Love. Angel. Music. Baby.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Love. Angel. Music. Baby.
ArtistaGwen Stefani
Tipo albumStudio
Pubblicazione22 novembre 2004
Durata48:27
Dischi1
Tracce12
GenereElettropop[1]
New wave[2]
Contemporary R&B[3]
EtichettaInterscope
ProduttoreAndré 3000, Dallas Austin, Dr. Dre, Nellee Hooper, Tony Kanal, Jimmy Jam and Terry Lewis, The Neptunes, Mark "Spike" Stent
Certificazioni
Dischi d'oroArgentina Argentina[4]
(vendite: 20.000+)
Austria Austria[5]
(vendite: 15.000+)
Danimarca Danimarca[6]
(vendite: 20.000+)Finlandia Finlandia[7]
(vendite: 21 944+)
Francia Francia[8]
(vendite: 180.000+)
Germania Germania[9]
(vendite: 100.000+)
Giappone Giappone[10]
(vendite: 100.000+)
Svezia Svezia[11]
(vendite: 30.000+)
Svizzera Svizzera[12]
(vendite: 20.000+)
Ungheria Ungheria[13]
(vendite: 10.000+)
Dischi di platinoEuropa Europa[14]
(vendite: 1.000.000+)

Australia Australia[15] (5)
(vendite: 350.000+)
Canada Canada[16] (5)
(vendite: 500.000+)
Irlanda Irlanda[17] (3)
(vendite: 45.000+)
Italia Italia[18]
(vendite: 100.000+)
Messico Messico[19]
(vendite: 100.000+)
Norvegia Norvegia
(vendite: 40.000+)
[senza fonte]
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[20] (2)
(vendite: 30.000+)
Regno Unito Regno Unito[21] (3)
(vendite: 900.000+)
Russia Russia[22]
(vendite: 20 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (5)[23]
(vendite: 5 000 000+)

Gwen Stefani - cronologia
Album precedente
Album successivo
(2006)
Singoli
  1. What You Waiting For?
    Pubblicato: 28 settembre 2004
  2. Rich Girl
    Pubblicato: 14 dicembre 2004
  3. Hollaback Girl
    Pubblicato: 15 marzo 2005
  4. Cool
    Pubblicato: 29 agosto 2005
  5. Luxurious
    Pubblicato: 1º ottobre 2005
  6. Crash
    Pubblicato: 6 gennaio 2006

Love. Angel. Music. Baby. è l'album di debutto della cantante statunitense Gwen Stefani come solista, pubblicato il 12 novembre 2004 dalla Interscope Records.

L'album segnò la nascita delle Harajuku Girls, quattro ballerine vestite secondo l'interpretazione di Gwen Stefani delle mode giovanili di Harajuku, un distretto di Tokyo (Giappone).

Da Love. Angel. Music. Baby. furono estratti sei singoli. L'album vendette molto bene, ottenendo varie certificazioni di disco di platino, tra cui anche in Italia, per un totale di 7 milioni di copie vendute nel mondo. Gwen Stefani ricevette ben sei nomination ai Grammy Award tra il 2005 ed il 2006.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Gwen Stefani è stata per anni la cantante dei No Doubt; tuttavia, aveva già fatto esperienze soliste duettando con altri artisti, come Eve e Moby. Mentre la band si trovava in tour per promuovere l'album del 2001 Rock Steady, Gwen Stefani sentì il singolo del Club Nouveau, Why You Treat Me So Bad (1987) e concepì l'idea di rivisitare la musica degli anni ottanta.[24] Con l'aiuto del bassista dei No Doubt nonché suo ex fidanzato Tony Kanal, conobbe la musica di Prince, Lisa Lisa and Cult Jam e Debbie Deb, ed entrambi erano ispirati per produrre nuove canzoni.[25]

All'inizio del 2003 Gwen Stefani cominciò ad incidere canzoni come solista. Dichiarò che intendeva incidere dei singoli per delle colonne sonore, dopo aver interpretato Jean Harlow nel film The Aviator; continuare a collaborare con altri artisti; o pubblicare un album sotto lo pseudonimo GS.[26][27]

Jimmy Iovine, presidente e cofondatore della Interscope, persuase la Stefani ad incidere un intero album solista.[27] Tuttavia le prime sessioni con Linda Perry risultarono deludenti per via della reticenza e del blocco dello scrittore di Gwen. Il secondo giorno le due artiste scrissero una canzone il cui tema era il blocco dello scrittore di Gwen e le sue paure riguardo all'esperienza solista, intitolata What You Waiting For?.[24]

Gwen quindi ritornò da Kanal, che le fece sentire una canzone su cui stava lavorando, che sarebbe diventata Crash. I due cercarono di scrivere nuove canzoni ma ci rinunciarono dopo due settimane. Solo sei mesi dopo, quando la Stefani ritornò a lavorare all'album insieme ad altri artisti, commentò: "Se dovessi scrivere il ritornello di Yesterday dei Beatles, e fosse l'unica cosa che avessi scritto, sarebbe bastato per entrare a far parte di ciò". Gwen Stefani lavorò ancora con Linda Perry, che coinvolse Dallas Austin, e con altri artisti come André 3000 degli Outkast, i Neptunes e Dr. Dre.[24] Gwen Stefani annunciò che il disco sarebbe uscito all'inizio del 2004,[28] e lo definì un "album dance" e "un piacevole peccatuccio".[24]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Gwen Stefani durante l’Harajuku Lovers Tour, intrapreso nel 2005 per promuovere l'album.

