Louis Lewin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Louis Lewin (Tuchola, 9 novembre 1850Berlino, 1º dicembre 1929) è stato un farmacologo tedesco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La stazione della metropolitana berlinese dedicata a Louis Lewin

Cominciò gli studi al ginnasio per poi proseguire all'Università di Berlino. Dopo il conseguimento della laurea in medicina nel 1876, si trasferì a Monaco nei laboratori di Voit e Pettenhkofer. Ritornato a Berlino nel 1878, divenne assistente di Liebreich all'Istituto di farmacologia dell'Università e, tre anni dopo, fu ammesso alla facoltà di medicina come ordinario di farmacologia e tossicologia. Nel 1886 pubblicò la prima analisi metodica del Peyote, che inizialmente, in suo onore, fu chiamato Anhalonium lewinii. Nel 1897 fu nominato professore, ricevendo la carica onoraria nel 1919.

A Berlino sono state dedicate al suo nome una via ed una stazione della metropolitana.

Classificazione Tossicologica delle Droghe[modifica | modifica sorgente]

Il compito più impegnativo per Lewin fu quello di creare un sistema per la classificazione delle piante e droghe psicoattive basato sulla loro azione farmacologica. Le categorie originali erano:

Opere[modifica | modifica sorgente]

Al momento della sua morte, Lewin lasciò circa duecentotrenta pubblicazioni, soprattutto su problemi di farmacologia, ma si occupò anche di medicina, di chimica, di etnologia e di antropologia.

Bibliografia in lingua italiana[modifica | modifica sorgente]

  • Louis Lewin, Il grande manuale delle droghe, La Spezia, F.lli Melita, 1993. ISBN 88-403-7075-7
  • Louis Lewin, Phantastika: il più classico atlante sulle droghe scritto da un farmacologo dei tempi di Freud, ristampa anastatica, 3 volumi, Roma, Savelli, 1981. Comprende:
vol. 1: Euforizzanti: oppio, morfina, eroina e cocaina
vol. 2: Allucinogeni: peyotl, alcool, ipnotici
vol. 3: Eccitanti: kawa, betel, kat, mate, parica, tabacco
  • Louis Lewin, Gli stupefacenti, Milano, Vallardi, 1928

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 53074 LCCN: n87900878