Lorenzo Tornabuoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lorenzo Tornabuoni (Firenze, 1465Firenze, 21 agosto 1497) è stato un nobile italiano.

Stemma dei Tornabuoni

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Giovanni Tornabuoni, ricco banchiere e di Francesca di Luca Pitti. Venne arrestato nell'agosto 1497 con l'accusa di aver favorito una cospirazione atta a ripristinare l'egemonia di Piero il Fatuo, esiliato dal 1494, su Firenze. Il 21 agosto venne condannato a morte col parere favorevole del gonfaloniere Francesco Valori,[1] a sua volta linciato l'anno seguente dai Tornabuoni. La sentenza venne eseguita nel palazzo del Bargello e Lorenzo venne decapitato assieme a Niccolò Ridolfi, Giannozzo Pucci, Giovanni Cambi e Bernardi del Nero.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Lorenzo sposò nel 1486 Giovanna degli Albizi dalla quale ebbe tre figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Tornabuoni di Firenze, in Famiglie celebri italiane, Milano, 1835.
Controllo di autorità VIAF: (EN72461623 · ISNI: (EN0000 0000 7871 6392 · BNF: (FRcb148137139 (data)