Stile musicale e tematiche[modifica | modifica wikitesto]

Love. Angel. Music. Baby. si ispira a vari generi musicali degli anni ottanta. Blender scrisse in proposito: "L'unico stile radiofonico significante degli anni Ottanta che è stato trascurato è lo ska punk, che i No Doubt avevano riportato in auge".[29] Si riscontra uno spiccato utilizzo dei sintetizzatori, molto popolari dalla fine degli anni settanta fino a metà anni ottanta.[30] Love. Angel. Music. Baby. è stato inquadrato dai critici nei generi elettropop, R&B e nella new wave in stile The Go-Go's e Cyndi Lauper, già presente nell'album Rock Steady dei No Doubt.[1][2][3][31] Gwen Stefani ha citato come le maggiori ispirazioni all'album Club Nouveau, i Depeche Mode, Lisa Lisa, Prince, i New Order, The Cure e la Madonna degli anni ottanta.[32] L'album incorpora anche elementi bubblegum pop, dance-punk, dance rock, synth rock, soul, hip hop e disco.[30][31][33][34][35][36]

Come gli album pop degli anni ottanta, i testi di alcune canzoni di L.A.M.B. come Rich Girl e Luxurious parlano di denaro e ricchezza.[37] Nell'album viene citata la linea di abbigliamento di Gwen Stefani, la L.A.M.B.,[37] acronimo del titolo dell'album, e cita gli stilisti John Galliano, Rei Kawakubo e Vivienne Westwood.[38] Fu pubblicata in seguito una linea di bambole, le Love. Angel. Music. Baby. Fashion Dolls, ispirate ai costumi del tour.[39] Sebbene Gwen Stefani volesse produrre un album dance “leggero”, aggiunse: "indipendentemente da quello che fai, le cose vengono inevitabilmente allo scoperto",[40] e difatti non mancano brani che trattano di tematiche strettamente autobiografiche. Nella traccia di aperture del disco, What You Waiting For?, è presente il suo desiderio di maternità,[41] e ancora la canzone Cool parla dell'amicizia tra Gwen Stefani e Tony Kanal, dopo la rottura del loro fidanzamento nel 1995.[42]

Con Love. Angel. Music. Baby. nacquero le Harajuku Girls, un gruppo di quattro ballerine giapponesi che Gwen Stefani definisce un "parto della sua immaginazione".[27] Le Harajuku Girls sono citate in varie canzoni dell'album, e una di esse ha come titolo il loro nome. Le quattro appaiono nella maggior parte dei videoclip dei singoli estratti e anche in quelli dei singoli estratti da The Sweet Escape (2006), il secondo album di Gwen Stefani.

Dallas Austin e Tony Kanal incorporarono dell'R&B nella canzone Luxurious che contiene un campionamento di Between the Sheets degli Isley Brothers (1983). Jimmy Jam e Terry Lewis apportarono un suono new jack swing, un genere di fusione dell'R&B che il duo aveva sviluppato e popolarizzato negli anni ottanta.[43]

Le canzoni[modifica | modifica wikitesto]

Le Harajuku Girls, che Gwen Stefani definisce un “parto della sua immaginazione”
  • What You Waiting For?, una delle prime canzoni scritte per L.A.M.B., è un energico brano elettropop/rock. Fu scelto come primo singolo in quanto "spiegazione del perché di questo album". La canzone parla delle paure di Gwen di lanciarsi in una carriera solista. Nel videoclip del brano, la Stefani riconquista fiducia in sé dopo un'esperienza onirica ispirata a Alice nel Paese delle Meraviglie e Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò di Lewis Carroll.[44] Entertainment Weekly la definì "uno delle canzoni innegabilmente migliori dell'album".[37]
  • Rich Girl fu estratta come secondo singolo.[45] La canzone contiene elementi di musica ragga ed è ispirata al duo britannico Louchie Lou & Michie One e al loro successo dancehall "If I Was a Rich Girl", remake della canzone If I Were a Rich Man da Fiddler on the Roof. Alla canzone partecipa la rapper Eve, con cui la Stefani aveva già collaborato al singolo Let Me Blow Ya Mind.
  • Hollaback Girl, estratta come terzo singolo, fu scritta in risposta ad un commento negative della cantante grunge Courtney Love, che aveva definito Gwen Stefani una cheerleader;[46] e i testi del brano così come il video sono fatti su misura per una cheerleader.
  • La quarta canzone, Cool, ha una produzione new wave, e fu apprezzata dai critici.[34][47] La canzone narra della relazione finita con Tony Kanal. Nel videoclip il suo ex è interpretato da Daniel González, e la storia è narrata attraverso una serie di flashback.[40]
  • Bubble Pop Electric, è una canzone di musica elettronica con il featuring di André 3000 sotto lo pseudonimo Johnny Vulture, che Eugenio Tovini di Musica & Dischi descrive come "tarantolata".[48] Nei testi del brano i due narratori amoreggiano in un cinema drive-in.[49][50]
  • Luxurious, con la partecipazione del rapper Slim Thug, paragona la ricchezza all'amore.[51]
  • La settima canzone, Harajuku Girls, è un brano di musica pop prodotto da Jimmy Jam e Terry Lewis. La canzone fu disapprovata dai critici, che la ritennero "bizzarramente omoerotica".[34]
  • La canzone Crash originariamente non sarebbe dovuta diventare un singolo perché la Stefani era troppo impegnata ad incidere The Sweet Escape.[51] Il video è un'esibizione live dal tour.[52]
  • The Real Thing, la canzone numero nove, è un pezzo synthpop prodotto con Linda Perry, Wendy e Lisa con la partecipazione di Bernard Sumner e Peter Hook dei New Order.
  • Serious, la decima traccia, è un'altra canzone synthpop simile ai brani degli anni ottanta di Madonna.[53] Per la canzone fu girato un apposito videoclip,[54] ma non fu pubblicata come singolo ufficiale.
  • Danger Zone, una canzone elettrorock, è molto amata per la sua composizione, che ricorda il repertorio dei No Doubt.[31] La canzone si ritiene parli del fatto che nel 2004 Gwen Stefani scoprì che il marito Gavin Rossdale aveva avuto una figlia illegittima, sebbene in realtà il testo fu scritto precedentemente a questa rivelazione.[37][55]
  • La canzone finale, Long Way to Go, era stata originariamente scritta per l'album di André 3000 The Love Below (2003).[56] La canzone parla di relazioni sentimentali tra appartenenti a gruppi etnici diversi, e fu criticata perché campiona il famoso e “intoccabile” motto I Have a Dream, preso da un discorso di Martin Luther King.[57]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
About.com 5/5 stelle[58]
AllMusic 4/5 stelle[34]
Entertainment Weekly C+[37]
The Guardian 3/5 stelle[59]
Musica & Dischi 4/5[48]
NME 8/10[60]
Pitchfork 5.1/10[57]
PopMatters favorevole[31]
Rolling Stone 4/5 stelle[33]
Slant Magazine 4/5 stelle[30]
Stylus Magazine C[43]

