Louis De Potter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Louis De Potter

Louis De Potter (Bruges, 26 aprile 1786Bruges, 22 luglio 1859) è stato uno scrittore e politico belga.

Dopo un soggiorno in Italia, a Roma dal 1811 al 1821 e a Firenze dal 1821 al 1823, divenne leader dell'alleanza cattolica belga nel 1828. Fu espulso dal Paese nel 1829, per la sua opposizione al re. Dopo la rivoluzione fece parte del governo, ma si dimise e caldeggiò un'unione olandese-belga.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Louis De Potter, Vie de Scipion De Ricci, évêque de Pistoie et Prato, Bruxelles, H. Tarlier, libraire-éditeur, 1825.
  • L'Union des catholiques et des libéraux dans les Pays-Bas, (2nd edition, Brussels 1831)
  • Histoire du christianisme (Paris 1836, 8 Bde.)
  • Résumé de l'histoire du christianisme (1856, 2 Bde.)
  • La Révolution belge de 1828 à 1839, souvenirs personnels (Brussels 1838-39, 2 Bde.)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Louis De Potter, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Controllo di autorità VIAF: (EN64348024 · ISNI: (EN0000 0000 7357 9616 · GND: (DE100229441 · BNF: (FRcb129185297 (data) · CERL: cnp01356442