Omicidio di Lorenzo Cutugno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Lorenzo Cotugno)
Jump to navigation Jump to search

L'omicidio di Lorenzo Cutugno venne commesso a Torino l'11 aprile 1978: la vittima era un agente di custodia in servizio alle carceri di Torino, che cadde in un agguato delle Brigate Rosse durante il periodo noto come anni di piombo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Targa commemorativa dell'agguato in zona Lungodora Napoli, a Torino

L'11 aprile 1978, mentre si trovava all'ingresso del palazzo dove risiedeva, in Lungo Dora Napoli 60,[1] due brigatisti, Cristoforo Piancone e Nadia Ponti, lo colpirono ripetutamente alle gambe con l'obiettivo di ferirlo. Egli tentò di reagire con la sua pistola e, pur già ferito, uscì sulla strada e sparò ai due terroristi in fuga riuscendo a colpire entrambi: la Ponti fu ferita leggermente, ma Piancone in modo più serio. Un terzo brigatista, Vincenzo Acella, uscì dalla vettura nella quale stava aspettando i complici[2] e colpì alle spalle il poliziotto, per poi sparargli un colpo mortale alla testa, dopo che era già ferito e riverso a terra.[3] Cristoforo Piancone, abbandonato dai compagni in un vicino ospedale cittadino, si dichiarò successivamente prigioniero politico e fu condannato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In memoria dell’Agente di Custodia Lorenzo Cutugno, ucciso dalle brigate rosse l’11 aprile 1978, su Polizia Penitenziaria Società Giustizia e Sicurezza, 11 aprile 2022. URL consultato l'8 giugno 2022.
  2. ^ LORENZO CUTUGNO, su Associazione italiana vittime del terrorismo. URL consultato il 22 maggio 2022.
  3. ^ V.Tessandori, Qui Brigate Rosse, p. 312.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Storia d'Italia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Storia d'Italia