L.A.M.B. riscontrò recensioni generalmente positive.[61] Stephen Thomas Erlewine di AllMusic scrisse che l'album è "alternativamente emozionalmente e imbarazzante",[34] e Kelefa Sanneh del New York Times lo definì "ingegnoso e a volte seducente" ma concluse che "non ha una gran logica".[62] Jennifer Nine di Yahoo! Music definì il disco di Gwen Stefani "l'album pop più hot, fresco, meglio abbigliato dell'anno pop" e ancora "pulito, luccicante, e strabordante di gemme musicali senza riempitivi".[63] In una intervista per About.com Jason Shawhan sottolineò come "questo è un album con una caratteristica quasi irraggiungibile - copre quasi ogni genere possibile di musica ballabile per un bel party, e tuttavia rimane coesivo nella sua interezza."[58] Charles Merwin di Stylus Magazine scrisse che Gwen Stefani contendeva al titolo di Madonna, "[m]a non abbastanza per farci pensare elettrizzati a lei come alla prossima regina del pop."[43] Lisa Haines di BBC Music scrisse che Gwen Stefani rivaleggiava con Madonna e Kelis insieme.[53] La critica Krissi Murison di NME scrisse che Gwen Stefani "affonda le mani senza vergogna" nella musica degli anni ottanta, e che l'album era "uno dei dischi di sfavillante pop rétro più magistrali nella loro frivolezza che si abbia avuto la faccia tosta di pubblicare in tutto l'anno."[60] John Murphy di musicOMH trovò l'album "godibile, per quanto un pastone", ma lo ritenne troppo lungo.[64] Rob Sheffield di Rolling Stone lo definì "un party irresisitbile: kitsch, edonistico e molto particolare."[33] La rivista incluse l'album nella sua classifica dei migliori cinquanta del 2004, mettendolo alla posizione numero 39.[65]

L'album fu criticato da alcuni per le troppe persone che ci avevano messo mano: Nick Sylvester di Pitchfork Media dichiarò che le molte collaborazioni erano a discapito dell'identità di Gwen.[57] Caroline Sullivan del Guardian sottolineò al contrario che nonostante i molti contributi "è uno show tutto incentrato sulla Stefani".[59]

Molti critici si soffermarono sul contenuto superficiale dei testi. Entertainment Weekly definì i riferimenti alla moda della cantante "svergognati", dichiarando che "ogni canzone si fa simile ad una costosa pubblicità rétro su un giornale di moda",[37] mentre Pitchfork Media scrisse che "la parata del Joker per Gotham City con i soldi che piovono era uno sfoggio di ricchezza molto più divertente, e lui aveva Prince, non Wendy & Lisa".[57] Sal Cinquemani di Slant Magazine scrisse che il "feticismo per la moda [...] conferisce all'album un senso di coesività tematica" e che "l'ossessione per le ragazze di Harajuku ha i contorni del maniacale".[30] Il Guardian invece scrisse che "la sua affinità con la cultura pop giapponese [...] genera una patina sintetica [...] che funziona bene con l'altro perno del disco, la musica hip-hop."[59]

Eugenio Tovini di M&D Musica e Dischi definì Love.Angel.Music.Baby "un perfetto spaccato della musica attuale. […] Un debutto da solista curato nei minimi dettagli, ad iniziare dalla produzione" ed elogiò i produttori del disco per essersi rivelati "liberi di esprimere il loro talento senza sottostare eccessivamente alle logiche commerciali".[48]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ai Billboard Music Awards Gwen Stefani vinse per la “Canzone digitale dell'anno” con "Hollaback Girl" e il premio “Nuovo Artista dell'Anno”; la stessa sera interpretò "Luxurious" con Slim Thug sul palco.[66]

Ai Grammy Awards del 2005 Gwen Stefani fu nominata nella categoria Miglior Interpretazione Vocale Pop Femminile per "What You Waiting For?",[67] e interpretò "Rich Girl" assieme ad Eve.[68] L'anno successivo la Stefani ricevette cinque nomination: Registrazione dell'anno, Album dell'anno, Miglior Interpretazione Vocale Pop Femminile, Miglior Album Pop e Miglior Collaborazione Rap/cantata.[69]

Impatto sulla musica dell'epoca[modifica | modifica wikitesto]

L'album sdoganava con successo canzoni in stile urban su un mercato musicale maggiormente adult contemporary. Dopo il grande successo di L.A.M.B., mentre Gwen Stefani era in maternità, il suo retaggio musicale influenzò in misura più o meno grande altre cantanti.

Il terzo album di Nelly Furtado, Loose (2006), fu suggellato dai produttori hip hop Timbaland e Danja, portando la Furtado ad evolversi da cantante di musica worldbeat seguendo le orme di Gwen Stefani verso il mercato urban. Recensendo Loose, Rob Sheffield di Rolling Stone scrisse che Timbaland cercava di "produrre un best seller pop multiforme nello stile di [L.A.M.B.] – ma senza Gwen."[70]

