Louise Penny

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Louise Penny

Louise Penny (Toronto, 1º luglio 1958) è una scrittrice canadese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata il 1 luglio 1958 a Toronto, nell'Ontario, vive e lavora in un piccolo villaggio a sud di Montréal[1].

Laureata alla Ryerson University di Toronto, ha lavorato per diciotto anni alla Canadian Broadcast Company prima di dedicarsi alla scrittura a tempo pieno[2].

Con il romanzo Still Life ha inaugurato nel 2005 la fortunata serie avente per protagonista l'ispettore capo Armand Gamache e giunta nel 2018 alla quattordicesima indagine[3].

Ha vinto la maggior parte dei premi letterari dedicati alla narrativa gialla inclusi 5 Anthony Award e 6 Premi Agatha[4].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Serie Armand Gamache[modifica | modifica wikitesto]

  • Still Life (2005)
  • A Fatal Grace (2007)
  • The Cruelest Month (2008)
  • The Murder Stone (2009)
  • The Brutal Telling (2009)
  • Bury Your Dead (2010)
  • L'inganno della luce (A Trick of the Light, 2011), Milano, Piemme, 2013 traduzione di Maria Clara Pasetti ISBN 978-88-566-2639-1.
  • The Hangman (2011)
  • The Beautiful Mystery (2012)
  • How the Light Gets In (2013)
  • La via di casa (The Long Way Home, 2014), Milano, Piemme, 2017 traduzione di Gioia Sartori ISBN 978-88-566-4781-5.
  • The Nature of the Beast (2015)
  • A Great Reckoning (2016)
  • Case di vetro (Glass Houses, 2017), Torino, Einaudi, 2019 traduzione di Letizia Sacchini ISBN 978-88-06-24020-2.
  • Il regno delle ombre (Kingdom of the Blind, 2018), Torino, Einaudi, 2020 traduzione di Letizia Sacchini ISBN 978-88-06-24361-6.
  • Un uomo migliore (A better man, 2019), Torino, Einaudi, 2020 traduzione di Letizia Sacchini ISBN 978-88-06-24658-7.
  • I diavoli sono qui (All the Devils are Here, 2020), Torino, Einaudi, 2021 traduzione di Letizia Sacchini ISBN 978-88-06-24822-2.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Profilo della scrittrice, su goodreads.com. URL consultato il 6 febbraio 2018.
  2. ^ (EN) Biografia e bibliografia, su bookseriesinorder.com. URL consultato il 6 febbraio 2018.
  3. ^ La via di casa di Louise Penny, su thrillercafe.it. URL consultato il 6 febbraio 2018.
  4. ^ (EN) Cenni biografici, su crimewriterscanada.com. URL consultato il 6 febbraio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79555703 · ISNI (EN0000 0001 2282 3217 · Europeana agent/base/109497 · LCCN (ENn2006006905 · GND (DE13155669X · BNF (FRcb165224345 (data) · BNE (ESXX4843005 (data) · NLA (EN42023251 · NDL (ENJA01136533 · WorldCat Identities (ENlccn-n2006006905