Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Lotfi Zadeh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zadeh a Berkeley nel 2005

Lotfi Aliasker Zadeh (Baku, 4 febbraio 1921Berkeley, 6 settembre 2017[1]) è stato un ingegnere, matematico e ricercatore iraniano naturalizzato statunitense.

È noto soprattutto per i suoi lavori che segnano la nascita della teoria degli insiemi fuzzy nel 1965 (nota in italiano anche come teoria degli insiemi sfocati) e la teoria della logica fuzzy nel 1973.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da padre giornalista iraniano (di Ardabil) e da madre ebrea russa, cresce in Iran e studia a Teheran, prima al Liceo Alborz quindi alla Università di Teheran. Nel 1944 si trasferisce negli Stati Uniti. Alla Columbia University, nel 1952, insieme a John R. Ragazzini, di cui era allievo, è autore di studi pionieristici nell'analisi e nel trattamento dei segnali nel dominio del tempo discreto su quella che si sarebbe chiamata la Trasformata z[2], divenuta strumento di uso comune nell'elaborazione numerica dei segnali e nel controllo digitale. Dal 1959 ha insegnato all'Università della California a Berkeley.

Altri suoi studi successivi riguardano l'introduzione del Soft computing nel 1991, la computazione con le parole, la teoria computazionale della percezione e il linguaggio naturale precisato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Azerbaijani scientist Lotfi Zadeh passes away, news.az. URL consultato il 7 settembre 2017.
  2. ^ (EN) Cade Metz, Lotfi Zadeh, Father of Mathematical ‘Fuzzy Logic,’ Dies at 96, in New York Times, 11 settembre 2017. URL consultato il 12 settembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN59157256 · LCCN: (ENn79017973 · ISNI: (EN0000 0001 0905 6957 · GND: (DE128821760 · BNF: (FRcb12342587j (data)