La cantante Fergie pubblicò il suo album di debutto solista, The Dutchess nel settembre 2006. Le ragazze latinoamericane che affiancano Fergie in alcuni dei suoi videoclip sono state viste come un'imitazione delle Harajuku Girls,[71] il primo singolo dell'album, London Bridge, fu paragonato a Hollaback Girl, mentre il terzo, Glamorous, a Luxurious sempre della Stefani.[72] Fergie ribatté di non voler copiare lo stile musicale di Gwen Stefani, dichiarando: «Tutto ciò è assurdo [...] Io ed i [Black Eyed] Peas facciamo solo la musica che amiamo, e se si specula su ciò non è un problema nostro».[71]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. What You Waiting For? – 3:41 (Gwen Stefani, Linda Perry)
  2. Rich Girl (feat. Eve) – 3:56 (Mark Batson, Jerry Bock, Kara DioGuardi, Mike Elizondo, Eve Jeffers, Sheldon Harnick, Chantal Kreviazuk, Gwen Stefani, Andre Young)
  3. Hollaback Girl – 3:20 (Gwen Stefani, Pharrell Williams, Chad Hugo)
  4. Cool – 3:09 (Gwen Stefani, Dallas Austin)
  5. Boubble Pop Electric (feat. Johnny Vulture) – 3:42 (André Benjamin, Gwen Stefani, Seven)
  6. Luxurious – 4:25 (Gwen Stefani, Tony Kanal, Ronald Isley, O'Kelly Isley, Rudolph Isley, Ernie Isley, Marvin Isley, Chris Jasper)
  7. Harajuku Girls – 4:51 (Gwen Stefani, James Harris III, Terry Lewis, James Quenton Wright, Bobby Ross Avila, Issiah J. Avila)
  8. Crash – 4:06 (Gwen Stefani, Tony Kanal)
  9. The Real Thing – 4:11 (Gwen Stefani, Linda Perry, Gavin Rossdale)
  10. Serious – 4:48 (Gwen Stefani, Tony Kanal)
  11. Danger Zone – 3:36 (Gwen Stefani, Linda Perry, Dallas Austin)
  12. Long Way to Go (feat. André 3000) – 4:34 (Gwen Stefani, André Benjamin)
Bonus track internazionale
  1. The Real Thing (Wendy and Lisa Slow Jam Mix) – 3:35 (Gwen Stefani, Linda Perry, Gavin Rossdale)
Bonus track per Regno Unito e Giappone
  1. What You Waiting For? (Elevator Mix) – 4:06 (Gwen Stefani, Linda Perry)
Bonus CD
  1. What You Waiting For? (Jacques Lu Cont TWD Mix) – 8:02 (Gwen Stefani, Linda Perry)
  2. What You Waiting For? (Jacques Lu Cont TWD Dub) – 8:21 (Gwen Stefani, Linda Perry)
  3. What You Waiting For? (Live from Launch.com) – 3:41 (Gwen Stefani, Linda Perry)
  4. Harajuku Girls (Live from Launch.com) – 4:35 (Gwen Stefani, James Harris III, Terry Lewis, James Quenton Wright, Bobby Ross Avila, Issiah J. Avila)
  5. Hollaback Girl (Hollatronix Remix by Diplo) – 2:43 (Gwen Stefani, Pharrell Williams, Chad Hugo)
  6. Cool (Photek Remix) – 5:49 (Gwen Stefani, Dallas Austin)
  7. Hollaback Girl (Dancehollaback Remix by Tony Kanal) – 6:52 (Gwen Stefani, Pharrell Williams, Chad Hugo)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Gwen Stefani – parti vocali, direttrice creativa
  • Rusty Anderson – chitarra (traccia 1)
  • André 3000produttore, parti vocali, missaggio, tastiere (tracce 5, 12); programmazione musicale, chitarra (traccia 5)
  • Bobby Ross Avila – chitarra, tastiere (traccia 7)
  • Dallas Austin – produttore, batteria, tastiere (tracce 4, 11)
  • Mark Batson – tastiere, tastiera basso (traccia 2)
  • Warren Bletcher – assistente tecnico sonoro (tracce 5, 12)
  • Chipz – programmazione (traccia 6)
  • Jolie Clemens – direttore artistico
  • Andrew Coleman – ingegnere del suono (traccia 3)
  • Lisa Coleman – tastiere (traccia 9)
  • Greg Collins – ingegnere del suono (tracce 1, 2, 4, 6, 9, 11); missaggio (tracce5, 12); chitarra elettrica e slide (traccia 9)
  • Sheldon Conrich – tastiere (traccia 6)

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

L'album debuttò alla posizione numero 7 della Billboard 200 negli Stati Uniti, vendendo 309.000 copie nella prima settimana.[73] Nell'aprile 2005 in seguito alla pubblicazione di Hollaback Girl, Love. Angel. Music. Baby. ri-entrò tra i quindici album più venduti rimanendoci ventuno settimane arrivando alla posizione numero 5 nel giugno 2005.[74] A dicembre l'album fu certificato triplo disco di platino negli Stati Uniti, dove vendette quattro milioni di copie.[23][75]

L'album ebbe molto successo anche in Europa. Nel Regno Unito L.A.M.B. arrivò alla posizione numero 4 nel maggio 2005, rimanendo cinquantaquattro settimane non consecutive in classifica.[76] Nel settembre 2005 ricevette tre dischi di platino, dopo aver venduto 1.013.000 copie.[77] Fu il 22º album più venduto del 2005 in Gran Bretagna.[78] Entrò nelle top 10 in Finlandia, Irlanda, Norvegia e Svezia, e nelle top 20 in Austria, Belgio, Francia, Germania, Paesi Bassi e Svizzera.[79] Nel maggio 2005 ricevette un disco di platino a livello europeo per aver superato il milione di copie.[14]

In Australia l'album arrivò alla posizione numero 1 nel febbraio 2005, dove rimase per due settimane di fila, e rimase in classifica cinquantasei settimane.[80] Risulta il quarto album più venduto del 2005 in Australia,[81] dove è certitifcato quattro volte disco di platino con 280.000 copie vendute.[15] In Canada, Love. Angel. Music. Baby. arrivò alla numero 3[82] vendendo oltre 500.000 copie, ottenendo così 5 dischi di platino.[16]

L.A.M.B. ha venduto complessivamente 7 milioni di copie,[83] ed è il 12º album più venduto a livello globale del 2005.[84]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche annuali[modifica | modifica wikitesto]

Paese (2005) Posizione
Australia[107] 4
Austria[108] 44
Belgio Fiandre[109] 41
Belgio Vallonia[110] 71
Danimarca[111] 53
Finlandia[112] 17
Francia[113] 56
Germania[114] 31
Italia[115] 87
Messico[98] 48
Nuova Zelanda[116] 14
Svezia[117] 34
Svizzera[118] 33
Regno Unito[119] 22
Stati Uniti[120] 6
Mondo[121] 12

Classifiche di fine decennio[modifica | modifica wikitesto]

