Louis Jean François Lagrenée

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Louis Jean François Lagrenée
Ritratto di Gautier

Louis Jean François Lagrenée (Parigi, 21 gennaio 1725Parigi, 19 giugno 1805) è stato un pittore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Noto anche con il nome di Lagrenée l'Ainé (Lagrenée il primogenito), fu l'allievo preferito di Charles van Loo. Nel marzo del 1744, a vent'anni, fu ammesso alla Scuola degli "allievi protetti" (allievi sotto osservazione) e inviato a Roma. Fu poi accettato come allievo a pieno titolo nel 1753.

Su invito della Zarina Elisabetta di Russia visitò San Pietroburgo.
Il 31 maggio del 1755 venne accolto come membro dell'Accademia reale di pittura e scultura grazie ad una sua tela: "Il rapimento di Deianira da parte del centauro Nesso".

Successivamente divenne professore aggiunto, quindi professore titolare, nonché direttore dell'Accademia di Francia a Roma sino al 1787 (dove dipinse una delle sue migliori opere: "La vedova indiana"), poi Rettore, Conservatore e infine Amministratore onorario del Museo.
Nel 1804, un anno prima della morte, Napoleone I gli conferì la legion d'Onore.

Morì ottantenne al Louvre. Suo allievo fu il fratello minore Jean-Jacques Lagrenée detto "le Jeune", ed anche suo figlio Anthelme-François divenne pittore.

Il giudizio di Diderot[modifica | modifica wikitesto]

Assai severo fu il giudizio che della sua opera e della sua persona come artista diede di lui Diderot:

«Amico mio, sei in pieno stato di grazia, dipingi e disegni a meraviglia, ma non hai immaginazione né spirito. Tu sai studiare la natura, ma ignori il cuore umano. Senza l'eccellenza del tuo "saper fare" saresti l'ultimo della fila. E ci sarebbe molto da dire anche su questo tuo "saper fare": è grasso, impastato e seducente. Ma ne uscirà mai una verità forte, un effetto che corrisponda a quello del pennello di un Rubens o di un Van Dyck ?,(1767)»

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marc Sandoz, Les Lagrenée, I. - Louis (Jean, François) Lagrenée, 1725-1805, Tours, 1983.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN47678872 · ISNI (EN0000 0001 1636 0762 · LCCN (ENn84186277 · GND (DE123809517 · BNF (FRcb11968368g (data) · ULAN (EN500015042 · CERL cnp00577534