Lorenzo Basso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lorenzo Basso
Lorenzo Basso daticamera.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Circoscrizione Liguria
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Titolo di studio Diploma di liceo scientifico
Professione impiegato

Lorenzo Basso (Genova, 19 febbraio 1976) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nella primavera 2010 viene eletto consigliere regionale del PD nella Regione Liguria.

Nel dicembre 2012 si è candidato alle primarie per la scelta dei candidati parlamentari del PD in vista delle elezioni del febbraio 2013, risultando con 4 474 voti il secondo classificato in provincia di Genova dietro a Mario Tullo:[1] è quindi candidato al Camera dei deputati nella Circoscrizione Liguria, risultando eletto. Si dimette quindi da consigliere regionale presso la Regione Liguria e si trasferisce a Roma nel ruolo di deputato, ove rimane in carica fino alla fine naturale della legislatura, ossia fino al marzo 2018.

Considerato vicino a Enrico Letta, ha firmato la mozione a sostegno della candidatura di Matteo Renzi alle elezioni primarie del Partito Democratico del 2013.[2]

Dal 2017 è il responsabile della Scuola di Politiche (SdP) di Letta in Liguria e vi tiene anche delle lezioni.

Inserito al terzo posto nel listino dietro a Franco Vazio e Rosa Maria Di Giorgi nel plurinominale Liguria - 01, non viene confermato alle elezioni politiche italiane del 2018.

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 gennaio 2019 la Corte dei Conti della Liguria, dopo una contestazione complessiva da 58.000 euro datata 14 luglio 2017,[3] condanna Basso e altri 9 ex consiglieri regionali del PD a risarcire il danno per spese non giustificate adeguatamente o considerate non inerenti all'attività politica in relazione ai primi 5 mesi del 2010.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]