Paese (2000–09) Posizione
Australia[122] 49
Stati Uniti[123] 72

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) J. Freedom du Lac, From Gwen Stefani, A Madcap Mash-Up, The Washington Post, 5 dicembre 2006. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  2. ^ a b (EN) Alex Mar e Shirley Halperin, Gwen Stefani Makes "Love", Rolling Stone, 1º ottobre 2004. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  3. ^ a b Ercole Gentile, Gwen Stefani - LOVE, ANGEL, MUSIC, BABY - la recensione, Rockol, 19 gennaio 2005. URL consultato il 22 agosto 2019.
    «scorrendo la lista dei produttori non è difficile intuire quale possa essere il genere musicale trainante di questo primo capitolo discografico di Gwen. L’R&B? Esatto!».
  4. ^ "Discos de Oro y Platino" (in spagnolo). Argentine Chamber of Phonograms and Videograms Producers. Copia archiviata, su capif.org.ar. URL consultato il 3 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2011)..
  5. ^ "Gold & Platin" (in tedesco). IFPI Austria. September 5, 2005. http://www.ifpi.at/?section=goldplatin. Retrieved January 3, 2010.
  6. ^ "Guld og platin i december" (in danese). IFPI Denmark. January 8, 2006. http://www.ifpi.dk/?q=content/guld-og-platin-i-august Archiviato il 17 gennaio 2015 in Internet Archive.. Retrieved August 26, 2011.
  7. ^ (FI) Kaikkien aikojen myydyimmät ulkomaiset albumit, IFPI Finland. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2017).
  8. ^ "Certifications Albums Or – année 2005" (in francese). Syndicat National de l'Édition Phonographique. July 12, 2005. http://www.disqueenfrance.com/en/pag-259165-DISQUES-D-OR.html?year=2005&type=8[collegamento interrotto]. Retrieved January 3, 2010.
  9. ^ "Gold-/Platin-Datenbank ('Love+Angel+Music+Baby')" (in tedesco). Bundesverband Musikindustrie. http://www.musikindustrie.de/gold_platin_datenbank/?action=suche&strTitel=Love%2BAngel%2BMusic%2BBaby&strInterpret=&strTtArt=alle&strAwards=checked. Retrieved April 11, 2010.
  10. ^ "List of works certified in April 2006". Recording Industry Association of Japan. April 2006. https://translate.google.com/translate?u=http://www.riaj.or.jp/data/others/gold/200604.html&sl=ja&tl=en. Retrieved January 4, 2010.
  11. ^ "Guld & Platina – År 2005" (in svedese). IFPI Sweden. August 22, 2005. Copia archiviata (PDF), su ifpi.se. URL consultato il 5 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2012).. Retrieved January 3, 2010.
  12. ^ "Awards 2005". IFPI Switzerland. Hung Medien. http://swisscharts.com/awards.asp?year=2005. Retrieved January 3, 2010.
  13. ^ "Adatbázis – 2007" (in ungherese). MAHASZ. http://www.mahasz.hu/?menu=arany_es_platinalemezek&menu2=adatbazis&ev=2007. Retrieved July 15, 2010.
  14. ^ a b "May 2005 – Platinum Europe Awards". International Federation of the Phonographic Industry. June 8, 2005. http://www.ifpi.org/content/section_news/plat_month_20050608a.html. Retrieved March 22, 2007.
  15. ^ a b "ARIA Charts – Accreditations – 2005 Albums". Australian Recording Industry Association. http://www.aria.com.au/pages/aria-charts-accreditations-albums-2005.htm. Retrieved February 27, 2007.
  16. ^ a b "Gold Platinum Database". Music Canada. April 24, 2006. Copia archiviata, su musiccanada.com. URL consultato il 30 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2013).. Retrieved July 30, 2011.
  17. ^ "2005 Certification Awards – Multi Platinum". Irish Recorded Music Association. irishcharts.ie. http://www.irishcharts.ie/awards/multi_platinum.htm Archiviato il 4 giugno 2009 in Internet Archive.. Retrieved January 4, 2010.
  18. ^ "Natale, ecco le stelle della musica". TGCOM. Mediaset. December 6, 2006. http://www.tgcom24.mediaset.it/spettacolo/articoli/articolo337976.shtml Archiviato il 1º febbraio 2014 in Internet Archive.. Retrieved July 9, 2012.
  19. ^ "Certificaciones" (in spagnolo). Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. November 18, 2005. http://www.amprofon.com.mx/certificaciones.php?artista=Gwen+Stefani&titulo=&disquera=&certificacion=todas&anio=todos&categoria=todas&Submitted=Buscar&item=menuCert&contenido=buscar Archiviato il 2 giugno 2012 in WebCite.. Retrieved January 3, 2010.
  20. ^ "Top 40 Albums – Chart #1467". Recording Industry Association of New Zealand. July 4, 2005. http://rianz.org.nz/rianz/oldchart.asp?chartNum=1467&chartKind=A Archiviato il 20 dicembre 2012 in Archive.is.. Retrieved April 20, 2010.
  21. ^ "Certified Awards Search". British Phonographic Industry. June 16, 2005. https://www.bpi.co.uk/brit-certified/. Retrieved January 3, 2010.
  22. ^ (RU) «ЗОЛОТО» И «ПЛАТИНА» / International 2004, 2M. URL consultato il 29 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2009).
  23. ^ a b (EN) Gwen Stefani - Love, Angel, Music, Baby – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 12 marzo 2021.
  24. ^ a b c d Vineyard, Jennifer. "Gwen Stefani: Scared Solo". MTV. MTV Networks. http://www.mtv.com/bands/s/stefani_gwen/news_feature_112204/. Retrieved February 26, 2007.
  25. ^ Eliscu, Jenny (January 30, 2005). "'I'll cry just talking about it'". The Guardian. guardian.co.uk. http://www.guardian.co.uk/music/2005/jan/30/popandrock.gwenstefani. Retrieved March 8, 2007.
  26. ^ Moss, Corey; Downey, Ryan (April 18, 2003). "Gwen Stefani Recording Solo Material". MTV News. MTV Networks. http://www.mtv.com/news/articles/1471367/20030418/no_doubt.jhtml. Retrieved February 25, 2007.
  27. ^ a b c Collins, Clark (November 22, 2006). "Holla Back". Entertainment Weekly. Time Inc. http://www.ew.com/ew/article/0,,1562569,00.html. Retrieved March 23, 2007.
