultato il 10 gennaio 2020.
  87. ^ (HU) Összesített album- és válogatáslemez-lista - eladási darabszám alapján - 2019, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 6 febbraio 2020.
  88. ^ (KO) Han Eun-su, 2019 가온차트’ 엑소‧방탄소년단, ‘올해의 가수상’ 수상…“항상 감사하다”, su etoday.co.kr, 23 gennaio 2019.
  89. ^ (KO) Choi Ju-ri, ‘카카오와 함께하는 2018 멜론뮤직어워드’, TOP10 공개, su sedaily.com, 14 novembre 2018. URL consultato il 2 gennaio 2019.
  90. ^ (KO) Lee Ho-yeon, 방탄소년단부터 워너원…'2018 MAMA', 투표 시작, su star.hankookilbo.com, 1º novembre 2018. URL consultato il 2 gennaio 2019.
  91. ^ (KO) Hwang Hye-jin, 방탄소년단 LOVE YOURSELF 시리즈 '2020 레드닷 디자인 어워드' 수상(공식), su entertain.v.daum.net, 28 luglio 2020. URL consultato il 28 luglio 2020.
  92. ^ (KO) Bae Ji-yoon, [2019 서울가요대상(서가대)] 방탄소년단(BTS), ‘본상’-‘최고 앨범상’-‘대상’ 수상…‘3관왕에 빛나는 아미바라기’, su msn.com. URL consultato il 15 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2019).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica