Lorenzo Gelati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lorenzo Gelati (Firenze, 26 gennaio 1824Firenze, 18 maggio 1895) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'arno alla pescaia di san Niccolò al tramonto, 1860, collezione Cassa di Risparmio di Firenze

Pittore sin dall'età giovanile, ebbe come maestro Carlo Markò il vecchio, ed espresse una poetica interessata essenzialmente al paesaggio ma anche alle scene di genere. Partecipò, con Saverio Altamura e Serafino de Tivoli, alla breve esperienza della Scuola di Staggia. Frequentò il caffè Michelangelo, dove entrò in contatto con i Macchiaioli, pur non aderendo formalmente al loro movimento. Fu in sintonia con loro per quanto riguarda la resa pittorica e gli accordi cromatici usati nelle raffigurazioni dei suoi soggetti.

La sua copiosa produzione è stata decapitata a causa della frequente attribuzione dei suoi quadri ad artisti come Giuseppe Abbati, Raffaello Sernesi, Odoardo Borrani e altri[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Luigi Marini, Il valore dei dipinti dell'Ottocento, Torino, Umberto Allemandi editore, 2005.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emanuela Bianchi, GELATI, Lorenzo, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 53, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2000. URL consultato il 22 febbraio 2017.
  • Andrea Baboni, La pittura toscana dopo la macchia. 1865-1920: l'evoluzione della pittura del vero, Novara, Istituto geografico De Agostini, 1994, pp. 35-39, ISBN 88-415-0955-4.
  • Silvestra Bietoletti, I macchiaioli: la storia, gli artisti, le opere, Firenze, Giunti, 2001, 156-161, ISBN 88-09-02145-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN72525137 · ISNI (EN0000 0000 6688 8496 · SBN IT\ICCU\VEAV\068307 · LCCN (ENnr2006004925 · GND (DE131454307 · ULAN (EN500058036 · CERL cnp00803811 · WorldCat Identities (ENnr2006-004925