  28. ^ Orshoski, Wes (March 10, 2004). "Gwen Stefani Warns, 'Watch Out' For Solo LP, Summer Single". MTV News. MTV Networks. http://www.mtv.com/news/articles/1485633/20040309/no_doubt.jhtml. Retrieved February 25, 2007.
  29. ^ (EN) RJ Smith, Gwen Stefani: Love. Angel. Music. Baby, Blender. URL consultato il 22 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2009).
  30. ^ a b c d (EN) Sal Cinquemani, Gwen Stefani: Love. Angel. Music. Baby., Slant Magazine, 30 novembre 2004. URL consultato il 22 agosto 2019.
  31. ^ a b c d (EN) Jason Damas, Gwen Stefani: Love.Angel.Music.Baby., PopMatters, 29 novembre 2004. URL consultato il 22 agosto 2019.
  32. ^ (EN) Alex Mar, Shirley Halperin, Gwen Stefani Makes "Love", Rolling Stone, 1º ottobre 2004. URL consultato il 22 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2007).
  33. ^ a b c (EN) Rob Sheffield, Love Angel Music Baby: Gwen Stefani, Rolling Stone, 9 dicembre 2004. URL consultato il 22 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2007).
  34. ^ a b c d e (EN) Stephen Thomas Erlewine, Love. Angel. Music. Baby., su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 22 agosto 2019.
  35. ^ (EN) Geoff Boucher, Love, music and soon an angel baby, Los Angeles Times, 24 dicembre 2005. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  36. ^ (EN) Allison Stewart, Adult contemporary, Chicago Tribune, 12 dicembre 2004. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  37. ^ a b c d e f Browne, David (November 23, 2004). "Love. Angel. Music. Baby. (2004): Gwen Stefani". Entertainment Weekly. Time Inc. http://www.ew.com/ew/article/0,,831435,00.html. Retrieved January 25, 2007.
  38. ^ Soghomonian, Talia (January 2005). "Interview: Gwen Stefani". musicOMH. http://www.musicomh.com/music/features/gwen-stefani.htm. Retrieved March 18, 2007.
  39. ^ Associated Press (September 6, 2006). "Gwen Stefani launches series of dolls". MSNBC. msnbc.com. http://today.msnbc.msn.com/id/14688233 Archiviato il 19 settembre 2012 in Internet Archive.. Retrieved March 6, 2007.
  40. ^ a b Vineyard, Jennifer (June 21, 2005). "Gwen Stefani's Song About Tony Kanal To Be Her Next Single". MTV News. MTV Networks. http://www.mtv.com/news/articles/1504440/20050621/stefani_gwen.jhtml. Retrieved March 21, 2007.
  41. ^ Salmon, Chris (March 2, 2007). "'I just want to make music and babies'". The Guardian. guardian.co.uk. http://www.guardian.co.uk/music/2007/mar/02/popandrock.gwenstefani. Retrieved March 21, 2007.
  42. ^ "Gwen & Tony: Still Cool". MuchMusic. CTVglobemedia. July 19, 2005. Archived from the original on May 10, 2006. https://web.archive.org/web/20060510034600/http://www.muchmusic.com/insidemuch/stuff/gwen_and_tony_still_cool.asp. Retrieved March 21, 2007.
  43. ^ a b c Merwin, Charles (November 24, 2004). "Gwen Stefani – Love, Angel, Music, Baby". Stylus Magazine. http://www.stylusmagazine.com/review.php?ID=2541. Retrieved March 22, 2007.
  44. ^ Vineyard, Jennifer (November 10, 2004). "Gwen Stefani's Debut Solo LP Inspired By Insecurity And Japan". MTV News. MTV Networks. http://www.mtv.com/news/articles/1493633/20041110/stefani_gwen.jhtml. Retrieved February 27, 2007.
  45. ^ "Gwen Stefani feat. Eve – Rich Girl". Ultratop. Hung Medien. http://www.ultratop.be/en/showitem.asp?interpret=Gwen+Stefani+feat%2E+Eve&titel=Rich+Girl&cat=s. Retrieved October 22, 2010.
  46. ^ Rubenstein, Atoosa (August 2004). "Courtney Love speaks about Gwen Stefani". Seventeen (Hearst Communication): 19.
  47. ^ "The 100 Greatest Songs of 2005". Blender. January 10, 2006. http://www.blender.com/guide/68191/100-greatest-songs-2005.html Archiviato il 4 agosto 2009 in Internet Archive.. Retrieved March 21, 2007.
  48. ^ a b c Gwen Stefani - Love Angel Music Baby- CD - IBS
  49. ^ McCroy, Winnie (January 5–11, 2005). "A sound that pops, and more". The Villager (Village Voice Media) 74 (35). http://www.thevillager.com/villager_88/asoundthatpops.html Archiviato il 25 febbraio 2012 in Internet Archive.. Retrieved March 22, 2007.
  50. ^ Linden, Amy (December 13, 2004). "The '80s Girl Inside Reveals More Doubts Than Boundaries". The Villager. Village Voice Media. http://www.villagevoice.com/music/0450,linden,59190,22.html. Retrieved March 22, 2007.
  51. ^ a b Moss, Corey (November 1, 2005). "For Gwen Stefani, Egyptian Cotton Is Something Like Love". MTV News. MTV Networks. http://www.mtv.com/news/articles/1512621/20051031/story.jhtml. Retrieved February 27, 2007.
  52. ^ "For The Record: Quick News On Britney Spears, Mariah Carey, 50 Cent, Gwen Stefani, Nick Lachey & More". MTV News. MTV Networks. February 28, 2006. http://www.mtv.com/news/articles/1525104/20060228/spears_britney.jhtml. Retrieved February 27, 2007.
  53. ^ a b Haines, Lisa (November 29, 2004). "Review of Gwen Stefani – Love Angel Music Baby". BBC Music. BBC Online. https://www.bbc.co.uk/music/reviews/pp4h. Retrieved March 22, 2007.
  54. ^ "New Gwen Video on YouTube". Spin. October 16, 2006. http://www.spin.com/articles/new-gwen-video-youtube. Retrieved March 21, 2007.
  55. ^ Hooper, Joseph (January 16, 2007). "L.A.M.B. Chops". Elle. Hachette Filipacchi Media U.S. Copia archiviata, su elle.com. URL consultato il 15 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2012).. Retrieved February 27, 2007
  56. ^ Smirke, Richard (November 23, 2004). "Gwen Stefani: Love. Angel. Music. Baby (2004) review". Playlouder. Archived from the original on November 24, 2004. https://web.archive.org/web/20041124015247/http://playlouder.com/review/+loveangelmusicba/. Retrieved March 22, 2007.
  57. ^ a b c d Sylvester, Nick (November 23, 2004). "Gwen Stefani: Love Angel Music Baby". Pitchfork Media. http://pitchfork.com/reviews/albums/7789-love-angel-music-baby/. Retrieved February 26, 2007.
