Love Don't Cost a Thing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Love Don't Cost a Thing
Ldcat.png
Screenshot del video
Artista Jennifer Lopez
Tipo album Singolo
Pubblicazione 30 gennaio 2001
Durata 3 min : 42 s
Album di provenienza J.Lo
Genere Rhythm and blues
Pop
Etichetta Epic Records
Produttore Ric Wake
Registrazione 2001
Formati CD
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito[1]
(Vendite: 200.000+)
Dischi d'oro Svizzera Svizzera[2]
(Vendite: 30.000+)
Dischi di platino Australia Australia[3]
(Vendite: 70.000+)
Jennifer Lopez - cronologia
Singolo precedente
(2000)
Singolo successivo
(2001)

Love Don't Cost a Thing è il primo singolo di Jennifer Lopez estratto dal suo secondo album J. Lo del 2001. La Lopez ha eseguito il brano per la prima volta all'MTV Europe Music Awards nel novembre 2000. Il singolo è di sicuro uno dei più grandi successi mondiali della cantante, essendo riuscito a piazzarsi alle vette di oltre trentacinque paesi, anche nella sua versione spagnola "Amor Se Paga con Amor", presente nelle versioni spagnole e olandesi del disco. In Italia è stato al primo posto nella classifica dei singoli più venduti per una settimana. È stata anche la prima numero uno di Jennifer Lopez in Regno Unito. Come stile musicale, la canzone si distingue per essere la prima di genere hip hop ed urban rispetto alle precedenti canzoni, che erano più orientate ad un pop melodico oppure al latin pop.

Il testo del brano allude all'indiscriminato trattamento di ricchi e poveri con riferimento alle relazioni sessuali.

Il video del brano ha ricevuto due nomination all'MTV Video Music Awards nel 2001: "miglior video femminile" e "miglior video dance".

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  • CD single
  1. "Love Don't Cost a Thing" (HQ2 Club Vocal Mix)
  2. "Love Don't Cost a Thing" (Main Rap #1 featuring P. Diddy)
  3. "Love Don't Cost a Thing" (RJ Schoolyard Mix featuring Fat Joe)
  4. "Love Don't Cost a Thing" (Full Intention Club Mix)
  5. "Let's Get Loud" (Kung Pow Club Mix)
  • Australian CD single
  1. "Love Don't Cost a Thing"
  2. On the 6 Megamix ("If You Had My Love"/"Waiting for Tonight"/"Let's Get Loud")
  3. "Love Don't Cost a Thing" (RJ Schoolyard Mix featuring Fat Joe)
  • UK enhanced CD single
  1. "Love Don't Cost a Thing"
  2. "Love Don't Cost a Thing" (Full Intention Club Mix)
  3. On the 6 Megamix ("If You Had My Love"/"Waiting for Tonight"/"Let's Get Loud")
  4. "Love Don't Cost a Thing" (Video)

Il video[modifica | modifica sorgente]

Jennifer Lopez canta Love Don't Cost a Thing durante il Dance Again Tour.

Il video (il terzo della cantante diretto da Paul Hunter) comincia con la Lopez al telefono con il fidanzato. Lui le dice che non potrà raggiungerla e le chiede se ha ricevuto il braccialetto che le ha spedito. Lei dice di sì, ma aggiunge che avrebbe preferito avere lui anziché un regalo. Dopo aver riagganciato la cantante sale a bordo di un'automobile decappotabile e comincia a guidare. Ad un tratto l'auto si ferma e la Lopez scende. Mentre cammina la cantante si spoglia del cappotto, degli occhiali e di tutti i gioielli. poi trova in tasca una cartolina con la scritta "wish you were here" ("vorrei fossi qui"). La cartolina raffigura la Lopez e i suoi ballerini, che improvvisamente si animano, quando la telecamera zooma sull'immagine, e cominciano la propria coreografia. Fra i ballerini si può riconoscere anche Cris Judd, ex-marito della cantante. La scena si sposta nuovamente sulla Lopez che straccia la cartolina, si spoglia completamente, coprendosi il seno con le mani e corre verso la spiaggia. Per tutto il video vengono mostrate altre sequenze in cui la cantante è sulla spiaggia con indosso un costume dorato, mentre gioca con la sabbia e con l'acqua.

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica sorgente]

Classifica (2001) Posizione
Australia[23] 61
Stati Uniti[24] 26

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ BPI Certified Awards in British Phonographic Industry, 26 gennaio 2001. URL consultato il 2 gennaio 2010.
  2. ^ Swiss Certifications – Awards 2001 in International Federation of the Phonographic Industry, swisscharts.com. URL consultato il 19 aprile 2009.
  3. ^ ARIA Charts – Accreditations – 2001 Singles in Australian Recording Industry Association. URL consultato il 19 aprile 2009.
  4. ^ (EN) australian-charts.com - Jennifer Lopez - Love Don't Cost a Thing. URL consultato il 18 marzo 2013.
  5. ^ (DE) austriancharts.at - Jennifer Lopez - Love Don't Cost a Thing. URL consultato il 18 marzo 2013.
  6. ^ (DE) ultratop.be - Jennifer Lopez - Love Don't Cost a Thing. URL consultato il 18 marzo 2013.
  7. ^ (FR) ultratop.be - Jennifer Lopez - Love Don't Cost a Thing. URL consultato il 18 marzo 2013.
  8. ^ (EN) Jennifer Lopez - Chart History. URL consultato il 18 marzo 2013.
  9. ^ (EN) danishcharts.com - Jennifer Lopez - Love Don't Cost a Thing. URL consultato il 18 marzo 2013.
  10. ^ (EN) finnishcharts.com - Jennifer Lopez - Love Don't Cost a Thing. URL consultato il 18 marzo 2013.
  11. ^ (FR) lescharts.com - Jennifer Lopez - Love Don't Cost a Thing. URL consultato il 18 marzo 2013.
  12. ^ (DE) charts.de - Jennifer Lopez - Love Don't Cost a Thing. URL consultato il 18 marzo 2013.
  13. ^ (EN) GFK Chart-Track TOP 50 SINGLES, WEEK ENDING 18 January 2001. URL consultato il 18 marzo 2013.
  14. ^ (EN) italiancharts.com - Jennifer Lopez - Love Don't Cost a Thing. URL consultato il 18 marzo 2013.
  15. ^ (EN) chart.org.nz - Jennifer Lopez - Love Don't Cost a Thing. URL consultato il 18 marzo 2013.
  16. ^ (EN) norwegiancharts.com - Jennifer Lopez - Love Don't Cost a Thing. URL consultato il 18 marzo 2013.
  17. ^ (NL) dutchcharts.nl - Jennifer Lopez - Love Don't Cost a Thing. URL consultato il 18 marzo 2013.
  18. ^ (EN) swedishcharts.com - Jennifer Lopez - Love Don't Cost a Thing. URL consultato il 18 marzo 2013.
  19. ^ (EN) swisscharts.com - Jennifer Lopez - Love Don't Cost a Thing. URL consultato il 18 marzo 2013.
  20. ^ (EN) Jennifer Lopez - Chart History. URL consultato il 18 marzo 2013.
  21. ^ (EN) Jennifer Lopez - Chart History. URL consultato il 18 marzo 2013.
  22. ^ Archívum › Kereső - lista és dátum szerint. URL consultato il 18 marzo 2013.
  23. ^ (EN) ARIA Charts - End of Year Charts - Top 100 Singles 2001, Aria.com.au. URL consultato il 18 marzo 2013.
  24. ^ (EN) End Year Chart 2001 Hot 100. URL consultato il 18 marzo 2013.
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica