Lorenzo Richelmy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lorenzo Richelmy (La Spezia, 25 marzo 1990) è un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio d'arte (i genitori sono attori di teatro[1]), nasce a La Spezia il 25 marzo 1990. Trasferitosi con la famiglia a Roma nel 1994, passerà l'adolescenza e proseguirà la carriera scolastica nella capitale, diplomandosi quindi al Liceo Classico Giovanni Paolo II di Ostia Lido (Roma).

Nel 2009, al termine delle riprese della seconda stagione de I liceali, su consiglio dei colleghi Giorgio Tirabassi e Claudia Pandolfi[2], sceglie di interrompere la carriera lavorativa per frequentare la Scuola Nazionale di Cinema del Centro sperimentale di cinematografia, diventando l’attore più giovane mai ammesso al Centro Sperimentale. Scelta che gli garantì una formazione professionale di livello, ma che tuttavia gli precluse una continuità lavorativa.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

La prima esperienza come attore risale all'età di otto anni quando interpreta un ruolo nello spettacolo teatrale Il Sempione strizza l'occhio al Frejus di Elio Vittorini, per la regia di Italo Spinelli. In seguito è protagonista per due stagioni (1999-2000) nello spettacolo Zio Mario per la regia di Mario Prosperi al Teatro Politecnico di Roma.

Nel 2002 è il figlio di Rocco Papaleo ed Elena Sofia Ricci ne Il pranzo della domenica di Carlo Vanzina.

Nel 2007 viene scelto dal casting director Dario Ceruti (Unione Italiana Casting Director) per interpretare il ruolo di "Cesare Schifani" nella serie tv I liceali, per la regia di Lucio Pellegrini. Ruolo che gli fece raggiungere una notevole popolarità e che lo portò a vincere il premio come "personalità europea emergente", assegnatogli dal Ministero del Turismo.

Dal 2009 al 2011, durante il triennio di formazione al Centro sperimentale, partecipa a numerosi cortometraggi e lavori teatrali, nonché alla serie web Alice non lo sa diretta da Alessandro Guida. Inoltre, nel 2010, con il cortometraggioTiro a vuoto di Roberto Zazzara, vince il premio come miglior attore al FigariFilmFest.

Nel 2011 viene scelto come protagonista nel film 100 metri dal paradiso di Raffaele Verzillo. Nello stesso anno è protagonista di puntata nella serie Sposami di Umberto Marino e nel lungometraggio Fat Cat di Michele Fiascaris, film che gli è valso diversi riconoscimenti come migliore attore nei festival americani ed europei[3].

Nel 2012 è il protagonista di La terra e il vento, opera prima del giovane regista Sebastian Maulucci, e partecipa alla web series Kubrick, una storia porno dei The Jackal. Nel 2013 prende parte al progetto LARPers-to Protect and Play, per la regia di Umberto Francia, nel ruolo di Marco[4], e interpreta il ruolo del protagonista nel film Il Terzo Tempo di Enrico Maria Artale. Nel 2014 interpreta il ruolo del figlio di Carlo Verdone nel film Sotto una buona stella ed è protagonista della serie Netflix Marco Polo, nel ruolo di Marco Polo.

Nel 2015 interpreta il ruolo di Fabio, uno dei quattro protagonisti, nel film Hybris.

Nel 2017 recita nei film La ragazza nella nebbia, insieme a Toni Servillo, e in Una questione privata, con Luca Marinelli. L'anno successivo è uno dei protagonisti di Ride, film completamente girato con le gopro, e di Una vita spericolata, al fianco di Matilda De Angelis e Eugenio Franceschini.

Nel 2019 gira la puntata pilota della serie ABC "Triangle". Nello stesso anno interpreta il ruolo di "Enzo" nella serie televisiva svedese "Sanctuary”, girata in Trentino e uscita in Italia nel 2020.

Sempre nel 2020 Richelmy è co-protagonista, assieme a Sergio Castellitto, nel film Il talento del calabrone, distribuito dal 18 novembre 2020 sulla piattaforma Prime Video, dove interpreta il ruolo di Dj Steph, un giovane e famoso dj e speaker radiofonico.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Tiro a vuoto, regia di Roberto Zazzara (2010)
  • 99899, regia di Umberto Francia (2013)
  • LARPers-to Protect and Play, regia di Umberto Francia (2013)
  • Knockout, regia di Francesca Marino (2014)

Webserie[modifica | modifica wikitesto]

  • ...Alice non lo sa! - mediometraggio, regia di Alessandro Guida (2010)
  • Kubrick - Una storia porno, regia di Ludovico Bessegato - serie TV, 3 episodi (2012)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Gran Sasso strizza l’occhio, regia di I. Spinelli (1998)
  • Zio Mario, regia di M. Prosperi (1999-2000)
  • Ivanov, regia di E. Popova (2009)
  • Racconto d'inverno, regia di E. Popova (2010)
  • Monologhi, regia di D. Warren (2011)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Terzo Tempo: intervista a Lorenzo Richelmy "Il rugby? Molto simile alla vita", su rugby1823.blogosfere.it. URL consultato il 13 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  2. ^ artsevent.eu, http://www.artsevent.eu/intervista-lorenzo-richelmy/.
  3. ^ Hollywood Reporter, Netflix's 'Marco Polo' Sets Its Cast, su hollywoodreporter.com.
  4. ^ LARPers - to protect and play - Lorenzo Richelmy è Marco! Archiviato il 22 marzo 2013 in Internet Archive.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3008151475064200490008 · GND (DE1149548290 · WorldCat Identities (ENviaf-3008151475064200490008