  58. ^ a b Shawhan, Jason (November 23, 2004). "Gwen Stefani – Love, Angel, Music, Baby". About.com. The New York Times Company. http://dancemusic.about.com/od/reviews/fr/GwenStefLamb.htm. Retrieved December 9, 2007.
  59. ^ a b c Sullivan, Caroline (November 19, 2004). "Gwen Stefani, Love Angel Music Baby". The Guardian. guardian.co.uk. http://www.guardian.co.uk/music/2004/nov/19/popandrock.shopping6. Retrieved February 26, 2007.
  60. ^ a b Murison, Krissi (December 10, 2004). "Gwen Stefani : Love Angel Music Baby". NME. IPC Media. http://www.nme.com/reviews/gwen-stefani/7561. Retrieved March 22, 2007.
  61. ^ "Love, Angel, Music, Baby – Gwen Stefani". Metacritic. CBS Interactive. http://www.metacritic.com/music/love-angel-music-baby. Retrieved July 3, 2010.
  62. ^ Sanneh, Kelefa (November 22, 2004). "Critic's Choice: New CD's". The New York Times. The New York Times Company. https://www.nytimes.com/2004/11/22/arts/music/22snoo.html?_r=1. Retrieved March 22, 2007.
  63. ^ Nine, Jennifer (November 25, 2004). "Gwen Stefani – Love, Angel, Music, Baby". Yahoo! Music. Archived from the original on December 11, 2004. https://web.archive.org/web/20041211125829/http://uk.launch.yahoo.com/041125/33/1xcq5.html. Retrieved March 22, 2007.
  64. ^ Murphy, John. "Gwen Stefani – Love Angel Music Baby (Polydor)". musicOMH. http://www.musicomh.com/albums/gwen-stefani.htm. Retrieved March 22, 2007.
  65. ^ "Records of the Year". Rolling Stone. Wenner Media. December 15, 2004. Archived from the original on March 29, 2007. https://web.archive.org/web/20070329070851/http://www.rollingstone.com/news/story/6768041/records_of_the_year. Retrieved April 17, 2007.
  66. ^ Jeckell, Barry A. (December 7, 2005). "50 Cent, Green Day Reap Major Billboard Music Awards". Billboard. Prometheus Global Media. https://www.billboard.com/#/news/50-cent-green-day-reap-major-billboard-music-awards-1001615496.story. Retrieved February 27, 2007.
  67. ^ "Grammy Awards 2005: Key winners". BBC News Online. February 14, 2005. http://news.bbc.co.uk/2/hi/entertainment/4262875.stm. Retrieved October 18, 2010.
  68. ^ Cohen, Jonathan (February 14, 2005). "Charles Tops Grammys With Eight Trophies". Billboard. Prometheus Global Media. https://www.billboard.com/#/news/charles-tops-grammys-with-eight-trophies-1000799516.story. Retrieved February 27, 2007.
  69. ^ "ASCAP Members Receive Multiple Nominations for the 48th Annual Grammy Awards". American Society of Composers, Authors, and Publishers. http://www.ascap.com/eventsawards/awards/grammys/2006/nominees.html. Retrieved February 27, 2007.
  70. ^ Sheffield, Rob (June 15, 2006). "Nelly Furtado: Loose". Rolling Stone. Wenner Media. Archived from the original on June 29, 2007. https://web.archive.org/web/20070629214243/http://www.rollingstone.com/artists/nellyfurtado/albums/album/10519526/review/10574365/loose. Retrieved June 23, 2007.
  71. ^ a b Phanor, Alexandra (September 20, 2006). "What a Long Sexy Sleazy Hungover Wild Child Black Eyed Trip It's Been…". Giant. Archived from the original on June 25, 2007. https://web.archive.org/web/20070625173854/http://www.giantmag.com/2006/09/music/what-a-long-sexy-sleazy-hungover-wild-child-black-eyed-trip-its-been%E2%80%A6/. Retrieved July 16, 2007.
  72. ^ Vincentelli, Elisabeth (September 21, 2006). "Fergie: The Dutchess (Interscope)". Time Out New York (573). http://www.timeout.com/newyork/music/fergie. Retrieved July 22, 2007.
  73. ^ Whitmire, Margo (December 1, 2004). "U2's 'Bomb' Explodes At No. 1". Billboard. Prometheus Global Media. https://www.billboard.com/#/news/u2-s-bomb-explodes-at-no-1-1000728821.story. Retrieved February 27, 2007.
  74. ^ "Love, Angel, Music, Baby – Gwen Stefani". Billboard. Prometheus Global Media. https://www.billboard.com/#/album/gwen-stefani/love-angel-music-baby/655068. Retrieved October 22, 2010.
  75. ^ Cohen, Jonathan (October 5, 2006). "No Doubt Hits The Road". Billboard. Prometheus Global Media. https://www.billboard.com/#/news/no-doubt-hits-the-road-1003973960.story. Retrieved March 30, 2007.
  76. ^ "Gwen Stefani – Love Angel Music Baby". The Official Charts Company. ChartArchive. http://chartarchive.org/r/34568 Archiviato il 12 settembre 2012 in Internet Archive.. Retrieved October 10, 2010.
  77. ^ "Mika tops singles and albums charts". Music Week. Intent Media. February 12, 2007. Copia archiviata, su musicweek.com. URL consultato il 15 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).. Retrieved July 3, 2012.
  78. ^ "Yearly Best Selling Albums – 2005". British Phonographic Industry. http://www.bpi.co.uk/assets/files/Yearly%20best%20sellers%20-%20albums.pdf. Retrieved August 26, 2011.
  79. ^ "Gwen Stefani – Love.Angel.Music.Baby." (in Dutch). Ultratop. Hung Medien. http://www.ultratop.be/nl/showitem.asp?interpret=Gwen+Stefani&titel=Love.Angel.Music.Baby.&cat=a. Retrieved March 16, 2011.
  80. ^ "Gwen Stefani – Love.Angel.Music.Baby.". Australian Recording Industry Association. Hung Medien. http://australian-charts.com/showitem.asp?interpret=Gwen+Stefani&titel=Love%2EAngel%2EMusic%2EBaby%2E&cat=a. Retrieved October 10, 2010.
  81. ^ "ARIA Charts – End Of Year Charts – Top 100 Albums 2005". Australian Recording Industry Association. http://www.aria.com.au/pages/aria-charts-end-of-year-charts-top-100-albums-2005.htm. Retrieved February 27, 2007.
  82. ^ "Love.Angel.Music.Baby. – Gwen Stefani". Billboard. Prometheus Global Media. https://www.billboard.com/#/album/gwen-stefani/love-angel-music-baby/655068. Retrieved November 18, 2010.
  83. ^ Infantry, Ashante (November 30, 2006). "Stefani has it all, baby". Toronto Star. Star Media Group. http://www.thestar.com/article/125206. Retrieved October 10, 2010.
  84. ^ "Top 50 Global Best Selling Albums for 2005". International Federation of the Phonographic Industry. Archived from the original on May 30, 2009. https://web.archive.org/web/20090530024815/http://www.ifpi.org/content/library/top50-2005.pdf. Retrieved October 11, 2010.
  85. ^ Gwen Stefani – Love.Angel.Music.Baby., Australian Recording Industry Association. Hung Medien. URL consultato il 10 ottobre 2010.
  86. ^ (DE) Gwen Stefani – Love.Angel.Music.Baby., IFPI Austria. Hung Medien. URL consultato il 16 marzo 2011.
  87. ^ (NL) Gwen Stefani – Love.Angel.Music.Baby., Ultratop. Hung Medien. URL consultato il 16 marzo 2011.
  88. ^ (FR) Gwen Stefani – Love.Angel.Music.Baby., Ultratop. Hung Medien. URL consultato il 16 marzo 2011.
  89. ^ a b c Love.Angel.Music.Baby. – Gwen Stefani, su Billboard, Prometheus Global Media. URL consultato il 18 novembre 2010.
  90. ^ Gwen Stefani – Love.Angel.Music.Baby., IFPI Denmark. Hung Medien. URL consultato il 16 marzo 2011.
  91. ^ Gwen Stefani – Love.Angel.Music.Baby., IFPI Finland. Hung Medien. URL consultato il 16 marzo 2011.
  92. ^ (FR) Gwen Stefani – Love.Angel.Music.Baby., Syndicat national de l'édition phonographique. Hung Medien. URL consultato il 16 marzo 2011.
  93. ^ (DE) Chartverfolgung / Stefani,Gwen / Longplay, Media Control. PhonoNet GmbH. URL consultato il 10 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2012).
  94. ^ (EL) Top 50 Ξένων Aλμπουμ [Top 50 Foreign Albums], IFPI Greece, 4 settembre 2005. URL consultato il 18 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 9 settembre 2005).
  95. ^ Top 75 Artist Album, Week Ending 12 May 2005, Irish Recorded Music Association. Chart-Track. URL consultato il 10 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2012).
  96. ^ Artisti – Classifica settimanale dal 01-07-2005 al 07-07-2005, Federation of the Italian Music Industry. URL consultato il 3 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2012).
  97. ^ (JA) ラヴ.エンジェル.ミュージック.ベイビー./グウェン・ステファニー [Love. Angel. Music. Baby. / Gwen Stefani], Oricon. URL consultato il 3 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2012).
  98. ^ a b (ES) Top 100 Album 2005 (PDF), Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 17 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2009).
  99. ^ Gwen Stefani – Love.Angel.Music.Baby., su Verdens Gang, Hung Medien. URL consultato il 16 marzo 2011.
  100. ^ Gwen Stefani – Love.Angel.Music.Baby., Recording Industry Association of New Zealand. Hung Medien. URL consultato il 16 marzo 2011.
  101. ^ (NL) Gwen Stefani – Love.Angel.Music.Baby., MegaCharts. Hung Medien. URL consultato il 16 marzo 2011.
  102. ^ Gwen Stefani – Love Angel Music Baby, The Official Charts Company. ChartArchive. URL consultato il 10 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 12 settembre 2012).
  103. ^ (CS) Oficiální česká hitparáda IFPI ČR – 43. týden 2005, IFPI Czech Republic. Marketing & Media, 27 ottobre 2005. URL consultato il 4 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2013).
  104. ^ Gwen Stefani – Love.Angel.Music.Baby., Productores de Música de España. Hung Medien. URL consultato il 16 marzo 2011.
  105. ^ Gwen Stefani – Love.Angel.Music.Baby., Swedish Recording Industry Association. Hung Medien. URL consultato il 16 marzo 2011.
  106. ^ Gwen Stefani – Love.Angel.Music.Baby., Media Control. Hung Medien. URL consultato il 16 marzo 2011.
  107. ^ ARIA Charts – End Of Year Charts – Top 100 Albums 2005, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 27 febbraio 2007.
  108. ^ (DE) Jahreshitparade 2005, IFPI Austria. Hung Medien. URL consultato il 10 ottobre 2010.
  109. ^ (NL) Jaaroverzichten 2005, Ultratop. Hung Medien. URL consultato il 10 ottobre 2010.
  110. ^ (FR) Rapports Annuels 2005, Ultratop. Hung Medien. URL consultato il 10 ottobre 2010.
  111. ^ Chart of the Year 2005, IFPI Denmark. TOP20.dk. URL consultato il 26 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2011).
  112. ^ (FI) Myydyimmät ulkomaiset albumit vuonna 2005, IFPI Finland. URL consultato il 18 novembre 2010.
  113. ^ (FR) Classement Albums – année 2005[collegamento interrotto], Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 10 ottobre 2010.
  114. ^ (DE) VIVA Album Jahrescharts 2005, Media Control. VIVA, 19 gennaio 2011. URL consultato il 26 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2012).
  115. ^ Hit Parade Italia - ALBUM 2005
  116. ^ Annual Top 50 Albums Chart 2005, Recording Industry Association of New Zealand. URL consultato il 10 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2012).
  117. ^ (SV) Årslista Album – År 2005, Swedish Recording Industry Association. URL consultato il 10 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2013).
  118. ^ Swiss Year-End Charts 2005, Media Control. Hung Medien. URL consultato il 10 ottobre 2010.
  119. ^ Yearly Best Selling Albums – 2005 (PDF), British Phonographic Industry. URL consultato il 26 agosto 2011.
  120. ^ 2005 Year End Charts – The Billboard 200, su Billboard, Prometheus Global Media, 26 novembre 2005. URL consultato il 10 ottobre 2010.
  121. ^ Top 50 Global Best Selling Albums for 2005 (PDF), International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato l'11 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2009).
  122. ^ ARIA Chart Sales – ARIA End of Decade Albums/Top 100 (PDF), Australian Recording Industry Association. URL consultato l'11 ottobre 2010.
  123. ^ Decade End Charts – Billboard 200 Albums, su Billboard, Prometheus Global Media. URL consultato l'11 ottobre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica